Daniele Palmesi, Federico Clemente Giu 2015

LO SPETTACOLO PER I FERITI DI GUERRA

Quando 11 logoNei primi giorni del mese di giugno del 1942, il regime fascista, con la collaborazione del quotidiano "La Stampa" di Torino, organizzò uno spettacolo di beneficienza a favore dei feriti e mutilati di guerra. La rivista, con la regia di Michele Galdieri, ebbe luogo a Torino presso il Teatro Alfieri e fu presentata da Fausto Tommei. Vide la partecipazione dei più famosi attori teatrali comici dell'epoca: Macario, Totò, Nino Taranto, Navarrini, Tito Schipa, Carlo Rizzo, Paoli, Cobelli, Nives Poli. Parteciparono inoltre Paola Orlova e Margherita Del Plata.

Macario, Navarrini, Totò e Nino Taranto aprirono lo spettacolo con la famosa scenetta "La scampagnata dei tre disperati". Il finalissimo vide Anna Magnani con Totò e Castellani e l'attrice Marika, interpreti dello sketch della venditrice di fiorni al Pincio, tratto dalla rivista "Volumineide" di Galdieri. Nell'occasione tutti gli attori, scendendo dal palco verso il pubblico, offrirono fiori e dolciumi ai feriti di guerra accomodati nelle prime file, mentre venivano eseguiti canti e inni nazionali.


La testimonianza di Nino Taranto:
«La prima e unica volta che ci incontrammo con Totò in teatro fu per uno spettacolo delle forze armate all'Alfieri di Torino. C'eravamo tutti e facemmo assieme "La scampagnata dei tre disperati", un famoso canovaccio della commedia dell'arte napoletana. I tre disperati eravamo lui, io e Macario. Siccome c'era anche Navarrini che aveva smesso la compagnia di riviste, Galdieri che organizzò questa mattinata a favore delle forze armate, volle che partecipasse anche lui e così i tre disperati diventarono quattro. Nella commedia non c'era, aggiungemmo anche un posteggiatore che veniva alla trattoria e cantava con la chitarra, era Tito Schipa. Fu un grande successo.»

Galleria Fotografica


Così la stampa dell'epoca