Print Friendly, PDF & Email

DONNA AMALIA

Donna Amalia

V'aggia spià 'na cosa Donn'Amà:
vurria sapè pecchè quanno ve veco,
la capa mia nun pò cchiù raggiunà.
Si me parlate, 'mpietto 'a voce vosta,
m'arriva comme n'arpa, nu viulino;
quanno rerite sento 'e manduline:
'na sinfunia 'e Betove e di Sciopè.
Che v'aggio ditto... niente Donn'Amà!
Quanno cu st'uocchie vuoste me guardate,
me sento tutto 'o sango 'e friccecà.
'O core fa na sosta, nun cammina;
me dice chiano chiano sottovoce:
"Dincello a Donn'Amalia... è bella, è ddoce!...
i' tengo 'o desiderio 'e ma spusà".