Alberto Bonucci

(Campobasso, 19 maggio 1918 – Roma, 5 aprile 1969) è stato un attore italiano, attivo sia in cinema che in radio e televisione.

Biografia

Dopo aver recitato in varie compagnie di rivista, alla radio sino dai primi anni '40, si trasferì a Parigi nel 1949 esibendosi con Vittorio Caprioli e Luciano Salce nel cabaret Rose Rouge, e costruendo così le basi per la compagnia che gli avrebbe dato fama e successo. Nel 1950 è nel nutrito cast di Carosello napoletano, nella prima versione teatrale con il debutto al Teatro della Pergola di Firenze.

Padre dell'attore Emilio Bonucci, è morto a causa di un tumore. Poco tempo prima aveva superato un delicato intervento cardiochirurgico recandosi a Londra, presso una clinica all'avanguardia per i tempi.

Prosa

Il corvo, di Carlo Gozzi, con Antonio Battistella, Marina Bonfigli, Alberto Bonucci, Giorgio De Lullo, Mario Feliciani, Marcello Moretti, Giulio Stival, Paolo Stoppa, Olga Villi, regia di Giorgio Strehler, 26 settembre 1948, Teatro La Fenice di Venezia.

Nel 1950, dopo l'esperienza al Piccolo Teatro di Milano, fondò insieme a Caprioli e Franca Valeri la celebre compagnia del Teatro dei Gobbi, che lanciò un nuovo stile di comicità, fatta di satira di costume, e con cui diede vita anche a varie trasmissioni radiofoniche, dalla rivista Lo schiaccianoci (1952) a Le donne di James Thurber (1953, a cura di La Capria, realizzazione di Giagni) a Courteline all'italiana (1954, regia di Mondolfo).

Da ricordare, infine, la partecipazione a spettacoli teatrali come Intrighi d'amore (1951) e Senza rete (1954, "rivista" scritta con Paolo Panelli) e a film come Luci del varietà di Lattuada e Fellini (1950) e Carosello napoletano di Giannini (1954, trasposizione filmica dell'omonima rivista). Nel 1963 ha diretto inoltre l'episodio "Il serpente", dall'omonimo racconto di Mario Soldati, per il film L'amore difficile.

Radio

Apprezzato per le naturali virtù comiche e l'asciutta ironia, interpretò numerose pièce ai microfoni della RAI, fra cui Champignol suo malgrado di Feydeau (1955, regia di Benedetto), L'esame di aritmetica di Perret (1956, regia di Morandi, Premio Italia), L'ufficiale reclutatore di Farquhar (1959, regia di Gastone Da Venezia), Vinzenz e l'amica degli uomini importanti di Musil (1961, regia di Bollini), Ciascuno a modo suo di Pirandello (1961, regia di Orazio Costa), I giorni più lieti di Antona Traversi (1965, regia di Benedetto), Capo Finisterre di Pistilli (1965, regia di Bandini), Lo scialle di Lady Hamilton di Talarico (1968, regia di Masserano Taricco).

Per la RAI è stato interprete anche della citata rivista radiofonica Lo schiaccianoci (sottotitolo: Piccola rivista settimanale) di e con - oltre a Bonucci - Franca Valeri, Vittorio Caprioli, regia di Nino Meloni, i mercoledì nel secondo programma 1953, ore 22,15.

Programmi televisivi RAI

Il terzo marito, regia di Silverio Blasi, trasmessa il 28 gennaio 1955.
Ti conosco mascherina, regia di Vito Molinari, 1955
Cime tempestose, regia di Mario Landi, 1956.
Biblioteca di Studio Uno, varietà musicale - episodio Odissea, regia di Antonello Falqui, 1964.
Il giornalino di Gian Burrasca, commedia musicale - episodio VI Giannino in casa Maralli, regia di Lina Wertmüller, 1964.


Galleria fotografica

Foto: Getty Images


Filmografia

Luci del varietà, regia di Federico Fellini e Alberto Lattuada (1950)
Clandestini a Trieste, regia di Guido Saccini (1951)
Totò a colori, regia di Steno (1952)
Solo per te Lucia, regia di Franco Rossi (1952)
Villa Borghese, regia di Vittorio De Sica e Gianni Franciolini (1953)
Carosello napoletano, regia di Ettore Giannini (1954)
La contessa di Castiglione, regia di Georges Combret (1954)
La piccola guerra, regia di Alex Joffé (1955)
Gli anni che non ritornano, regia di Yves Allégret (1955)
Lo svitato, regia di Carlo Lizzani (1956)
Susanna tutta panna, regia di Steno (1957)
Femmine tre volte, regia di Steno (1957)
Promesse di marinaio, regia di Turi Vasile (1958)
Ladro lui, ladra lei, regia di Luigi Zampa (1958)
Roulotte e roulette, regia di Turi Vasile (1959)
Il terrore dell'Oklahoma, regia di Mario Amendola (1959)
Il mattatore, regia di Dino Risi (1959)
Un mandarino per Teo, regia di Mario Mattoli (1960)
Le signore, regia di Turi Vasile (1960)
Il sangue e la rosa, regia di Roger Vadim (1960)
Walter e i suoi cugini, regia di Marino Girolami (1961)
Scandali al mare, regia di Marino Girolami (1961)
Pugni pupe e marinai, regia di Daniele D'Anza (1961)
Gli incensurati, regia di Francesco Giaculli (1961)
Il giudizio universale, regia di Vittorio De Sica (1961)
Le magnifiche 7, regia di Marino Girolami (1961)
Twist, lolite e vitelloni, regia di Marino Girolami (1962)
I tromboni di Fra' Diavolo, regia di Giorgio Simonelli e Miguel Lluch (1962)
I motorizzati, regia di Camillo Mastrocinque (1962)
Siamo tutti pomicioni, regia di Marino Girolami (1963)
Le monachine, regia di Luciano Salce (1963)
La donna degli altri è sempre più bella, regia di Marino Girolami (1963)
I quattro moschettieri, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1963)
Obiettivo ragazze, non accreditato, regia di Mario Mattoli (1963)
Gli imbroglioni, regia di Luigi Fulci (1963)
Sedotti e bidonati, regia di Giorgio Bianchi (1964)
Oltraggio al pudore, regia di Silvio Amadio (1964)
La vedovella, regia di Silvio Siano (1964)
Amore in 4 dimensioni, episodio "Amore e arte", regia di Gianni Puccini (1964)
Cleopazza, regia di Carlo Moscovini (1964)
Le sette vipere (Il marito latino), regia di Renato Polselli (1964)
Un mostro e mezzo, regia di Steno (1964)
Questo pazzo, pazzo mondo della canzone, regia di Bruno Corbucci e Giovanni Grimaldi (1965)
Letti sbagliati, regia di Steno (1965)
I figli del leopardo, regia di Sergio Corbucci (1965)
7 uomini d'oro, regia di Marco Vicario (1965)
Il grande colpo dei 7 uomini d'oro, regia di Marco Vicario (1965)
7 monaci d'oro, regia di Marino Girolami (1966)
Mondo pazzo... gente matta!, regia di Renato Polselli (1966)
Il ladro della Gioconda, regia di Michel Deville (1966)
La bisbetica domata, regia di Franco Zeffirelli (1967)
Crónica de nueve meses, regia di Mariano Ozores (1967)