Bongiorno Mike (Michael Nicholas Salvatore)

C’era stata una polemica con me, perché io mettevo gli occhiali e li toglievo, li mettevo e li toglievo. Allora eravamo agli inizi della televisione e a un certo punto dissero che questi occhiali luccicavano troppo e mi fecero mettere le lenti a contatto, però il cambiamento non funzionò perché il pubblico voleva che io continuassi a togliermi e rimettermi gli occhiali. In un primo momento non avevo né gli occhiali né le lenti a contatto, mi scrivevano le risposte su dei cartelli, con le lettere molto grandi, in modo che potessi leggere bene. E siccome allora venivano anche cinquanta fotografi, uno di loro si accorse che io avevo questi cartelli con le domande e le risposte scritte molto grandi e mi fotografò dall’alto: il giorno dopo vennero pubblicate le fotografie dove si vedevano i cartelli e allora io dissi basta, mi rimetto gli occhiali.

Mike Bongiorno, 1956

Michael Nicholas Salvatore Bongiorno, noto come Mike Bongiorno (New York, 26 maggio 1924 – Monte Carlo, 8 settembre 2009), è stato un conduttore televisivo, conduttore radiofonico e partigiano statunitense naturalizzato italiano, considerato tra i padri fondatori della televisione in Italia insieme a Corrado e Raimondo Vianello.

Soprannominato il re dei quiz per aver condotto numerosi giochi a premi che hanno fatto la storia della televisione italiana tra cui Lascia o raddoppia?, Rischiatutto e Flash per la RAI, Superflash e La ruota della fortuna per la Fininvest, vanta anche la carriera televisiva più lunga al mondo.

Toto Lascia o Raddoppia 00222

Maggiori informazioni...


Galleria fotografica e stampa dell'epoca


Filmografia

Attore

Motivo in maschera, regia di Stefano Canzio (1955)
Il prezzo della gloria, regia di Antonio Musu (1955)
I miliardari, regia di Guido Malatesta (1956)
Ragazze d'oggi, regia di Luigi Zampa (1957)
Il cenerentolo, regia di Flaminio Bollini (1968) - film TV
La vita, a volte, è molto dura, vero Provvidenza?, regia di Giulio Petroni (1972) - non accreditato
20 - Venti, regia di Marco Pozzi (2000)

Se stesso

Totò lascia o raddoppia?, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
Il giudizio universale, regia di Vittorio De Sica (1961)
C'eravamo tanto amati, regia di Ettore Scola (1974)
Sogni mostruosamente proibiti, regia di Neri Parenti (1982)
Come inguaiammo il cinema italiano - La vera storia di Franco e Ciccio, regia di Ciprì e Maresco (2004) - documentario


Riferimenti e bibliografie:

Intervista a Mike Bongiorno, "I film di Totò, 1946-1967: La maschera tradita" (Alberto Anile) - Le Mani-Microart'S, 1998