RISATE DI GIOIA

Inizio riprese: giugno 1960 - Autorizzazione censura e distribuzione: 11 ottobre 1960 - Incasso lire 207.227.000 - Spettatori 1.209.520


Detti & contraddetti

Ti offro una bella pizza... i soldi ce li hai?


Umberto Pennazzuto

Scheda del film

Titolo originale Risate di gioia
Paese Italia - Anno 1960 - Durata 106’ - B/N - Audio sonoro - Genere commedia - Regia Mario Monicelli - Soggetto Alberto Moravia, Suso Cecchi D'Amico, Age & Scarpelli, Mario Monicelli - Sceneggiatura Suso Cecchi D'Amico, Age & Scarpelli, Mario Monicelli - Produttore Silvio Clementelli - Distribuzione (Italia) Titanus - Fotografia Leonida Barboni - Montaggio Adriana Novelli - Musiche Lelio Luttazzi - Scenografia Piero Gherardi, Giuseppe Ranieri


Totò: Umberto Pennazzuto detto Infortunio - Anna Magnani: Gioia Fabricotti detta Tortorella - Ben Gazzara: Lello - Fred Clark: l'americano ubriacone - Edy Vessel: Milena - Mac Ronay: Alfredo, il conducente della metropolitana - Leopoldo Valentini: controllore della metro - Tony Ucci: l'amico di Milena - Carlo Pisacane: il nonno di Gioia - Dori Dorika: la donna derubata al veglione - Gianni Bonagura: il presentatore del veglione - Marcella Rovena: la padrona della pensione - Gina Rovere: Mimì - Peppino De Martino: tappezziere Colombino - Alberto De Amicis: un amico del ristoratore - Elena Fabrizi - Fanfulla: Spizzico - Donatella Turri - John Francis Lane

Soggetto, Critica & Curiosità

1960-risate di gioiaSoggetto 

Gioia e Umberto si conoscono da vent'anni. Lei fa la generica a Cinecittà, lui vive di espedienti (crea finti incidenti per riscuotere l'assicurazione infortuni). La notte di Capodanno lei viene invitata ad un cenone con degli amici che non vogliono passare la festa in tredici, ma che poi la lasciano sola in piazza Esedra, quando scoprono che invece proprio con lei sarebbero in tredici. Lui viene coinvolto quale spalla di un ladruncolo, Lello, che, pressato dai debiti, vuole derubare i distratti partecipanti alle feste dell'ultimo dell'anno.

I due si incontrano casualmente proprio al veglione scelto da Lello per il suo colpo, ma Umberto, che si vergogna, non le confessa il vero motivo per cui si trova lì. Gioia quindi si aggrega a lui e vince un premio alla lotteria della festa: questo dà modo ai due di esibirsi di fronte al pubblico, in un duetto in cui cantano Geppina Gepì, una canzone del varietà, vantandosi di essere grandi artisti. Pressato dalle insistenze di Lello, che vuole a tutti i costi rubare qualcosa, Umberto cerca di sfuggirgli, allontanandosi assieme all'ignara Gioia.
Vagando per le strade, i due incontrano per caso in un ristorante gli amici di Gioia e si uniscono al loro cenone. Qui, però, lei scopre con sgomento il motivo per cui era stata dapprima invitata e poi abbandonata, mentre lui viene ritrovato da Lello, che lo pressa perché lo assista nei furti. Se ne vanno entrambi e Lello fa in modo di liberarsi di Gioia, facendola salire da sola sulla metropolitana, che la porterà nel lontano deposito.

Lello ed Umberto entrano in un altro veglione e qui si accordano con due figuri, Milena ed il suo sfruttatore-fidanzato, per derubare un ricco americano, visibilmente ubriaco, che la ragazza è riuscita ad agganciare. Gioia, dopo essere riuscita fortunosamente a rientrare in città, li incontra di nuovo e, sempre ignara del vero ruolo di Umberto, se ne va in auto, inseguita dai quattro, con il ricco americano. Costui la conduce alla fontana di Trevi nella quale vuole fare il bagno, per cui inizia a spogliarsi, ma Gioia chiama la Polizia che arresta l'americano.

Svanita anche questa possibilità di furto, Lello ed Umberto si ritrovano nuovamente a vagare assieme a Gioia per la città in festa. Dopo aver simulato un incidente, vengono ospitati in un'elegante villa nella quale è in corso un veglione di facoltosi tedeschi e dove Lello adocchia numerosi oggetti preziosi da rubare. Inizia a fare la corte a Gioia, con l'obiettivo di usare la sua borsa per poter portare fuori la refurtiva. La donna, lusingata dalle attenzioni del giovane, accetta le sue avances, nonostante gli avvertimenti di Umberto che la mette in guardia sulle reali intenzioni di Lello sino al punto che tra di loro nasce una colluttazione, in seguito alla quale la refurtiva viene scoperta. I tre vengono cacciati in malo modo dalla villa.

È ormai l'alba. Lello, frustrato per tutti gli insuccessi, litiga con Gioia e se ne va. La donna ed Umberto entrano in una chiesa. Qui Gioia rivede Lello in ginocchio davanti all'immagine della Madonna e si illude che egli sia lì per pregare, ma poi si accorge che invece lui ha appena rubato la preziosa collana che adorna la statua. Gioia inorridisce per il sacrilegio e blocca Lello, che però riesce a fuggire, mentre sarà proprio lei ad essere accusata dal furto.

Esce dalla prigione otto mesi dopo, il giorno di Ferragosto. Nel deserto della calura romana ad aspettarla fuori dal carcere c'è Umberto. I due, senza un soldo, si avviano a piedi per il Lungotevere fantasticando ancora di improbabili successi nello spettacolo. 

Critica & curiosità 

Anna Magnani reduce da film americani e da un Oscar con" La rosa tatuata" si mostrò perplessa a girare un film con Totò da molti consideraro un guitto. Le riprese comunque iniziarono il 3 maggio del 1960 nei pressi della Stazione Termini e vanno avanti per quaranta notti. La scena che maggiormente viene ricordata è quella della canzone Geppina  Geppi girata al Casinò di Azio , anche in questa occasione perplessità della Magnani , teme che Totò passandole da dietro la metta in ridicolo catturando per sè l'attenzione dello spettatore. Non ebbe molto successo di pubblico. 

Genesi del film

Secondo Matilde Hochkofler "Risate di gioia" nasce da una vertenza giudiziaria: nel febbraio 1959 la Magnani citò in giudizio il produttore Sandro Pallavicini chiedendo un risarcimento di 59 milioni di lire per via di un contratto del 1956 non rispettato. I due poi si accordano per la realizzazione di un film intitolato Il Pulcino che, però, non fu ritenuto commercialmente valido e fu sostituito dal soggetto di Risate di gioia. Dopo molti rinvii, dovuti anche agli impegni americani della Magnani, esso fu infine realizzato nel 1960.

Produzione

Inizialmente per la regia si pensò a Comencini, che però alla fine rifiutò. Mentre gli interni del film furono prodotti presso gli Stabilimenti Titanus, gli esterni furono quasi interamente girati di notte (a parte le scene finali sul Lungotevere). Le riprese erano iniziate il 3 maggio 1960 e durarono circa 40 giorni, ma il lavoro della troupe fu rallentato da un incidente occorso alla Magnani che si ruppe un braccio durante le riprese ambientate nella Chiesa di S.Andrea della Valle (una delle ultime scene della pellicola) e dovette stare ferma per circa 15 giorni.

Cast

Fu la stessa Magnani a suggerire che il ruolo del ladruncolo Lello fosse affidato a Ben Gazzara, un giovane attore di origini italiane che lei aveva conosciuto ad Hollywood.

