Kuveiller Luigi

Luigi Kuveiller

(Roma, 3 ottobre 1927 – Fiano Romano, 10 gennaio 2013) è stato un direttore della fotografia italiano.

Figlio di un artigiano decoratore, abbandona presto gli studi ed inizia a lavorare a Cinecittà come apprendista nella troupe del direttore della fotografia Filiberto Emmanuel, per il film Redenzione (1943), diretto da Marcello Albani. A partire dal 1949 è consegnatario-macchina negli studi cinematografici della Safa-Palatino e in questo ruolo collabora con diversi direttori della fotografia.[1]

A partire dagli anni cinquanta intraprende un'importante carriera come operatore alla macchina, lavorando fra gli altri con Aldo Scavarda in L'avventura (1960) di Michelangelo Antonioni e con Aldo Tonti nel kolossal biblico Barabba (1961).[2]

I tre lustri precedenti, a partire dal 1953, era Operatore alla macchina e come tale anche per il film I TRE LADRI. Qui riferiva aver instaurato un rapporto di amicizia con Totò.

Dopo la gavetta da consegnatario macchina ed assistente operatore, finalmente, nel 1967 divenne Direttore di Fotografia con A ciascuno il suo, film che segna l'inizio del sodalizio artistico fra il regista Elio Petri, lo sceneggiatore Ugo Pirro e l'attore Gian Maria Volonté, che dà vita a film quali Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1970) e La classe operaia va in paradiso (1971), a cui Kuveiller dà il proprio contributo visivo. In questo periodo lavora anche con Roberto Faenza, per il suo esordio Escalation (1968), con Marco Ferreri per L'harem, con Alberto Lattuada per Fräulein Doktor (1969), con Marco Bellocchio per Sbatti il mostro in prima pagina (1972) e con Mario Monicelli per Romanzo popolare (1974) e Amici miei (1975).

Lavora anche con il grande Billy Wilder e con il clan Warhol nelle loro trasferte italiane, rispettivamente per la commedia Che cosa è successo tra mio padre e tua madre? e per il dittico horror Il mostro è in tavola... barone Frankenstein e Dracula cerca sangue di vergine... e morì di sete!!!.

Dopo aver raggiunto i risultati migliori della sua attività professionale nella prima metà degli anni settanta,[3] culminata nel cult di Dario Argento Profondo rosso, si dedica principalmente alla commedia popolare di consumo, lavorando regolarmente con Bruno Corbucci e Carlo Vanzina.

Dalla metà degli anni ottanta comincia a lavorare anche per la televisione, con lo sceneggiato televisivo Cuore di Luigi Comencini, a cui si dedica poi stabilmente dalla metà degli anni novanta.

Muore a Fiano Romano nel 2013 all'età di 86 anni.

Attivo dagli anni cinquanta come operatore di ripresa e dalla seconda metà degli anni sessanta come direttore della fotografia, è noto soprattutto per la collaborazione con il regista Elio Petri, per il quale curò la fotografia di ogni suo film da A ciascuno il suo (1967) a Todo modo (1976). Dagli anni novanta si è dedicato quasi esclusivamente alle produzioni televisive.


