Giancarlo Zarfati

Accreditato anche come Giancarlo Zarfatti; Roma, 26 agosto 1946 è un attore italiano, attivo come attore bambino dal 1951 ai primi anni anni sessanta.

Biografia

La carriera attoriale di Gianfranco Zarfati è limitata alla sua esperienza di attore bambino, dal 1951 ai primi anni sessanta.

Nato e cresciuto a Roma, fu scoperto da Aldo Fabrizi, che lo sentì fare una pernacchia con la bocca. Il bambino, a 5 anni, fu scritturato per il personaggio di Gnappetta nel film La famiglia Passaguai (1951), di Aldo Fabrizi, e nei suoi due seguiti.

Nel decennio successivo Zarfati girò numerose altre pellicole; quella per cui è tutt'oggi maggiormente ricordato è probabilmente Bravissimo (1955), di Luigi Filippo D'Amico, nella parte di un bambino dalla voce di baritono.

Raggiunta la maggiore età, Zarfati terminò gli studi e abbandonò l'attività cinematografica. Si è sposato, ha 2 figli e vive a Roma nel quartiere Monte Verde


Galleria fotografica

Foto: Lombardia Beni Culturali


Filmografia

La famiglia Passaguai, regia di Aldo Fabrizi (1951)
La famiglia Passaguai fa fortuna, regia di Aldo Fabrizi (1952)
Papà diventa mamma, regia di Aldo Fabrizi (1952)
La spiaggia, regia di Alberto Lattuada (1954)
Bravissimo, regia di Luigi Filippo D'Amico (1955)
Gli innamorati, regia di Mauro Bolognini (1955)
Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo, regia di Mauro Bolognini (1957)
Solo Dio mi fermerà, regia di Renato Polselli (1957)
Marisa la civetta, regia di Mauro Bolognini (1957)
Belle ma povere, regia di Dino Risi (1957)
Parola di ladro, regia di Nanni Loy e Gianni Puccini (1957)
L'amico del giaguaro di Giuseppe Bennati (1958)
La mina, regia di Giuseppe Bennati (1958)
Il nemico di mia moglie, regia di Gianni Puccini e Gabriele Palmieri (1959)
La cento chilometri, regia di Giulio Petroni (1959)
Cerasella, regia di Raffaello Matarazzo (1959)
Il principe fusto, regia di Maurizio Arena (1960)
Totò, Peppino e...la dolce vita, regia di Sergio Corbucci (1961)
Il ladro di Bagdad, regia di Arthur Lubin e Bruno Vailati (1961)
Akiko, regia di Luigi Filippo D'Amico (1961)
Follie d'estate, regia di Edoardo Anton e Carlo Infascelli (1963)