Sviluppi

La scena del duetto Totò - Magnani con la canzone Geppina Geppì fu selezionata per un film di montaggio del 1975, revival degli anni '50.
Dopo 53 anni dall'uscita, il 9 dicembre 2013, il film è tornato in sala, in una versione completamente restaurata, realizzata dalla Cineteca di Bologna, dalla Titanus e da Rai Cinema.
Inizialmente la Magnani non voleva fare coppia con Totò. «Quando dissi alla Magnani – ha raccontato il regista Mario Monicelli - che per il ruolo del suo compagno avevo pensato a Totò (…) lei non lo voleva assolutamente…. Fu una cosa abbastanza spiacevole, perché pensava che questo l'avrebbe squalificata».

Secondo Giancarlo Governi «l'atteggiamento della Magnani è comprensibile: lei ha appena vinto un Premio Oscar, Totò invece è rimasto legato ad un cinema che viene considerato provinciale». I due attori avevano lavorato a lungo insieme nel varietà, anche nel periodo anteguerra ed il duetto di Geppina Gepì – una scena girata nel Casinò di Anzio - è un omaggio a quel loro periodo, di cui però non sono purtroppo rimaste testimonianze visive.
Nonostante le resistenze iniziali della Magnani, i due attori lavorarono poi di buon accordo. «Tra Anna Magnani e Totò – ha raccontato Furio Scarpelli, uno degli sceneggiatori - c'era una gara benevola, senza alcuna malignità, a chi diceva più battute».

Incasso

Risate di gioia incassò 206 milioni di lire. Dal punto di vista commerciale, quindi, l'opera non ebbe successo. La stessa Magnani lo ritenne « [...] un film brutto, sbagliato. Avevo accettato con Monicelli di fare la parte della buona; è venuto fuori Risate di gioia, un film anche commercialmente sbagliato (…)». L'artista rifiutò però di figurare quale responsabile dell'insuccesso: «in Italia c'è uno strano sistema: quando il film non viene la colpa è dell'attrice».
Secondo Monicelli (che arrivò a girare questa pellicola dopo il notevole successo ottenuto con "I soliti ignoti" nel 1958 e "La grande guerra" nel 1959) «la Magnani era un grande nome, però la gente non l'andava a vedere. Totò al contrario aveva un pessimo nome però la gente entrava nei cinema. Il pubblico era un po' prevenuto nei confronti della Magnani; aveva fatto dei film in America che avevano deluso la gente…».


Totò e Monicelli

Risate di gioia fu il settimo e ultimo incontro fra il grande attore napoletano e il regista di Guardie e ladri.
"In uno dei tanti incontri-dibattito centrati sull’immensa figura di Antonio De Curtis, Monicelli si è rammaricato di aver troppo imbrigliato nei propri film l’estro anarchico di Totò. In effetti, il Principe della Risata risulta stranamente condizionato da un certo rigore dei personaggi e dai vincoli di sceneggiatura presenti nella produzione del regista toscano (a parte, forse, il Totò cerca casa, 1949, realizzato in coppia con Steno). l’intento di Monicelli, del resto, non è quello di un Mattoli o un Bragaglia, preoccupati di esaltare la 'maschera' Totò sulla base di esili ma accattivanti canovacci. In lui, si percepisce sempre la volontà di fotografare un paese e dei personaggi 'reali', seppure distorti dalla sua circolare e contundente vena grottesca. Lo attestano riuscite come Guardie e ladri (1951), Totò e i re di Roma (1951) e, soprattutto, Totò e Carolina (1954-55), film che subisce non poche vessazioni dalla censura, perché accusato di non fornire un’immagine decorosa delle forze dell’ordine. Totò riesce con estrema professionalità a fornire ritratti convincenti del disgraziato/uomo qualunque/povero cristo, sia nel ruolo di Esposito, ladro di polli braccato dall’altrettanto sfortunato brigadiere Bottoni (uno straordinario Aldo Fabrizi), che in quello del poliziotto costretto ad accompagnare una giovane disgraziata (Anna Maria Ferrero) in Totò e Carolina: la figura di Antonio Caccavallo, agente di Pubblica Sicurezza, risulta assai lontana dall’irresistibile 'fracassone' di pellicole quali Toto sceicco (Mario Mattoli, 1950) o Totò le Mokò (Carlo Ludovico Bragaglia, 1949). Una distanza che non risulta essere un difetto, ma la dimostrazione che nell’artista Totò vi sono sfumature e abilità interpretative davvero infinite e che Monicelli riesce a cogliere tonalità fino ad allora non considerate (in seguito esplorate anche dal Rossellini di Dov’è la libertà?, 1952).
Il cammeo del maestro scassinatore nel già citato I soliti ignoti, impreziosisce un film già perfetto (forse il migliore di Monicelli) come un raffinato dessert al termine di un menu sontuoso. Meno riverito, ma comunque encomiabile, il ruolo dell’ex attore morto di fame in Risate di gioia. In quest’ultima pellicola, canto del cigno dei sogni e delle speranze che incessantemente esprimono le umili maestranze di Cinecittà, Totò fa coppia con Anna Magnani (già apprezzata compagna nelle vecchie riviste d’avanspettacolo), per la prima e unica volta sul grande schermo. Un inno dolceamaro alla classe di due anziani e disillusi artisti metaforicamente soppressi dal mondo dello spettacolo, disposto a sopportarli con la stessa supponenza che una famiglia di “nuovi ricchi” riserva al parente povero, venuto a mendicare un prestito per ragioni di sopravvivenza".

Fonte: http://distribuzione.ilcinemaritrovato.it/


I protagonisti

In un altro resoconto del set, leggiamo: "Totò passava le ore d’attesa fra un ciak e l’altro rintanato nella sua roulotte, con un’aria paziente, già estraniata, rotta a tratti da guizzi di allegria, da una delle sue battute. Anna finalmente non aveva da lottare con gli orari: girare di notte, a Roma, d’estate. Non poteva chiedere di meglio. Il soggetto ancora una volta era di Suso. Alla sceneggiatura avevano preso parte anche Age e Scarpelli, con i quali Anna aveva avuto dei contrasti. 'Secondo noi' dice Furio Scarpelli 'il personaggio di Anna doveva avere un’aria un po' sdrucita, da perdente. Ma Anna non se la sentiva di essere così smunta, un personaggio pieno di desideri, di sogni, di illusioni, vestita con uno straccetto che aveva la pretesa di essere elegante e invece riusciva soltanto a fare un po' di pena e tenerezza. Pretese un vestito bellissimo, la stola di volpi, un insieme prestigioso. Forse sbagliammo noi a darle retta: quando ti trovi davanti un grande attore, una grossa personalità, sei tu che in qualche modo devi andargli dietro. È mai possibile far fare a Cary Grant il ruolo del cattivo?'.
L’abito che Anna s’era fatta fare era nero, a tubo, molto scollato, coperto di pendenti di brillanti che le luccicavano addosso. Non poteva sedercisi, e i macchinisti le avevano costruito un buffo sedile all’impiedi, in cui lei s’appoggiava, facendo forza soprattutto sui gomiti. E poi la parrucca bionda, d’un platino sfrenato. 'Era una parrucca straordinaria, pareva un casco di capelli naturali, morbidi, fluenti», ricorda l’aiuto di Monicelli, Mario Maffei. Come operatore aveva lo stesso che l’aveva fotografata tanto bene nel film di Castellani, Leonida Barboni. 'Anna confabulava spesso con lui» ricorda Suso. 'Era preoccupata d’un piccolo calo che aveva sotto il mento, e non voleva assolutamente che si vedesse. Anna era fragile su quell’argomento, ma non bisogna giudicare col metro di oggi. Allora c’erano le bellone, si guardava soprattutto a quello'.
Con Totò lavorava, ancora una volta, benissimo. Fra loro c’era una gara benevola, senza alcuna malignità a chi diceva più battute e trovava il modo di ammiccare di più al personaggio o alla situazione. Totò era un amico, Anna l’amava con quella fiduciosa innocenza con cui si concedeva a poche persone. C’è una fotografia che li ritrae ai tempi di Risate di gioia in cui la Magnani e Totò s’abbracciano: gli anni hanno mutato i loro visi con piccoli segni di scalpello, ma l’espressione è la stessa di quando avevano lavorato con tanta gioia vent’anni prima.

