Feist Harry

Harry Feist

(Salisburgo, 11 aprile 1903 – Capri, 25 maggio 1963) è stato un ballerino e attore austriaco.

Biografia

Arrivato in Italia all'inizio degli anni 1940 come componente del corpo di ballo della Compagnia di Riviste Viennesi, dopo lo scioglimento della stessa per cause belliche viene scritturato da Michele Galdieri per alcuni spettacoli di rivista come Ma le rondini non sanno (con Nino Taranto, Dolores Palumbo) del 1942, poi con Garinei e Giovannini nello spettacolo Si stava meglio domani con Wanda Osiris del 1945.[1] Nel 1942 inizia a lavorare in varie produzioni cinematografiche italiane, di cui rimarrà storica quella in cui interpreta il maggiore Fritz Bergman in Roma città aperta di Roberto Rossellini. Continuerà a lavorare nel mondo del cinema sino al 1955. Rimase a vivere in Italia, per morire a Capri nel 1963.



Teatro di Varietà

Quando meno te l'aspetti, di Michele Galdieri con Totò, Anna Magnani, Mario Castellani, Vera Worth, Paola Orlova (1942)
Ma le rondini non sanno, di Michele Galdieri, con Nino Taranto, Dolores Palumbo, Olga Villi, Harry Feist, regia di Galdieri (1943).
Aria nuova, con Totò, Elena Giusti, Harry Feist, Lucia Mannucci, Quartetto Cetra, Mario Riva, Fausto Tommei, musiche di Armando Fragna, prima teatro Galleria a Roma 9 ottobre 1943
Orlando curioso, di Michele Galdieri, con Totò, Lucy D'Albert, Clelia Matania, Eduardo Passarelli, Harry Feist, teatro Valle 31 ottobre 1942.
Che ti sei messo in testa?, di Michele Galdieri, con Totò, Anna Magnani, Mario Castellani (1944)
Con un palmo di naso, di Michele Galdieri, con Totò, Anna Magnani, Mario Castellani (1944)
Si stava meglio domani, di Garinei e Giovannini, con Wanda Osiris, Gianni Agus, Harry Feist (1946)
C'era una volta il mondo, di Garinei e Giovannini, con Totò, Mario Castellani, Elena Giusti, Peppino De Martino, Isa Barzizza, Adriana Serra, Herry Feist (1947).

Filmografia

Inferno giallo, regia di Géza von Radványi (1942)
Orizzonte di sangue, regia di Gennaro Righelli (1943)
Il fiore sotto gli occhi, regia di Guido Brignone (1944)
Roma città aperta, regia di Roberto Rossellini (1945)
Aquila nera, regia di Riccardo Freda (1946)
Il diavolo bianco, regia di Nunzio Malasomma (1947)
Uomini senza domani, regia di Gianni Vernuccio (1948)
L'ebreo errante, regia di Goffredo Alessandrini (1950)
Vivere a sbafo, regia di Giorgio Ferroni (1949)
I pompieri di Viggiù, regia di Mario Mattoli (1949)
Canzone di primavera, regia di Mario Costa (1950)
Il caimano del Piave, regia di Giorgio Bianchi (1950)
Romanticismo, regia di Clemente Fracassi (1950)
L'ultima sentenza, regia di Mario Bonnard (1951)
Malavita, regia di Rate Furlan (1951)
Ultimo perdono, regia di Renato Polselli (1952)
Delitto al luna park, regia di Renato Polselli (1952)
Ludwig II, regia di Helmut Käutner (1955)

Doppiatori italiani

Giulio Panicali in Roma città aperta
Emilio Cigoli in Aquila nera


Note

  1. ^ AA.VV., Almanacco Bompiani 1975 il teatro di Varietà

Riferimenti e bibliografie: