LO SPETTACOLO PER I FERITI DI GUERRA

Anna MagnaniNei primi giorni del mese di giugno del 1942, il regime fascista, con la collaborazione del quotidiano "La Stampa" di Torino, organizzò uno spettacolo di beneficienza a favore dei feriti e mutilati di guerra. La rivista, con la regia di Michele Galdieri, ebbe luogo a Torino presso il Teatro Alfieri e fu presentata da Fausto Tommei. Vide la partecipazione dei più famosi attori teatrali comici dell'epoca: Macario, Totò, Nino Taranto, Navarrini, Tito Schipa, Carlo Rizzo, Paoli, Cobelli, Nives Poli. Parteciparono inoltre Paola Orlova e Margherita Del Plata.

Macario, Navarrini, Totò e Nino Taranto aprirono lo spettacolo con la famosa scenetta "La scampagnata dei tre disperati". Il finalissimo vide Anna Magnani con Totò e Castellani e l'attrice Marika, interpreti dello sketch della venditrice di fiorni al Pincio, tratto dalla rivista "Volumineide" di Galdieri. Nell'occasione tutti gli attori, scendendo dal palco verso il pubblico, offrirono fiori e dolciumi ai feriti di guerra accomodati nelle prime file, mentre venivano eseguiti canti e inni nazionali.


La prima e unica volta che ci incontrammo con Totò in teatro fu per uno spettacolo delle forze armate all'Alfieri di Torino. C'eravamo tutti e facemmo assieme "La scampagnata dei tre disperati", un famoso canovaccio della commedia dell'arte napoletana. I tre disperati eravamo lui, io e Macario. Siccome c'era anche Navarrini che aveva smesso la compagnia di riviste, Galdieri che organizzò questa mattinata a favore delle forze armate, volle che partecipasse anche lui e così i tre disperati diventarono quattro. Nella commedia non c'era, aggiungemmo anche un posteggiatore che veniva alla trattoria e cantava con la chitarra, era Tito Schipa. Fu un grande successo.

Nino Taranto


Galleria Fotografica


Così la stampa dell'epoca