Fonte: http://distribuzione.ilcinemaritrovato.it/


Erano notti piacevoli, quelle. Roma sembrava ritornata se stessa, abbandonata dal rumore delle macchine, i gatti che s’avvicinavano agli avanzi dei cestini della troupe, pochi passanti che sgattaiolavano negli angoli bui delle stradine del centro, i refoli di un vento lieve che veniva a rinfrescare la pelle bagnata di quel caldo appena stemperato dalla notte... Anna era allegra, capitava che verso l’alba invitava una parte della troupe a mangiare gli spaghetti a casa sua, che tirassero mattino a far baldoria. Soprattutto scherzava con il terzo grosso nome del cast, un americano di origine italiana che di nome si chiamava Biagio Antonio ma che nel cinema aveva preso il nome di Ben Gazzara. Era un po' spaesato, parlava un italiano storpiato, sconciando le parole. Lei metteva a frutto l’inglese che aveva imparato in America e così chiacchieravano. Gazzara non aveva una roulotte a disposizione come la Magnani e Totò e s’appoggiava soprattutto da Anna perché Totò era anziano, stanco, circondato dalla sua malattia. Capitava che s’allontanasse, comperando una bottiglia di champagne in qualche bar aperto di notte, e tornasse a berla con Anna, seduti su un vecchio marciapiede, oppure sugli scomodi divanetti della roulotte. Ben aveva degli occhi neri, quasi liquidi, tagliati obliquamente, che gli davano un’aria volpina. E un sorriso dolce, una bocca sensuosa, che spiccava con quello sguardo tanto furbo. Rideva, la sua bellissima voce impostata dall’Actor's Studio, e le faceva compagnia, divertendola. Una volta le aveva portato un piatto di spaghetti che s’era fatto fare da un ristorante in chiusura e li avevano mangiati ridendo, con Anna che si sbellicava alle difficoltà che aveva Gazzara a districarsi in quel mare di vermicelli che gli sgusciavano dalla forchetta come serpenti impazziti. Per lui qualche volta la Magnani cantava: 'Credo che non potrò mai dimenticare una notte in cui Anna mi cantò Malafemmina: quella sua voce che si perdeva nel buio, quegli occhi che si stagliavano nella sua faccia bianca; ancora oggi ricordo i brividi d’emozione che mi diede” racconta Gazzara'”.

Fonte: http://distribuzione.ilcinemaritrovato.it/


Monicelli: “Mi piacerebbe che il film riuscisse oggi per vedere che accoglienza avrebbe” 

Risate di gioia uscì in ottobre, distribuito dalla Titanus e attirò circa un milione e duecentomila spettatori che, per l'epoca, rappresentavano un esito modesto, soprattutto considerando le aspettative giustificate dal primo film della coppia Totò-Magnani (gli altri titoli interpretati dall'attore napoletano nel 1960 totalizzarono oltre il doppio).
"Pensavo avrebbe avuto un grande successo", dice il regista, "proprio perché c’era questa coppia molto popolare. La Magnani era un grande nome però la gente non la andava a vedere, Totò al contrario aveva un pessimo nome però la gente entrava al cinema. Il pubblico era un po’ prevenuto nei confronti della Magnani, aveva fatto dei film in America che avevano deluso la gente. Io volevo un’altra Magnani, quella dei vecchi tempi" (Alberto Anile, I film di Totò, Le Mani, Recco 1998).
In un'altra intervista, Monicelli dichiarò: “Era buono, ma un po’ vecchio, aveva l’aria del piccolo film anni Quaranta americano, con questa storia della donna che nella notte dell’ultimo dell’anno viene respinta da tutti. Una cosa alla William Powell, alla Frank Capra… Ma mi piacerebbe che riuscisse oggi per vedere che accoglienza avrebbe. […] L’idea mi era piaciuta, ma una volta scritta mi recai da Lombardo e gli dissi: 'Non facciamolo, mi sembra un film un po’ stantio, utilizziamo la coppia Magnani-Totò per qualcos’altro, in un altro modo'. Lombardo invece ne era entusiasta e io pensai che la mia impressione fosse molto personale, che forse mi sbagliavo io” (Mario Monicelli in L’avventurosa storia del cinema italiano raccontata dai suoi protagonisti, a cura di Franca Faldini e Goffredo Fofi, Feltrinelli, Milano 1981).
Probabilmente la più delusa dall'esito del film fu però la Magnani: “Spesso ho fatto la buona. Lo facevo per divertirmi, per provare a me stessa che potevo recitare la parte della buona: ma che ci ho guadagnato? Brutti film, film sbagliati. Cominciai con Castellani a fare la buona: e il risultato fu Nella città l’inferno. Continuai con Monicelli a fare la buona: e il risultato fu Risate di gioia. E anche con Pasolini ho fatto la buona: e il risultato è stato Mamma Roma, un film anche commercialmente sbagliato. E su chi cade la colpa di simili sbagli? Su me. Nessuno ha mai dato la colpa a Marlon Brando se il suo film Désirée era un obbrobrio. Ma tutti danno la colpa alla Magnani se quei film sono falliti. In Italia c’è uno strano sistema: quando il film viene male ne va di mezzo l’attrice. Si dimentica pure che io non sono un’attrice di mestiere, che riesco a combinare qualcosa solo quando sono libera di far quel che voglio come uno scrittore quando scrive o un pittore quando dipinge, che non posso obbedire alla tecnica, devo inventare. E poi mi hanno rotto le scatole con questi eterni ruoli di popolana isterica e rumorosa” (Anna Magnani, intervista di Oriana Fallaci, "l'Europeo", dicembre 1973).

La critica lo accolse senza particolare entusiasmo, sia in Italia che all'estero. Ma con il tempo il valore del film è cresciuto e quando viene riedito in Francia, nel 2013, nell'edizione restaurata dalla Cineteca di Bologna e dalla Titanus, in collaborazione con RAI Cinema, il film viene acclamato come un capolavoro, uno dei film più significativi e poetici dell'opera di Monicelli.

La commissione di censura pretese che una battuta dei dialoghi venisse modificata, come risulta da questa lettera della Titanus indirizzata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Direzione Generale dello Spettacolo: "Vi comunichiamo [...] che di nostra iniziativa abbiamo sostituito la battuta detta dalla Magnani: "Sono una manica di stronzi" con la battuta: "Sono una manica di fessi"." (Roma, 11.10.1960). Il nulla-osta ministeriale fu concesso l'11 ottobre del 1960.


Nel 1986, invece, Monicelli non nasconderà la propria delusione retrospettiva: “Aveva una eccezionale personalità, ma come donna, non come attrice. Come attrice sapeva fare soltanto se stessa, la Magnani. Appena uno le diceva di fare una cosa un po' diversa non sapeva proprio farla. Si basava sempre sulla sua grinta, sui suoi corrucci, sulle liti, ma il resto non le apparteneva. Finito il film – che andò bene senza ottenere grandi successi – non fui soddisfatto; mi sembrava un film vecchio e stantio. Rivisto adesso è invece piuttosto insolito. C’è un Totò straordinario, più della Magnani. Ci fu poi la piccola scoperta di Ben Gazzara, un ragazzotto italo-americano che avevo visto in un film americano e che feci venire in Italia per questo personaggio di piccolo magnaccia che la protagonista segue a scapito di Totò.
[…] La Magnani era abbastanza difficile da manovrare, perché aveva il tremendo complesso della gioventù e della bellezza, una cosa francamente insopportabile. Era un tormento per me, per l’operatore, per il truccatore: doveva essere sempre bella, fotografata in una certa maniera. Invece di preoccuparsi del ruolo, della psicologia, del rapporto con l’attore. Lei diceva che tutto le veniva 'istintivamente'; ma bisognava approfondire di più il personaggio. Ad ogni modo anche questo fa parte dell’apprentissage di un regista”.

