Meniconi Furio

Furio Meniconi

(Roma, 22 febbraio 1924 – Roma, 12 dicembre 1981) è stato un attore italiano.

Biografia

Alto 183 cm, fratello di Nello, Mario ed Alfio. Nell'ANNUARIO DEL CINEMA ITALIANO 1950-'51, la prima edizione, è elencato fra i GENERICI, errato in FURIO MENICOTTI (ma il numero di telefono è lo stesso degli altri 3 correttamente "cognomati"); ignoro a partire da che anno, ha preso parte ad un numero sterminato di pellicole, dal passaggio che rasenta la comparsata fino al piccolo ruolo da caratterista, talvolta elencato nel cast (se non in testa, perlomeno nei titoli di coda) ma la maggior parte escluso. Della quarantina di pellicole nelle quali lo ho riconosciuto menziono quelli con Totò e qualcuno dei ruoli più interessanti, a seguire: TOTO' LE MOKO' (1949, tra i nomi esclusi dai titoli) dei 2 aggressori dell'anziano è il massiccio, IO SONO IL CAPATAZ ('50, con Rascel) dei rivoluzionari del Parzuela tiene il bazooka, FIGARO QUA...FIGARO LA' (escluso, 1950) è 1 dei banditi di Pedro, TOTOTARZAN ('50, escluso) dei 4 poliziotti che col commissario irrompono alla segheria, è il + massiccio: quello che con uno strattone al polso alza all'impiedi Finotti, LE SEI MOGLI DI BARBABLU' (escluso, '50) 1 delle 2 guardie del corpo, al servizio di Pecorino Capuzzi, SETTE ORE DI GUAI (escluso, '51) nel torpedone (accanto a Santarelli), TOTO' TERZO UOMO ( ancora '51 e nonostante sia in + sequenze è escluso pure qui dai nomi nei titoli) il complice di Oreste, TOTO' E I RE DI ROMA ('51, escluso) nella scena dell'Aldilà, DUE NOTTI CON CLEOPATRA ('53, escluso) un sottufficiale egizio, TOTO' E CAROLINA (presente nella versione parzialmente restaurata da 92', assente in quella cinematografica del 1954 da 81') bendato al naso in una scena al commissariato, IL SEGNO DI VENERE ('54-'55, è FRA I NOMI NEI TITOLI DI TESTA!) è l'oste; TOTO' E MARCELLINO (escluso, una posa parla, 1958) 1 dei 2 operai del trasloco, (Davide e Golia, '59 as Re dei Filistei? Non so devo ancora vederlo), WANTED (decimo nei titoli di testa, western 1966) as Geremia Prescott il fabbro, UCCIDI O MUORI (western '66) as papà Griffith, LE AVVENTURE DI PINOCCHIO ('71, è nei titoli di coda dell'episodio 4°) as contadino, BASTARDO VAMOS A MATAR (Western '71, è nei titoli di testa) as Don Felipe Antonio De Morena(doppiato), GIU' LA TESTA (è nei titoli di coda) as un rivoluzionario; C'ERAVAMO TANTO AMATI(escliso sia dai titoli di testa che di coda, 1974) è 1 degli invitati che magneno al 69esimo compleanno del sor Romolo, PROFONDO ROSSO(è nei titoli di coda, 1974-'75) è il guardiano della Villa dal 1967, doppiato da Corrado Gaipa; TUTTI FIGLI DI MAMMASANTISSIMA (è nei titoli di testa, '72) è il boss che spegne la candela con lo sputo; SALVO D'ACQUISTO (è nei titoli di coda, '75) dei 23 è Osvaldo (doppiato da Enzo Liberti)....Eccetera.

