Alabiso Daniele

Daniele Alabiso

(Roma, 1939). Prima della carriera da professionista quale Tecnico di montaggio, ha fatto esperienza nella gavetta da Assistente ed Aiuto di altri tecnici di montaggio

Fratello di Eugenio, Enzo, Salvatore, Mario ed altri tre, cugino di Ornella Muti.

Come sappiamo le voci degli Aiuti ed Assistenti erano scritti raramente negli scarni titoli di un tempo: quindi per la ricostruzione ci si può basare, oltre agli indizi offerti dalla memoria dei soggetti (da prendere sempre con cognizione di causa), da documenti quali libretti Enpals, contratti e notizie certe.

Considerando comunque parziali le notizie trascritte, come Assistente oppure Aiuto tra i film con Totò ai quali ha lavorato:

TOTO' LE MOKO' (1949)
LE SEI MOGLI DI BARBABLU' (1950)
47 MORTO CHE PARLA (1950)
UN TURCO NAPOLETANO (1953)
DUE NOTTI CON CLEOPATRA (1953)


Prima di essere il montatore della pellicola “Totò e Peppino divisi a Berlino”, che, per me fu routinario, e che ricordo nelle mance, Totò era molto più generoso, del pur sensibile Peppino, fui Assistente (al montaggio) del montatore Roberto Cinquini(che dirigeva anche il doppiaggio), e, perciò, a film con Totò, ho lavorato in molti. Sono stato assistente al montaggio in pellicole dirette da Mattoli, e per altre dirette da Bragaglia.
In alcuni film dove Roberto era aiuto-regista, il montaggio lo curava o suo fratello Renato Cinquini, o Leo Catozzo, oppure Giuliana Attenni. Mi pare, che il primo film con Totò, dove io abbia lavorato, vi lavoravo come aiuto-montatore, sia stato “47 Morto che parla”.

Ricordo “Totò le Mokò”: in questa occasione mi divertii. Io interpretai il più giovane dei componenti la banda. Giravamo in interni alla Titanus-Farnesina a Ponte Milvio. Ricordo che guadagnai bene, perché ci lavoravamo il 4 novembre, festivo, alle ore 13 non facemmo pausa e dalle ore 19, scattava il notturno: quanti “straordinari” facemmo.
Talvolta, a noi del reparto montaggio, capitava l’occasione di poter andare sul set, del film cui stavamo curando il montaggio, ed accadeva specialmente se giravano alla Scalera, dato che qui, la moviola, dove noi lavoravamo, era sita proprio al piano superiore, sopra al teatro di posa dove filmavano i ciack. Così, si scendeva, per fare una passeggiata e curiosare. Ero aiuto-montatore per “Le sei mogli di Barbablù”, e qui, durante una “passeggiata” al piano inferiore, dove ero sceso a curiosare, mi fu chiesto di fare una comparsata: sono il ragazzo che bussa alla cabina, dicendo all’incirca: “Un cablogramma per il capitano…” No, oltre a Sofia Scicolone(non ancora “Loren”), non so chi fossero le altre 5 imprigionate da Barbablù.

Lavorai anche per “Due notti con Cleopatra”, con Sordi, e ricordo l’intrusione sul set di Totò. Lavorai al “Turco napoletano” come assistente montatore. Ancora come Assistente-montatore lavorai a “Miseria e nobiltà”: indimenticabili le nottate con Mattoli… Divenni montatore (o “Tecnico al Montaggio”), dal 1958 o ’59.
Ho lavorato anche a “Letto a tre piazze” di “Steno”, per la Cineriz. Talvolta, quando era necessario, Totò veniva a post-sicronizzarsi, vale a dire “doppiare sé medesimo”.
Accadde che Steno lo chiamò a farlo, per una unica battuta, consistente in una sola parola, non venuta bene in presa diretta. La parola era “Perché”. Venne, la recitò, ed poi, prima di andarsene mi disse: “Daniele, tieni, queste son diecimila lire per pagare il caffè ai ragazzi.”

I ragazzi, erano i miei giovani aiuti, assistenti, al missaggio, doppiaggio… Questi erano gli atti di generosità di cui era capace, e che posso, personalmente testimoniare.

Daniele Alabiso, 29 novembre e 9 dicembre 1999

Ricordo l'intrusione di Totò vestito da poliziotto su questo set.


MISERIA E NOBILTA' (1954)

Mi riferiva di non aver lavorato solamente in moviola, ma essere stato più volte sui set ed aver fatto pure occasionali genericate: ad esempio in TOTO' LE MOKO' è uno dei suonatori all'Alì Babà e in LE SEI MOGLI DI BARBABLU' è il mozzo che, dopo aver bussato, dice a Mister Parker che è arrivato un cablogramma (voce sua o doppiato non saprei)

Tecnico di montaggio ad esempio per: TOTO' E PEPPINO DIVISI A BERLINO (1962), PIEDONE LO SBIRRO (1973), ed altri.

Daniele Alabiso Toto Peppino divisi a Berlino


Riferimenti e bibliografie:

Simone Riberto, alias Tenente Colombo - (Raggiunto telefonicamente lunedì 29 novembre 1999)

Collegamenti esterni