Fonte: http://distribuzione.ilcinemaritrovato.it/

"Anche per Risate di gioia ebbi da lottare" (Monicelli)

Così Mario Monicelli, ad oltre vent'anni di distanza, ricordava la genesi di Risate di gioia: "all’origine era una sceneggiatura rifiutata da Comencini, che mi dette da leggere Suso Cecchi d’Amico. Mi piacque l’idea di questa protagonista in giro per tutta una notte, e anche l’idea di lavorare con la Magnani. Mi garbava anche il fatto che il film avesse un’unità aristotelica, perché durava il tempo reale; lo dovevamo girare tutto di notte – infatti girammo per quaranta notti consecutive. Molti amici mi incitavano: 'Hai fatto La grande guerra, hai vinto il Leone d’Oro, dovresti avere delle ambizioni diverse!'.
De Laurentiis mi braccava in maniera spietata perché facessi I due nemici [poi diretto da Guy Hamilton] dicendomi: “È un’operazione uguale a La grande guerra, c’è Sordi con David Niven...” Non m’interessava proprio, perché era una rimasticatura del mio film.
Anche per Risate di gioia ebbi da lottare. Alla Magnani piaceva il film; era il personaggio di una povera comparsa di Cinecittà che voleva vivere una bella notte di Capodanno, e poi veniva invitata ad una festa soltanto perché erano in tredici; si accorgeva in fine della scarsa considerazione in cui era tenuta e finiva con un altro relitto di Cinecittà, interpretato da Totò” (Mario Monicelli, L’arte della commedia a cura di Lorenzo Codelli, Dedalo, Bari 1986).
Al momento di annunciare l'inizio delle riprese, ai primi dell'estate del 1960, trapelava dalle parole del regista la soddisfazione di lavorare con la più grande attrice italiana, ormai famosa anche a livello internazionale, e il desiderio di rivelare aspetti inediti del suo talento: “Sono convinto” dichiara Monicelli alla stampa, “che Anna Magnani oltre ad essere una grande attrice drammatica abbia anche grandissime doti di comedienne. Anche lei ci crede, ma talvolta ha delle esitazioni comprensibili. Contrariamente a Gassman, la Magnani ha un larghissimo pubblico conquistato proprio con i suoi personaggi drammatici. Ma io sono convinto che il pubblico vedrà una Magnani nuova, quasi inedita, e mi interessa presentarla così”.

Fonte: http://distribuzione.ilcinemaritrovato.it/


Anna Magnani

Problemi con l'attrice emergono anche dalle dichiarazioni della co-sceneggiatrice del film, Suso Cecchi d'Amico: "Risate di gioia è molto bellino soprattutto per la sceneggiatura. Il film lo è meno per colpa della Magnani, anche se era pensato per lei. Però capitò in un’epoca della vita della Magnani in cui le era venuta l’ossessione dell’invecchiamento mentre prima se n’era sempre fregata da dove la fotografavano o come si vestiva. Fu una sorpresa per tutti noi, e anche per me che la conoscevo così bene ed era mia amica. Questa sua preoccupazione era patetica. Perché questa trucibalda deve avere un vestito di sartoria così, il trucco, la parrucca? Per farsi bionda ha voluto una parrucca bellissima invece doveva essere proprio come quelle che si ossigenano che dici oh Madonna mia che ha fatto, capito? Monicelli è un carattere forte ma con le donne non ha mai saputo molto combattere. Non ha saputo tener testa alla Magnani e questo ha rovinato il film che poi è carino lo stesso ma sarebbe stato irresistibile fatto come dicevamo noi, con la Magnani trucibalda. Così, in motocicletta con i capelli come una pazza. Invece lei ha voluto essere così, e poi con i velatini. Sono richieste patetiche, e poi era la Magnani non è che era una qualunque e potevi dire beh, pazienza, prendiamo un’altra. Questa ammissione di debolezza da parte sua ci lasciò tutti imbarazzati. Anna diceva: “Che mi vuoi rovinà, che mi vuoi fa così?”, non c’era niente da fare. Ce l’hanno tutte quest’affare del fisico ma per lei era anche il momento dell’età. Fu sbagliata proprio l’impostazione della cosa. Sarebbe stato necessario fare la stortignacola. Già nell’ultima rivista che lei fece in teatro, fu un disastro, lo so perché la seguii. Mentre ho un ricordo straordinario di lei con Totò all’Argentina, era proprio indimenticabile. Andavano molto a soggetto, queste cose si facevano tutti i giorni un po’ differenti. Sì, le fichelles, l’impostazione, le battute erano di effetto sicuro ma poi andavano secondo l’umore della serata".


"Un altro problema, per la Magnani, era il coprotagonista, Totò, con cui aveva recitato a teatro in quattro spettacoli (Quando meno te l'aspetti, 1940; Volumineide, 1942; Che ti sei messo in testa?, 1944 e Con un palmo di naso, 1944) ma con il quale finora non aveva mai interpretato un film: 'Allora Totò era considerato un guitto', spiega Monicelli 'faceva film che venivano ritenuti la vergogna d’Italia, la critica non li considerava nemmeno, li faceva recensire ai vice. La Magnani era invece reduce dall’Oscar, aveva lavorato con Marlon Brando e pensava che la presenza di Totò abbassasse il tono e la qualità del film. Io ritenevo Totò un grandissimo attore e mi sono sempre considerato fortunato ad avere fatto film con lui, avevo chiara la nozione di chi era e che cos’era. E poi mi piaceva mettere insieme proprio loro due, togliere alla Magnani quella sovrastruttura stupida che le aveva dato Pelle di serpente... Mi opposi con molta forza alle sue critiche dicendo: 'Vabbè senti: se vuoi fare il film così, va bene, sennò io non lo faccio'. E allora lei accettò e durante la lavorazione andò tutto benissimo, furono anzi molto carini tutti e due, molto vicini, si divertivano l’un con l’altro".

Fonte: http://distribuzione.ilcinemaritrovato.it/


Totò invece, aderì subito con entusiasmo alla prospettiva di recitare con la Magnani e di ritrovare la regia di Monicelli, due anni dopo il trionfo de I soliti ignoti (1958). Franca Faldini, all'epoca compagna del grande attore, racconta: "Quando gli proposero Risate di gioia, Totò fu felicissimo. Da anni sognava di tornare a lavorare con Monicelli, a volte si riteneva snobbato da lui, si chiedeva come mai, ne soffriva. Nel film, poi, ci sarebbe stata Anna Magnani, per cui aveva un culto, come attrice e come donna. Assieme avevano fatto le favolose riviste degli anni di guerra e quando si incontravano – sempre occasionalmente perché nel privato avevano giri diversi – c’erano abbracci, commozioni sincere, affettuosità reali e un mare di ricordi. Fisicamente, per Totò il film fu un grosso sacrificio perché era già semicieco, i medici gli raccomandavano molte cautele per gli occhi, era sotto intensa terapia antiemorragica per la corioretinite da cui era afflitto.

Il male e lo scarso movimento a cui lo costringeva, lo avevano molto appesantito. Soffriva a vedersi ridotto così, e quando andò per infilarsi il frac di scena che fino a tre anni prima gli era andato perfetto e abbondante, proprio come lui voleva, gli prese una botta di malinconi. Monicelli cercava di metterlo a suo agio, di non fargli pesare l’infermità. Anche la Magnani. Entrambi, tra loro, sfottevano Ben Gazzara, per la pronuncia siculo-americana con cui parlava l’italiano e perché era un po’ fanatico. Con l’altro, Fred Clark, non avevano molta comunicativa perché era sempre sbronzo…
La scena della festa dove Totò e la Magnani cantano fu girata al Casinò di Anzio. All’uscita, dopo le riprese, accadde un fatto. Se Totò proteggeva i cani randagi, Anna aveva la fissa dei gatti. Così ne vide uno che veniva maltrattato da alcuni ragazzini e immediatamente si precipitò urlando come uno dei personaggi dei suoi film, mentre nella vita parlava sempre da signora, aveva persino il birignao: “Brutti figli di mignotta, la volete piantà!”. Beh, uscirono fuori i genitori che volevano menarla. Totò, che non vedeva niente, si sentì in dovere di spalleggiarla, e mancò poco ne nascesse una zuffa. Dovettero accorrere quelli della troupe, e alla fine la Magnani se ne andò tutta fiera con il povero gatto in braccio”.

