Enrico Luzi (Enrico Cucuzza)

Pseudonimo di Enrico Cucuzza, talvolta accreditato come Enrico Luzzi, (Trieste, 27 settembre 1919 – Roma, 18 ottobre 2011), è stato un attore e doppiatore italiano.

Biografia

Specializzato in ruoli da caratterista, è stato attivo in cinema, particolarmente con parti brillanti in commedie e musicarelli ma anche in ruoli seri in b-movie di genere poliziottesco, e televisione fra gli anni quaranta e gli anni ottanta.

Diviene famoso al pubblico radiofonico, nei primi anni cinquanta, nello spettacolo Rosso e nero.

Televisione

In televisione ha fatto parte con il Quartetto Cetra del cast di Biblioteca di Studio Uno nell'episodio La storia di Rossella O'Hara, parodia del romanzo di Margaret Mitchell Via col vento e ha partecipato ad alcune puntate delle serie televisive Le inchieste del commissario Maigret e quelle concernenti il tenente Sheridan e l'investigatore-gastronomo Nero Wolfe. Ha partecipato anche alle riprese de Il giornalino di Gian Burrasca, con Rita Pavone.

Doppiaggio

Come doppiatore, ha dato voce a molti cartoni animati, fra cui Kimba, il leone bianco, L'orsetto Mysha e Napo orso capo. È la voce dello zio Fester (nell'originale interpretato da Jackie Coogan), nella versione italiana del telefilm La famiglia Addams .

Fra le altre cose, Luzi ha inciso nel 1960 una versione sceneggiata discografica del Pinocchio collodiano[1].


Galleria fotografica

Foto: Getty Images, lombardiabeniculturali.it


Filmografia

L'ultimo ballo, regia di Camillo Mastrocinque (1941)
Se non son matti non li vogliamo, regia di Esodo Pratelli (1941)
Gioco pericoloso, regia di Nunzio Malasomma (1942)
Via delle cinque lune, regia di Luigi Chiarini (1942)
Avanti c'è posto..., regia di Mario Bonnard (1942)
Non sono superstizioso... ma!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1943)
Campo de' fiori, regia di Mario Bonnard (1943, non accreditato)
La statua vivente, regia di Camillo Mastrocinque (1943)
Fuga a due voci, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1943)
Il birichino di papà, regia di Camillo Mastrocinque (1943)
Due lettere anonime, Mario Camerini (1945)
Voglio bene soltanto a te, regia di Giuseppe Fatigati (1946)
Felicità perduta, regia di Filippo Walter Ratti (1946)
Il passatore, regia di Duilio Coletti (1947)
Vivere a sbafo, regia di Giorgio Ferroni (1949)
Al diavolo la celebrità, regia di Steno e Mario Monicelli (1949)
Marechiaro, regia di Giorgio Ferroni (1949)
Donne e briganti, regia di Mario Soldati (1950)
Tototarzan, regia di Mario Mattoli (1950)
Miss Italia, regia di Duilio Coletti (1950)
Quel fantasma di mio marito, regia di Camillo Mastrocinque (1950)
Canzone di primavera, regia di Mario Costa (1951)
È più facile che un cammello..., regia di Luigi Zampa (1951)
La famiglia Passaguai, regia di Aldo Fabrizi (1951)
Il microfono è vostro, regia di Giuseppe Bennati (1951)
Libera uscita, regia di Duilio Coletti (1951)
Tizio, Caio, Sempronio, regia di Marcello Marchesi, Vittorio Metz e Alberto Pozzetti (1951)
Auguri e figli maschi!, regia di Giorgio Simonelli (1951)
Tre storie proibite, regia di Augusto Genina (1952, secondo episodio)
Bellezze in motoscooter, regia di Carlo Campogalliani (1952)
Giovinezza, regia di Giorgio Pastina (1952)
Papà diventa mamma, regia di Aldo Fabrizi (1952)
Viva il cinema!, regia di Enzo Trapani (1952)
La figlia del reggimento, regia di Géza von Bolváry (1953)
La voce del silenzio, regia di Georg Wilhelm Pabst (1953)
Cose da pazzi, regia di Georg Wilhelm Pabst (1954)
Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno, regia di Ruggero Maccari, Mario Amendola (1954)
Nagana, regia di Hervé Bromberger (1955)
Carosello del varietà, regia di Aldo Quinti, Aldo Bonaldi (1955, accreditato come Enrico Luzzi)
Accadde al penitenziario, regia di Giorgio Bianchi (1955), accreditato come Enrico Luzzi
Gagliardi e pupe, regia di Roberto Bianchi Montero (1958)
Le ambiziose, regia di Tony Amendola (1960)
La donna di ghiaccio, regia di Antonio Racioppi (1960)
Gli scontenti, regia di Giuseppe Lipartiti (1961)
Il trionfo di Robin Hood, regia di Umberto Lenzi (1962)
Caccia alla volpe, regia di Vittorio De Sica (1966, non accreditato)
Per un pugno di canzoni, regia di Josè Luis Merino (1966)
Amore Formula 2, regia di Mario Amendola (1970)
Nel giorno del Signore, regia di Bruno Corbucci (1970)
Continuavano a chiamarli... er più e er meno, regia di Giuseppe Orlandini (1972)
Storia de fratelli e de cortelli, regia di Mario Amendola (1974)
Assassinio sul Tevere, regia di Bruno Corbucci (1979)
Il lupo e l'agnello, regia di Francesco Massaro (1980)
Il padrino - Parte III, regia di Francis Ford Coppola (1990)

Programmi radio Rai

Le avventure di Pinocchio, di Carlo Collodi, adattamento Luciano Folgore con Enrico Luzi, regia Nino Meloni 1950.
Rosso e nero, nello sketch l'uomo del cric (1951) (1953)

Televisione

Avventure in IV B (1964)
Biblioteca di Studio Uno: La storia di Rossella O'Hara (1964)
Le inchieste del commissario Maigret: L'ombra cinese (1966)
Tenente Sheridan: Paso doble (1967)
Tenente Sheridan: La donna di quadri (1968)
Nero Wolfe: Il pesce più grosso (1969)seudonimo di Enrico Cucuzza, talvolta accreditato come Enrico Luzzi, (Trieste, 27 settembre 1919 – Roma, 18 ottobre 2011), è stato un attore e doppiatore italiano.