DEI DUE, CHI SARA'?

(1936)

Titolo originale Dei due, chi sarà?

  • Testo: rivista in due tempi e 18 quadri di Antonio de Curtis
  • Interpreti: Totò, Clely Fiamma, Olivia Freid, Wiki Meran, Trio Norman Thomas, Golden Dancers, Maud Holstein, Luzie Buttner, Janka Ortimova, Ruth Ranch
  • Musica: Maestri Pasquale Frustaci e Oscar Festa
  • Compagnia: Compagnia di Riviste e Fantasie Comiche Totò

Sketch, quadri e notizie

Nota: presentato alla fine del 1936, questo copione, in cui Totò torna autore, viene ripresentato a gennaio del 1937 con l’aggiunta dello sketch della «Massaggiatrice», lo sketch del «manicomio» e lo sketch della «Camera». Proprio nello stesso anno, dopo diversi tentativi, avviene il debutto cinematografico di Totò con Fermo con le mani!, dove è presente anche la memoria del primo dei tre sketch.



Totò nei finti suicidi, negli scambi di persona, nella visita alla follia, nel tema - e nella prestazione del “doppio”, uno normale, l’altro un po’ vagabondo rispetto alle convenzioni della società - sono presenti molte delle situazioni - e probabilmente delle cifre comiche - dei suoi primi film, da Animali pazzi, di Carlo Ludovico Bragaglia (1939) a L’allegro fantasma, di Amleto Palermi (1941). La sua entrata è annunciata dal dialogo delle ballerine: «Bello? No! - Ricco? No! - Vecchio? No! - E allora com’è? Buffo al cento per cento!». Come zio libertino sostiene: «Significa che non essendo io prematuro fa d’uopo, anzi è ovvio che io ogni tanto m’imbarchi in qualche avventura femminea...».

Censura: pochi tagli, soprattutto ai sottintesi sessuali nello sketch con la massaggiatrice.

Nel periodo, la Compagnia riprende i seguenti spettacoli: Cinquanta milioni c’è da impazzire, La banda delle gialle, La vergine indiana e Dalla calza al dollaro.


SCENE PRINCIPALI

La massaggiatrice
Sulla spiaggia
Il manicomio
La camera

Gli sketch: la rivista, come suggerisce il titolo, presenta varie situazioni di confusione di persona e di identità. Totò di Torretotò ha un appuntamento sulla spiaggia con la ballerina Clely. Vengono attorniate dalle girls e dopo vari incontri con personaggi di lingue e dialetti diversi, Totò è raggiunto e sorpreso dalla moglie che vuole il divorzio. Gli viene consigliato l'avvocato Arturo Tempesta. Arturo, che è il sosia di Totò, dubita dell’amore della moglie e inscena un finto suicido per metterla alla prova approfittando della complicità di un amico, che lo avverte di aver visto sulla spiaggia uno identico a lui. La moglie Gianna che, preoccupata per il marito, ha mandato a chiamare un dottore, trova la lettera d’addio e si allontana da casa disperata. Intanto sopraggiungono contemporaneamente Totò, in cerca di un avvocato per divorziare dalla moglie, e il dottore chiamato da Gianna, che Totò scambia per l’Avvocato. Quando questa torna con la madre scambia Totò - che ignora di avere un sosia - per il fantasma di Arturo, e poi per Arturo stesso ed è la stessa madre a indurre uno stupito Totò a passare la notte con Gianna. Gli sketch aggiunti ricuciono e complicano la vicenda: nello sketch della «camera» Arturo rientra per verificare gli esiti del finto suicidio, dopo che Totò si era allontanato e viene preso per pazzo, ma gli infermieri porteranno poi via Totò ritornato a prendere il portafoglio. Nel «manicomio» Totò è fatto oggetto di tutte le specie di follia. Il terzo sketch invece non si lega al filo precedente: la massaggiatrice Maria Sardella cerca Gino Anguilla per farsi pagare e incontra invece lo zio con l’amico Pompeo Capitone che la scambiano per la ragazza sedotta dal nipote che sono venuti a liquidare.
Lo spunto, nello sketch "La spiaggia", è dato dagli equivoci che sorgono con la presenza di un sosia di Totò, l'avvocato Arturo Tempesta.


Così la stampa dell'epoca


Ricostruzione delle rappresentazioni della rivista nelle varie città italiane


TITOLO DELL'OPERATAPPE

Dei due, chi sarà?

Rivista in due tempi e 18 quadri di Antonio de Curtis

Compagnia di Riviste e Fantasie Comiche Totò

Roma, Teatro Galleria, 18-25 gennaio 1937

Torino, Teatro Chiarella, 12-14 febbraio 1937

Milano, Teatro Trianon, 22-29 marzo 1937

Roma, Teatro Galleria, 3-10 maggio 1937

Milano, Teatro Giardino Diana, 1-6 giugno 1937

Roma, Teatro Quattro Fontane, 11-17 marzo 1938


Riferimenti e bibliografie:

  • "Quisquiglie e Pinzellacchere" (Goffredo Fofi) - Savelli Editori, 1976 - «Sulla spiaggia» e «La Massaggiatrice», pp. 58-70;
  • "Tutto Totò" (Ruggero Guarini) - Gremese, 1991 - «La Massaggiatrice», pp. 284-288.
  • "Totalmente Totò, vita e opere di un comico assoluto" (Alberto Anile), Cineteca di Bologna, 2017
  • "Totò partenopeo e parte napoletano", (Associazione Antonio de Curtis), Marsilio Editore 1999

Rassegna stampa dai quotidiani:

  • La Stampa
  • Corriere della Sera
  • Corriere d'Informazione
  • Il Messaggero
  • L'Impero d'Italia