Fonte: http://distribuzione.ilcinemaritrovato.it/


A conferma dell'entusiasmo di Totò per avere ritrovato l'attrice, esiste anche questa dichiarazione rilasciata dall'attore alla “Settimana Incom”:

Quando mi preparavo per girare e sentivo nella roulotte vicino alla mia […] la voce di Nannarella, mi sembrava di essere tornato ai tempi di Volumineide.

Fonte: http://distribuzione.ilcinemaritrovato.it/


Anna Magnani: "Io mi ci diverto un mondo"

"Le riprese iniziano il 3 maggio del ‘60, in esterni nei pressi della Stazione Termini, e vanno avanti fino a luglio, per quaranta notti. Nell’afoso caldo romano torme di comparse vestono cappotti e marsine in un gigantesco e bizzarro veglione di San Silvestro completamente fuori tempo. L’italoamericano Gazzara biascica un pittoresco anglo-italiano e si trova benissimo con gli altri due interpreti. Totò, più stanco del solito, è costretto a rifugiarsi spesso in roulotte per riposarsi: Anna e Ben, invece, si concedono appena possono il divertimento di una canzone o la gioia di un piatto di spaghetti cucinati all’alba.
Totò recita nei panni di Umberto Pennazzuto detto Infortunio, un generico di Cinecittà che arrotonda il magro guadagno truffando le assicurazioni. E che trascina malinconicamente i suoi sogni dopo una vita spesa nell’avanspettacolo. Per dare un po’ di sapore realistico al personaggio, Monicelli mostra in una scena alcune vere foto della carriera teatrale di Totò, compreso l’Otello interpretato in A prescindere. 'Avevamo bisogno di alcune vecchie locandine', spiega oggi il regista. 'Era un po’ una citazione, un gioco di cui poi nessuno si accorse. Attaccammo proprio le sue, tanto per avere qualcosa che fosse dell’epoca, perché il suo personaggio si vantava di avere avuto un passato nel teatro anche se poi faceva la comparsa a Cinecittà. Un po’ di autobiografismo lo mettono sempre, forse Totò lo mise anche in quel piccolo sketch di Geppina. Era una canzone che conoscevano e che avevano fatta tutti e due ma credo fosse la prima volta che la facevano insieme: la Magnani ci metteva la sua maniera e lui stava dietro un po’ in disparte con quel suo controscena che secondo me la schiaccia definitivamente. Totò, secondo me, era di molto superiore a lei'. La scena di Geppina è un omaggio alla rivista, a uno straordinario sodalizio teatrale, quello della Magnani con Totò, di cui non sono rimaste testimonianze visive. Nel resto del film Totò si rinchiude in se stesso, temendo forse di rovinare con qualche lazzo fuori posto il lavoro rigoroso di Monicelli; la sua interpretazione diventa distaccata, quasi elegante, adatta al ruolo ma molto meno divertente del previsto.
Le ultime riprese vengono realizzate a Sant’Andrea della Valle, la chiesa in cui Gioia e Umberto sono accusati di aver voluto rubare una collana preziosa alla statua della Madonna. Totò gira buona parte del film in presa diretta, per evitare problemi in sala di doppiaggio. Qualche battuta è comunque costretto a ripeterla in studio; la vista debolissima gli impedisce di vedere le immagini in moviola, ma aiutandosi con la cuffia una volta preso il ritmo riesce a portare a termine il lavoro”.

Fonte: http://distribuzione.ilcinemaritrovato.it/


Ben Gazzara

A posteriori raccontò l'emozione procuratagli dall'incontro con i due mostri sacri italiani: "Anna Magnani era una donna straordinaria, una donna eccezionalmente vitale, eppure a suo modo dolce e tenera, tanto è vero che mostrava nei miei confronti una affettuosità commovente. Molti anni dopo ci rincontrammo a Londra, dove lei stava interpretando a teatro La lupa per la regia di Franco Zeffirelli. Mi recai a vederla e, dopo lo spettacolo, andai in camerino per salutarla. Non appena mi vide mi venne incontro e mi abbracciò gridando con la sua voce roca: 'Figlio mio, figlio mio…'. Totò non era meno straordinario della Magnani, sia come attore sia come uomo. La Magnani e Totò formavano una coppia inimitabile, irripetibile. Improvvisavano in una maniera così spontanea, così creativa, da fare rivivere la commedia dell’arte. Ricordo come se fosse ora la sera in cui girammo l’ultima scena. Eravamo dinanzi a una chiesa. Al termine delle riprese io dissi a Totò: Principe, perché non mi canti Malafemmena?. Mi cantò Malafemmena e la Magnani l’accompagnò. Nel fondo era un uomo molto dolce e generoso, affascinante".

Fonte: http://distribuzione.ilcinemaritrovato.it/


Così la stampa dell'epoca

«[..] L'interesse è nella apparenti divagazioni , nelle annotazioni d'ambiente , nei momenti in cui Anna Magnani e Totò si scambiano le loro confidenze di scalognati[..] Così per ridere il film riesce persino a far pensare [..] Un'opera minore dell'autore [..] che offre , però , l'interpretazione magnifica di Anna Magnani e di Totò: che , verso la fine , nella luce bianca del ferragosto , con la paglietta in taesta , assomiglia a Trilussa [..]».

Alberico Sala

«[..] Purtroppo la sordina imposta all'attrice ha agito anche sulla recitazione di Totò [..]».

Franco Berutti

«[..] Dobbiamo far le lodi della Magnani. E' bravissima. Totò non le sta indietro [..]».

Morando Morandini

«Non mi affatica affatto, questo lavoro notturno” dice Totò, che pure nei mesi scorsi è stato infermo e ora s’è ripreso; 'Io mi ci diverto un mondo' spiega Anna Magnani, che ha conservato il carattere estroso di quella autentica, bruna. Anna Magnani ha un bel tornare spesso in America, resta trasteverina; 'purché il mio personaggio sia un po' pazzo e mi lascino farlo a modo mio, tutto va bene'».

Arturo Lanocita, "Corriere della sera", 12 giugno 1960

1960 Risate di gioia press

«Nell'estate del '60 Luigi Comencini gira Tutti a casa, in precedenza annunciato per Monicelli. Al collega tocca invece un progetto rifiutato da Comencini, Risate di Gioia, tratto da un paio di racconti di Moravia. La protagonista è Gioia Fabbricotti detta Tortorella (Anna Magnani), una generica di Cinecittà che, scaricata dagli amici, passa l'ultima notte dell'anno con un anziano collega (Toto) e un giovane ladruncolo (Biagio «Ben» Gazzara).
La Magnani ha appena concluso il suo periodo americano: ha girato Selvaggio è il vento con Anthony Quinn, Pelle di serpente con Marlon Brando e La rosa tatuata con Burt Lancaster, che le ha dato l'Oscar. [...]»

Alberto Anile

«La congiunzione Anna Magnani-Totò dà il primo lustro a Risate di gioia di Mario Monicelli, da un copione di Age, Scarpelli e Suso Cecchi d’Amico che impasta due “racconti romani” di Moravia. Ma non c’è lotta: giacché, come vuole la vicenda, la prima è protagonista e il secondo una gustosa macchietta di rincalzo.
Qualcosa dell’ormai lontana caratteristica di Teresa Venerdì rivive in questa spennacchiata “Tortorella” interpretata oggi dalla Magnani: una “generica” di Cinecittà alla caccia ostinata d’una qualunque anche minima particina. Sappia o finga di non sapere di essere soltanto una guitta (e in questo margine patetico la nostra attrice ha lavorato da par suo), si dà arie di prima donna in mezzo ai suoi due compagni di cattiva sorte. Umberto, un vecchio relitto di avanspettacoli rionali, e il giovane Lello, volgare tagliaborse atteggiantesi a “ladro gentiluomo”.
[…] Regista e interprete hanno riempito il ritratto, che in qualche tono ricorda la “Cabiria” felliniana. Ma il film non è altrettanto convincente nel suo complesso, alternando pungenti schiettezze (tutte del regista dei Soliti ignoti) a troppo elaborati episodi (che sono di Monicelli e anche di altri registi, cultori del realismo magico). Sincera è certo la melanconia che intride la notte di questi “vinti”; una melanconia che per il divertimento dello spettatore ha spesso l’apparenza contraria, stride nelle trovatine d’un piacevole spettacolo.»