Filmografia

Il figlio di d'Artagnan, regia di Riccardo Freda (1949)
Totò le Mokò (1949) tra i nomi esclusi dai titoli, dei 2 aggressori dell'anziano è il massiccio
Figaro quà, figaro là (1950) è uno dei banditi di Pedro
Tototarzan (1950) tra i nomi esclusi dai titoli, dei 4 poliziotti che col commissario irrompono alla segheria, è il più massiccio; quello che con uno strattone al polso alza all'impiedi Finotti
Le sei mogli di Barbablù (1950) tra i nomi esclusi dai titoli, una delle due guardie del corpo, al servizio di Pecorino Capuzzi
Sette ore di guai (1951) tra i nomi esclusi dai titoli, nel torpedone (accanto a Santarelli)
Totò terzo uomo (1951) tra i nomi esclusi dai titoli, nonostante presente in più sequenze, è il complice di Oreste
Totò e i re di Roma (1951) tra i nomi esclusi dai titoli, presente nella scena dell'aldilà

Vendetta... sarda, regia di Mario Mattoli (1951)
Lo sai che i papaveri, regia di Vittorio Metz e Marcello Marchesi (1952)
La prigioniera di Amalfi, regia di Giorgio Cristallini (1952)
Riscatto, regia di Marino Girolami (1953)
Totò e Carolina (1953) presente nella versione parzialmente restaurata da 92', assente in quella cinematografica del 1954 da 81', bendato al naso in una scena al commissariato
Noi cannibali, regia di Antonio Leonviola (1953)
Amori di mezzo secolo, regia di Antonio Pietrangeli, Roberto Rossellini, Pietro Germi e Glauco Pellegrini (1953)
La campana di San Giusto, regia di Mario Amendola e Ruggero Maccari (1954)
Attila, regia di Pietro Francisci (1954)
La cortigiana di Babilonia, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1955)
Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
Mi permette, babbo!, regia di Mario Bonnard (1956)
Orlando e i paladini di Francia, regia di Pietro Francisci (1956)
Le schiave di Cartagine, regia di Guido Brignone (1957)
Il corsaro della mezzaluna, regia di Giuseppe Maria Scotese (1957)
Amore e chiacchiere, regia di Alessandro Blasetti (1957)
La Venere di Cheronea, regia di Fernando Cerchio e Viktor Tourjansky (1957)
Totò e Marcellino (1958) tra i nomi esclusi dai titoli, uno dei due operai del trasloco
Ballerina e Buon Dio, regia di Antonio Leonviola (1958)
Adorabili e bugiarde, regia di Nunzio Malasomma (1958)
Due selvaggi a corte, regia di Ferdinando Baldi (1958)
Capitan Fuoco, regia di Carlo Campogalliani (1958)
Il terrore dei barbari, regia di Carlo Campogalliani (1959)
Cartagine in fiamme, regia di Carmine Gallone (1959)
David e Golia, regia di Ferdinando Baldi e Richard Pottier (1959)
I tartari, regia di Ferdinando Baldi e Richard Thorpe (1960)
Le sette sfide, regia di Primo Zeglio (1961)
Il gigante di Metropolis, regia di Umberto Scarpelli (1961)
I moschettieri del mare, regia di Steno (1961)
Vulcano, figlio di Giove, regia di Emimmo Salvi (1961)
Le 7 fatiche di Alì Babà, regia di Emimmo Salvi (1962)
Oro per i Cesari, regia di Riccardo Freda, Sabatino Ciuffini e André De Toth (1962)
Cleopatra, regia di Joseph L. Mankiewicz (1963)
I predoni della steppa, regia di Tanio Boccia (1963)
Il dominatore del deserto, regia di Tanio Boccia (1964)
La valle dell'eco tonante, regia di Tanio Boccia (1964)
La rivincita di Ivanhoe, regia di Tanio Boccia (1964)