Profondo Kuveiller, dal sito i400calci.com


Filmografia

Cinema

Il federale, regia di Luciano Salce (1961)
La grande olimpiade, regia di Romolo Marcellini (1961)
Il diavolo, regia di Gian Luigi Polidoro (1963)
Su e giù, regia di Mino Guerrini (1965)
A ciascuno il suo, regia di Elio Petri (1967)
L'harem, regia di Marco Ferreri (1967)
Mangiala, regia di Francesco Casaretti (1968)
Escalation, regia di Roberto Faenza (1968)
Fräulein Doktor, regia di Alberto Lattuada (1969)
La monaca di Monza, regia di Eriprando Visconti (1969)
Un tranquillo posto di campagna, regia di Elio Petri (1969)
Toh, è morta la nonna!, regia di Mario Monicelli (1969)
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, regia di Elio Petri (1970)
Strogoff, regia di Eriprando Visconti (1970)
Sledge (A Man Called Sledge), regia di Vic Morrow (1970)
Una lucertola con la pelle di donna, regia di Lucio Fulci (1971)
Il furto è l'anima del commercio!?..., regia di Bruno Corbucci (1971)
La classe operaia va in paradiso, regia di Elio Petri (1971)
Io non vedo, tu non parli, lui non sente, regia di Mario Camerini (1971)
Causa di divorzio, regia di Marcello Fondato (1971)
Boccaccio, regia di Bruno Corbucci (1972)
Sbatti il mostro in prima pagina, regia di Marco Bellocchio (1972)
Che cosa è successo tra mio padre e tua madre? (Avanti!), regia di Billy Wilder (1972)
La proprietà non è più un furto, regia di Elio Petri (1973)
Il mostro è in tavola... barone Frankenstein (Flesh for Frankenstein), regia di Paul Morrissey e Antonio Margheriti (1973)
Le cinque giornate, regia di Dario Argento (1973)
Dracula cerca sangue di vergine... e morì di sete!!!, regia di Paul Morrissey (1974)
Delitto d'amore, regia di Luigi Comencini (1974)
Romanzo popolare, regia di Mario Monicelli (1974)
Il padrone e l'operaio, regia di Steno (1975)
La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone, regia di Pupi Avati (1975)
Profondo rosso, regia di Dario Argento (1975)
Amici miei, regia di Mario Monicelli (1975)
Todo modo, regia di Elio Petri (1976)
Il trucido e lo sbirro, regia di Umberto Lenzi (1976)
Il comune senso del pudore, regia di Alberto Sordi (1976)
Macchina d'amore, episodio di Basta che non si sappia in giro, regia di Nanni Loy (1976)
L'altra metà del cielo, regia di Franco Rossi (1977)
Io ho paura, regia di Damiano Damiani (1977)
Goodbye & Amen, regia di Damiano Damiani (1977)
Doppio delitto, regia di Steno (1977)
Per vivere meglio divertitevi con noi, regia di Flavio Mogherini (1978)
Pari e dispari, regia di Sergio Corbucci (1978)
La mazzetta, regia di Sergio Corbucci (1978)
La vita è bella, regia di Grigori Chukhraj (1979)
Non ti conosco più amore, regia di Sergio Corbucci (1980)
Giallo napoletano, regia di Sergio Corbucci (1980)
Piedone d'Egitto, regia di Steno (1980)
Mi faccio la barca, regia di Sergio Corbucci (1980)
Chi trova un amico, trova un tesoro, regia di Sergio Corbucci (1981)
Quando la coppia scoppia, regia di Steno (1981)
Sballato, gasato, completamente fuso, regia di Steno (1982)
Lo squartatore di New York, regia di Lucio Fulci (1982)
Banana Joe, regia di Steno (1982)
Scusa se è poco, regia di Marco Vicario (1982)
Malamore, regia di Eriprando Visconti (1982)
Il conte Tacchia, regia di Sergio Corbucci (1982)
Il ras del quartiere, regia di Carlo Vanzina (1983)
Grunt!, regia di Andy Luotto (1983)
Al bar dello sport, regia di Francesco Massaro (1983)
Flirt, regia di Roberto Russo (1983)
Figlio mio infinitamente caro, regia di Valentino Orsini (1985)
Via Montenapoleone, regia di Carlo Vanzina (1986)
Italian Fast Food, regia di Lodovico Gasparini (1986)
Una spina nel cuore, regia di Alberto Lattuada (1986)
Yuppies - I giovani di successo, regia di Carlo Vanzina (1986)
Montecarlo Gran Casinò, regia di Carlo Vanzina (1987)
I miei primi 40 anni, regia di Carlo Vanzina (1987)
Ti presento un'amica, regia di Francesco Massaro (1987)
Codice privato, regia di Francesco Maselli (1988)
La partita, regia di Carlo Vanzina (1988)
Scandalo segreto, regia di Monica Vitti (1989)
Nel giardino delle rose, regia di Luciano Martino (1990)
Tre colonne in cronaca, regia di Carlo Vanzina (1990)
Miliardi, regia di Carlo Vanzina (1991)
Piedipiatti, regia di Carlo Vanzina (1991)
Body Puzzle, regia di Lamberto Bava (1992)
Piccolo grande amore, regia di Carlo Vanzina (1993)
Delitto passionale, regia di Flavio Mogherini (1994)
I mitici - Colpo gobbo a Milano, regia di Carlo Vanzina (1994)
La strana storia di Olga 'O', regia di Antonio Bonifacio (1995)
Squillo, regia di Carlo Vanzina (1996)
Berlino '39, regia di Sergio Sollima (1999)

Televisione

Cuore, regia di Luigi Comencini (1984)
Quo vadis?, regia di Franco Rossi (1985)
L'ombra nera del Vesuvio, regia di Steno (1987)
La ciociara, regia di Dino Risi (1988)
Vita coi figli, regia di Dino Risi (1991)
Italian Restaurant, regia di Gigi Proietti (1994)
Mio figlio ha 70 anni, regia di Giorgio Capitani (1999)
Commesse, regia di Giorgio Capitani (1999)
Il ritorno del piccolo lord, regia di Giorgio Capitani (2000)
La memoria e il perdono, regia di Giorgio Capitani (2001)
Le ragazze di Miss Italia, regia di Dino Risi (2002)
Papa Giovanni - Ioannes XXIII, regia di Giorgio Capitani (2002)
Mai storie d'amore in cucina, regia di Giorgio Capitani e Fabio Jephcott (2004)

Riconoscimenti

Festival di Berlino 1969: premio speciale della giuria
Premio Gianni Di Venanzo 2004: Esposimetro d'oro alla carriera

Note

  1. ^ Stefano Masi, Dizionario mondiale dei direttori della fotografia, p. 491
  2. ^ Stefano Masi, op. cit., pp. 491-492
  3. ^ Stefano Masi, op. cit., p. 492

Riferimenti e bibliografie:

Simone Riberto, alias Tenente Colombo