Leo Pestelli, Risate di gioia, “La Stampa”, 21 ottobre 1960

«All’origine di questa commedia buffa dai risvolti tristi (ma come per L’appartamento, i risvolti contano e pesano più della facciata) c’è probabilmente, da parte di Mario Monicelli, un’idea sperimentale: portare Anna Magnani vicino al pubblico, al suo stesso livello. Anche se il discorso può apparire astratto, si può dire che il pubblico ammiri la Magnani senza amarla. È una diffidenza – quando non una ripulsa – che generalmente si esprime con una frase fatta: è troppo volgare. Può darsi, invece, che questa inconscia ripugnanza nasca da un sentimento di inferiorità: la sente diversa, al di sopra di se stesso (a causa della sua “natura”, della sua tragicità) e perciò non si identifica con lei. Quasi ne ha un po' paura. Monicelli si dev’essere detto: facciamola patetica, la Magnani, induciamo il pubblico a compassionarla, a soffrire con lei, a proteggerla. Così, ispirandosi a due racconti di Moravia, Monicelli e i suoi fidi Age e Scarpelli hanno tagliato su misura della maggiore e più originale attrice del nostro cinema il patetico e inedito personaggio di Tortorella inserendola in una delle più patetiche situazioni del nostro anno solare: la notte di San Silvestro.
[…] Anche se più di una volta dà nel facile e va sopra le righe, il racconto è ingegnoso; proseguendo e approfondendo la linea di I soliti ignoti, Monicelli dosa comicità e amarezza, crepuscolarismo e satira di costume con pregevoli risultati resistendo quasi sempre a far traboccare la convenzionalità di fondo della vicenda. Dobbiamo fare le lodi della Magnani? È bravissima. Totò non le sta indietro e, con la sua metallica “souplesse”, l’abruzzo-americano Ben Gazzara s’inserisce agevolmente tra i due.»

Morando Morandini, Magnani patetica, “La notte”, 14-15 ottobre 1960

«Mario Monicelli, di cui non abbiamo dimenticato I soliti ignoti, ci sembra uno dei migliori autori comici del nostro tempo. Il suo talento è basato su un senso sicuro della comicità ma anche su una particolare sensibilità: le sue gag non obbediscono mai ad una meccanica astratta ma ad una reazione umana; la sua è una comicità di situazione ma anche di carattere; il riso nasce meno dalle circostanze che dal comportamento degli individui. […]
Non siamo lontani da una visione del mondo felliniana, allo stesso tempo irresistibilmente buffa e profondamente patetica, dove i momenti di pathos sono immediatamente investiti da trovate umoristiche. Totò e la Magnani sono rimarchevoli.»

Marcel Martin, Larmes de joie, “Cinéma 62”, n. 70, novembre 1962

«La storia di una notte romana di avventura cui segue un’alba squallida è chiaramente ispirata a film come Il bidone e, soprattutto, La dolce vita. C’è l’americano ubriaco, ci sono le corse in macchina su e giù per la capitale, la festa esclusiva per i nobili stranieri e quelle più popolari in cui basta pagare per partecipare. La trovata di Monicelli è quella di promuovere a protagonisti due personaggi fuori dal loro tempo, che cercano di adattarsi al clima del benessere ma che restano legati a valori ormai superati. Il recital che improvvisano dinanzi alla folla schiamazzante del locale notturno (uno dei più belli mai realizzati da Totò, che ormai vecchio sembra volersi ricordare del suo passato nell’avanspettacolo) è una specie di atto di “diversità”: alle scemenze del presentatore e alla pochezza del varietà sanno opporre un numero di gran classe (che ovviamente annega nell’ansia di divertirsi degli astanti). Anche la sequenza finale – la sceneggiata della Magnani che si finge miracolata con Totò che fa da spalla – è qualcosa di più della sfortunata applicazione alla vita della scena che la Magnani stessa ha interpretato a Cinecittà all’inizio (satira dei mitologici di successo, con un regista un po’ Blasetti, un po’ Bragaglia, un po’ il regista dei fotoromanzi di Lo sceicco bianco): i due ricorrono a una tradizione popolare cui nessuno crede più. Notevole è pure la sequenza nella casa dei tedeschi, dove il comportamento degli intrusi è assai simile a quello che in un film di genere precede il plotone di esecuzione (come Totò non manca di sottolineare), per non dire della figura di Toni Ucci, ricalcata sul Sordi prima maniera.
Risate di gioia è un mezzo fallimento commerciale. Ed è motivo di riflessione. La convinzione che il mercato abbia notevoli capacità di assorbimento – il 1961 è uno degli anni in cui si producono in Italia più film – cozza contro la persistente precarietà del sistema industriale, ma resiste e autorizza progetti che gli autori, ormai consci del proprio ruolo, concepiscono come affrancamento della creatività dal controllo di un apparato produttivo che riconoscono sempre meno adeguato a un cinema che cambia dentro una realtà che cambia.»

Stefano Della Casa, Mario Monicelli, Il Castoro cinema, La Nuova Italia, Firenze 1986.

«Ultimo dei sette film di Totò diretti da Monicelli. Il film è poco conosciuto e l'autore non ne parla quasi mai nelle sue interviste. Eppure è uno dei titoli migliori della sua filmografia come di quella di Totò. Totò qui si affranca dal burlesco e dalla farsa (dove non occorre ricordare come brillasse il suo talento) per penetrare in una commedia di costume della migliore tradizione. Vi troviamo un dosaggio specificamente italiano e quasi sublime fra l'ironia e la compassione – mai stucchevole – nei confronti dei personaggi. L'autore vi disegna un superbo ritratto di Totò nei suoi eterni connotati: morale d'acciaio trionfante su ogni smacco, galanteria e rispetto delle donne (perfettamente anacronistico), incapacità quasi fisiologica di arrabbiarsi, flemma e rassegnazione. Le scene in cui Totò e la Magnani rievocano la loro 'esperienza cinematografica' sono da antologia.»