Ursus il terrore dei Kirhisi, regia di Antonio Margheriti (1964)
Bianco, rosso, giallo, rosa, episodio, Veni, vidi, vici, regia di Massimo Mida (1964)
I predoni del Sahara, regia di Guido Malatesta (1965)
James Tont operazione U.N.O., regia di Bruno Corbucci e Giovanni Grimaldi (1965)
Un gangster venuto da Brooklyn, regia di Emimmo Salvi (1966)
La morte viene dal pianeta Aytin, regia di Antonio Margheriti (1967)
John il bastardo, regia di Armando Crispino (1967)
Uccidi o muori, regia di Tanio Boccia (1967)
Dio non paga il sabato, regia di Tanio Boccia (1967)
Per pochi dollari ancora, regia di Giorgio Ferroni (1967)
Wanted, regia di Giorgio Ferroni (1967)
Il pistolero segnato da Dio, regia di Giorgio Ferroni (1968)
...e venne il tempo di uccidere, regia di Vincenzo Dell'Aquila (1968)
I due crociati, regia di Giuseppe Orlandini (1968)
Ammazzali tutti e torna solo, regia di Enzo G. Castellari (1968)
Quel caldo maledetto giorno di fuoco, regia di Paolo Bianchini (1968)
Spara, Gringo, spara, regia di Bruno Corbucci (1968)
Isabella duchessa dei diavoli, regia di Bruno Corbucci (1969)
Tarzana, sesso selvaggio, regia di Guido Malatesta (1969)
Django il bastardo, regia di Sergio Garrone (1969)
E Dio disse a Caino, regia di Antonio Margheriti (1970)
I leopardi di Churchill, regia di Marurizio Pradeaux (1970)
Una spada per Brando, regia di Alfio Caltabiano (1970)
L'arciere di fuoco, regia di Giorgio Ferroni (1970)
C'è Sartana... vendi la pistola e comprati la bara, regia di Giuliano Carnimeo (1970)
Uccidi Django... uccidi per primo!!!, regia di Sergio Garrone (1971)
W Django!, regia di Edoardo Mulargia (1971)
Bastardo... vamos a matar, regia di Gino Mangini (1971)
Armiamoci e partite!, regia di Nando Cicero (1971)
Viva la muerte... tua!, regia di Duccio Tessari (1971)
Giù la testa, regia di Sergio Leone (1971)
Le avventure di Pinocchio, regia di Luigi Comencini (1971)
...continuavano a chiamarlo Trinità, regia di Enzo Barboni (1971)
Testa t'ammazzo, croce... sei morto. Mi chiamano Alleluja, regia di Giuliano Carnimeo (1971)
Gli fumavano le Colt... lo chiamavano Camposanto, regia di Giuliano Carnimeo (1971)
Uomo avvisato mezzo ammazzato... parola di Spirito Santo, regia di Giuliano Carnimeo (1971)
...E poi lo chiamarono il Magnifico, regia di Enzo Barboni (1972)
La lunga cavalcata della vendetta, regia di Tanio Boccia (1972)
Alleluja e Sartana figli di... Dio, regia di Mario Siciliano (1972)
Il grande duello, regia di Giancarlo Santi (1972)
Il mio nome è Scopone e faccio sempre cappotto, regia di Juan Bosch (1972)
Tutti figli di Mammasantissima, regia di Alfio Caltabiano (1973)
Oremus, Alleluia e Così Sia, regia di Alfio Caltabiano (1973)
Campa carogna... la taglia cresce, regia di Giuseppe Rosati (1973)
Il bacio di una morta, regia di Carlo Infascelli (1974)
Salvo D'Acquisto, regia di Romolo Guerrieri (1974)
Di Tresette ce n'è uno, tutti gli altri son nessuno, regia di Giuliano Carnimeo (1974)
Profondo rosso, regia di Dario Argento (1975)
Un genio, due compari, un pollo, regia di Damiano Damiani (1975)
Hanno ucciso un altro bandito, regia di Guglielmo Garroni (1976)


Riferimenti e bibliografie:

Simone Riberto alias Tenente Colombo