Jacques Lourcelles, Dictionnaire du cinéma, Laffont, Paris 1992

«Proprio per effetto de La dolce vita, Monicelli poté finalmente esprimersi liberamente, mettendo in campo anche situazioni scabrose e dialoghi disinvolti, che solo pochi anni prima non sarebbero mai stati tollerati dalla censura. Nei confronti di Risate di gioia si lasciarono invece passare senza obiettare anche alcune scene relative alla sacralità della religione cattolica, come quella del furto in chiesa, i dialoghi espliciti tra Tortorella (Anna Magnani) e Lello (Ben Gazzara) nel senso di una sessualità extramatrimoniale esplicita e la presa in giro fino all’irrisione nei confronti del turista americano (Fred Clark), sciocco e ubriaco. Venne censurata solo una battuta di Anna Magnani che, riferendosi al gruppo degli amici inaffidabili, diceva in romanesco “Sono una manica di stronzi”, divenuta al doppiaggio “Sono una manica di fessi”, mentre l’unico giudizio negativo del Centro Cattolico si appuntò sulla scena finale del film, dove Lello ruba una collana dalla statua della Madonna, definita “Una urtante scena in chiesa” senza ulteriori richieste di soppressione.
L’atmosfera generale di Risate di gioia, fortemente radicata nel tessuto italiano e, ancora più chiaramente, romano, ci offre uno spaccato del mondo psicologico e sociale della Roma del 1960, unitamente ai personaggi che la rappresentano, quali le comparse di Cinecittà, i piccoli imbroglioni, i truffatori professionisti, la gente che ha voglia di vivere e di divertirsi, di “fare la dolce vita” e gli stranieri felici di stare a contatto con il mito della città eterna. […] La pellicola […] fornisce anche una garbata parodia della famosa scena della Fontana di Trevi de La dolce vita, con l’americano ubriaco che a tutti i costi vuole fare il bagno nudo nella fontana, mentre Lello è deciso a derubarlo, “Infortunio” a difenderlo dal ladro e Tortorella, ignara di tutto e illudendosi di essere corteggiata da Lello, resta in disparte e avverte poi il commissariato di zona. Precedentemente, nella scena in cui l’americano aveva gettato la moneta nella fontana di piazza dell’Esedra, la donna aveva commentato parlando da sola: “Questo l’ha visto al cinematografo... mannaggia il cinematografo”, indicando esplicitamente anche allo spettatore meno attento la fonte della parodia, che è talmente insistita da far quasi sospettare che Monicelli in filigrana abbia voluto costruire il film quasi come una obliqua parodia, una “dolce vita dei poveracci”, allo stesso modo in cui I soliti ignoti era stata una evidente parodia di rapinatori dilettanti e maldestri. In un’altra, fondamentale sequenza, quella del furto del portasigarette d’oro nella casa dei ricchi tedeschi, il regista cita vagamente una scena analoga de Il bidone, dove Franco Fabrizi ruba un portasigarette d’oro e viene poi ridicolizzato e offeso dal padrone di casa.
Accanto all’atmosfera di evidente sospensione della vita, dovuta al capodanno e alla spensieratezza di tutti, come appunto suggerisce il titolo del racconto moraviano e del film, Monicelli ci offre anche un’amara satira di costume, con il povero Mac Ronay conduttore della metropolitana che, essendo di turno, a due ore dalla mezzanotte è costretto a lasciare la famiglia. La moglie gli ha teneramente messo delle lenticchie in una gavetta di metallo e salutandolo quasi con le lacrime agli occhi per lo sconforto, gli dice: “Senza de te nun celebramo gnente...bevemo un goccetto de brodo caldo e tutti a letto. Celebramo domani, quando ce sei tu”, aggiungendo che loro già dormiranno quando lui “starà sottoterra”, intendendo sui binari della metropolitana, ma anche dando un cinico e macabro doppio significato all’espressione. Però, come è nei parametri classici della commedia all’italiana, appena il povero padre di famiglia si è chiuso la porta alle spalle, il regista – anticipando di trent’anni il suo amaro film Parenti serpenti – ci fa vedere la moglie e gli altri membri della famiglia, tutti euforici e festosi, che si scatenano tirando fuori dal forno l’arrosto e telefonando agli altri parenti perché portino il capitone e lo spumante.
[...] Monicelli offre un’occasione unica, presentando Totò e Anna Magnani che, dopo aver vinto la lotteria del veglione di San Silvestro, si esibiscono davanti a Gianni Bonagura in un pezzo straordinario in cui cantano insieme la canzone Geppina Gepi, con Totò più che mai clownesco, con in testa un microscopico cappellino di carta, che tira fuori la lingua e si muove saltellando intorno alla Magnani. La sequenza è eccezionale e godibile, anche se più che suscitare un effetto comico produce malinconia e tristezza. È una scena iperrealistica, perché i due personaggi dichiarano al presentatore che si esibiranno in un numero del loro vecchio repertorio. Ma quel numero appartiene veramente al repertorio rivistaiolo di Anna Magnani e Totò giovani, con un risultato stupefacente, che proietta l’ombra di una nostalgia e di una pena che avviluppa non solo le due figure nel film, ma i due attori nella vita.
Questo effetto di iperrealismo, dovuto alla reale sovrapposizione biografica sui personaggi fittizi, è accentuata dall’esibizione di alcune foto autentiche di Totò giovane che vediamo fissate a una parete della stanza in cui dorme “Infortunio”.
[…] La parte più bella del film e quella in cui la recitazione dell’attore appare più densa e partecipata è la sequenza finale, che ha molti punti in comune con quella di Yvonne la Nuit, con “Infortunio” che il giorno di ferragosto va ad aspettare Tortorella, che esce dal carcere dopo aver fatto otto mesi di galera per il furto di capodanno. In una Roma abbagliata da una luce accecante, la donna è ancora vestita per l’inverno, esattamente come il giorno in cui è stata arrestata, con un abito vistoso e una stola di volpe bianca piena di polvere. L’altro è vestito come si “abbigliava” da giovane, negli anni Dieci, con la paglietta e una giacca obsoleta, e ha in mano un assurdo ombrello, un regalo per lei».

Ennio Bìspuri, Totò attore, Gremese, Roma 2010

«La riedizione di classici italiani un po' dimenticati diviene una consuetudine grazie al distributore Les Acacias: dopo In nome del popolo italiano di Dino Risi in gennaio, è la volta di Larmes de joie (Risate di gioia, 1960) di essere onorato da un'uscita nazionale. Realizzato fra due capolavori (I soliti ignoti e I compagni) da un Mario Monicelli all'apice della sua carriera, questo gioiello è la cronaca di una notte di San Silvestro che diventa un disastro per un trio di patetici perdenti […]. Il film comincia come un brano di una logora commedia dell'arte, dove tutti appaiono esagitati, ma questa energia un po' stridente si fonde rapidamente negli ingranaggi di una meccanica burlesca di una precisione assolutamente meravigliosa. Monicelli utilizza gli ambienti naturali di Roma come un teatro a cielo aperto dove si dispiegano grandi scene dalla dismisura sempre più accentuata. Piazze deserte, night-club affollati, ritorno alla sequenza della fontana di Trevi di La dolce vita con Totò e Magnani (il film di Fellini è uscito alcuni mesi prima), villa gotica popolata di aristocratici tedeschi e cantieri all'alba sorgono come le visioni disincarnate di un sogno cristallino in bianco e nero. Al di là del suo cast inverosimile (Magnani, Totò, Gazzara!) il film seduce nel suo avanzare in una vasta notte artificiale e nel divorare gli spazi urbani come tante scene oniriche. La deambulazione, il gioco sul vuoto o sulla sovrabbondanza (magnifica la sequenza in cui Totò e Ben Gazzara si ritrovano in una zona completamente distrutta dai fuochi d'artificio) caricano il film di una scintillante malinconia invernale. Questa sfavillante maratona notturna deve probabilmente molto al Fellini di La strada e al Visconti delle Notti bianche. Ma Monicelli è giustamente memore della migliore tradizione neorealista traendo da questi “vitelloni” una dimensione tragicomica di grande acume politico. La rottura finale, avviata dalla rivelazione dei sotterfugi di Lello (Gazzara), è un'esplosione melodrammatica che innesca la vena più impegnata dell'autore (che raggiungerà l'apice in I compagni): nessun giudizio sul personaggio pur miserabile di Lello, ma uno straripamento di affetti che sbocca sull'amara constatazione di un fallimento sociale. Uniti nella loro solitudine, i tre personaggi fanno corpo fino in fondo in una scena d'antologia dove rubano in una chiesa: questa energia profana interamente diretta verso il popolo (Magnani urla “Miracolo!” per tentare di far passare il furtarello per un intervento divino) è ciò che è più ammirevole in Risate di gioia.»

Vincent Malausa, Monicelli dans la nuit blanche, “Cahiers du Cinéma”, n. 688, aprile 2013

«“Miracolo! Miracolo! Miracolo!” urla l'anonimo figurante a Cinecittà, truccata da matrona romana e circondata da migliaia di altri figuranti mezzi nudi, agli ordini di un regista dal sorriso aristocratico e dai baffi sottili (somiglia a Vittorio Cottafavi mentre dirige uno dei suoi peplum). La donna si chiama Gioia Fabbricotti alias Tortorella ed è molto impaziente, come tutti, di concludere le riprese per precipitarsi a festeggiare. “Miracolo! Miracolo! Miracolo!” urla di nuovo nella chiesa, alla fine del suo pellegrinaggio notturno attraverso i luoghi santi del consumo di massa. Gioia ha imparato la lezione: bisogna fingere di avere tutto, di afferrare tutto, anche se non si ha nulla.
Mario Monicelli, ammiratore de La folla di King Vidor, si interessa alla pena del taglione che condanna questa piccola Gioia, babbea senza speranza, sorellastra della mamma “magnanesca” di Bellissima. Si concentra ancora di più sulla molto, fin troppo ingombrante folla che galoppa intorno a lei a rischio di schiacciarla ad ogni momento. Il benessere collettivo, la felicità generale si diffondono attraverso delle coreografie al tempo stesso caotiche e armoniose. Migliaia di corpi e di volti, seguiti o preceduti dall'inesauribile gru e dall'implacabile obiettivo “panfocale” di Leonida Barboni. Paradosso: era stata la stessa Anna Magnani a pretendere questo capo operatore, preoccupata di valorizzare la propria bellezza, felice del suo eccellente lavoro di ringiovanimento compiuto in Nella città l'inferno (Renato Castellani, 1958).
“Mannaggia al cinematografo!”, urla la falsa bionda Gioia/Magnani sul bordo della fontana di Trevi, cercando di impedire al turista americano ubriaco di bagnarsi come la vera bionda Anita Ekberg in La dolce vita. Il film di Fellini era uscito il 5 febbraio 1960, le riprese di Risate di gioia cominciarono il 3 maggio. Gli straordinari ambienti romani e gli innumerevoli costumi originali, per i due film, vengono scelti e concepiti da Piero Gherardi, un talento visionario.
Un altro legame fra queste due odissee girate night for night per dei mesi, lo spilungone delle strade della capitale: il ben noto giornalista inglese John Francis Lane, che recita nella scena della conferenza-stampa di La dolce vita e che rivediamo qui, domestico esilarante e arcigno, alla festa dei ricchi tedeschi. Risate di gioia originariamente era stato scritto da Suso Cecchi d'Amico per Luigi Comencini. In questo lussureggiante inizio degli anni sessanta, Monicelli rifiuta di girare per Dino De Laurentiis una sorta di seguito al loro acclamato La Grande Guerra (Leone d'oro a Venezia, 1959). Comencini accetterà questo stesso progetto del potente produttore napoletano ma riesce a trasformarlo nel racconto di un episodio chiave della Seconda guerra mondiale, Tutti a casa (coscritto da Age e Scarpelli, come i film di Monicelli dell'epoca) e la sua epopea uscirà con successo nel novembre 1960, meno di un mese dopo il modesto successo di Risate di gioia.
Nel 1960 l'opera letteraria di Alberto Moravia è allo zenith della sua popolarità. Dopo una mezza dozzina di adattamenti sullo schermo, Vittorio De Sica e Cesare Zavattini vi si ispirano per La ciociara, girato nell'estate del 1960. D'Amico e i suoi colleghi sceneggiatori derivano Risate di gioia dai racconti Ladri in chiesa e Lacrime di gioia, pubblicati nella raccolta Racconti romani, 1954, e Nuovi racconti romani, 1959 (e non del solo primo tomo come indicano i crediti). I personaggi di sfollati e borsari neri indicano che questi racconti si svolgono poco dopo la guerra. La Gioia moraviana è una “formosa modella” che trascorre la notte del capodanno correndo in un taxi che non ha i soldi per pagare. Nell'altro racconto, una donna salva suo marito, ladro di gioielli in una chiesa, dichiarando agli sbirri che è la Madonna stessa ad avergliene fatto dono. Ecco qualche frammento delle idee che Monicelli dilata e attualizza, lasciando i suoi morti di fame divorarsi l'un l'altro, esattamente come accadeva prima del trionfo dell'industrializzazione.
Magnani rappresenta, ai suoi occhi, i resistenti della Città Aperta in lotta contro i nazisti: la bianca pelliccia di Gioia è bombardata dai petardi tedeschi all'inizio della sequenza satirica del party dei nababbi crucchi. E Gioia è umiliata dall'Americano (Fred Clark), simbolo dell'ancora bruciante vittoria alleata, come una puttana da buttare nella sua bagnarola da miliardario. […]
Facendoli recitare insieme, come ai bei vecchi tempi del varietà sotto le bombe, il regista otteneva un altro meraviglioso effetto di décalage. Un duo esaltato dall'insolente jazzman Lelio Luttazzi e dal suo refrain nostalgico Geppina Geppi. Totò è il Totò dei Soliti ignoti, o delle prime farse monicelliane, un comico dal passato glorioso (vedi le foto al di sopra del suo letto), che adesso si arrangia per sopravvivere grazie alle sue performance in truffe. Le sue pagliacciate fisiche, dove usa lingua e braccia, il suo ridicolo frac da pinguino, i suoi brillanti giochi di parole nonsense (…), la sua voracità frustrata di spaghetti si contrappongono allo stile della Magnani, pomposo, quasi virile, con la sua “risata crudele e aggressiva” (ricordo di Moravia pubblicato al momento della scomparsa dell'attrice). Totò e la Magnani presto entreranno, ognuno separatamente, nel loro periodo pasoliniano che nobiliterà, concettualizzerà le loro dramatis personae.
Ultima sfida di Monicelli alla diva, fresca dei successi hollywoodiani: farla schiattare di voracità repressa d'eros, ad ogni scena di seduzione maschile, davanti ai meccanismi, oh quanto Actors Studio! dell'intellettuale Ben Gazzara.»

Lorenzo Codelli, La foule solitaire, “Positif”, n. 626, aprile 2013


Foto di scena e immagini dal set

Foto Archivio Istituto Luce


Le location del film, ieri e oggi

logodavi
Tutte le immagini e i testi presenti qui di seguito ci sono stati gentilmente concessi a titolo gratuito dal sito www.davinotti.com e sono presenti a questo indirizzo.
 1960-Risate di gioia 01  
  Il ristorante "Bangseng" (A), dove Umberto (Totò) e Gioia (Magnani) si ricongiungono con la comitiva di amici di Gioia (i quali l'avevano precedentemente scaricata), che li vede cenare dalla finestra, si trovava in Viale Giulio Cesare 85 a Roma. Ecco qui sotto i tre appena usciti dal locale (la cui porta illuminata è ben visibile). Il palazzo di fronte è fortunatamente ancora riconoscibile, con i portoni di allora

 

Le Locandine


Riferimenti e bibliografie:

"Totalmente Totò, vita e opere di un comico assoluto" (Alberto Anile), Cineteca di Bologna, 2017
"Totò" (Orio Caldiron) - Gremese , 1983
Valerio Caprara, "Il direttore e gli orchestrali", in "Il cinema di Mario Monicelli" a cura di Leonardo De Franceschi, Marsilio, Venezia 2001
Patrizia Carrano, "La Magnani. Il romanzo di una vita", Rizzoli Editore, Milano 1982
Mario Monicelli, "L’arte della commedia" a cura di Lorenzo Codelli, Dedalo, Bari 1986
Alberto Anile, "I film di Totò", Le Mani Editore, Recco 1998
Suso Cecchi d’Amico, "Peccato che la Magnani non abbia voluto fare la trucibalda", in !Scrivere il cinema!, a cura di Orio Caldiron e Matilde Hochkofler, Dedalo, Bari 1988
Franca Faldini, in "L’avventurosa storia del cinema italiano raccontata dai suoi protagonisti 1960-1969", a cura di Franca Faldini e Goffredo Fofi, Feltrinelli, Milano 1981
Ben Gazzara, in "L’avventurosa storia del cinema italiano del cinema italiano raccontata dai suoi protagonisti", a cura di Franca Faldini e Goffredo Fofi, Feltrinelli, Milano 1981