Alfredo Rizzo

(Nizza, 29 settembre 1902[1] – Roma, 6 settembre 1991[2]) è stato un attore, regista e sceneggiatore italiano.

Biografia

Attore di avanspettacolo e rivista, spesso insieme al fratello Carlo o con altri (soprattutto il grande Macario), assai noto negli anni d'oro del varietà (1930-1945), appare per la prima volta sul grande schermo nel 1939, con una breve caratterizzazione ne Lo vedi come sei... lo vedi come sei? di Mario Mattoli (è l'uomo che si trova una mosca nel piatto). Dal 1946 è interprete di moltissimi film, comici e drammatici, sempre in ruoli di fianco dove, solitamente, è uno stereotipato "cattivo" o antagonista di uno dei personaggi principali. Nel 1960 riprende a calcare le scene insieme al fratello Carlo. Assai longevo, lavora fino a tarda età (anche come autore di modeste commedie erotiche) con registi come Amendola, Mauri, Bruno Corbucci e Giovanni Grimaldi, ma anche con Federico Fellini che lo utilizza ben quattro volte.

Alfredo Rizzo

Filmografia

Attore

Lo vedi come sei... lo vedi come sei?, regia di Mario Mattoli (1939) - non accreditato
Macario contro Zagomar, regia di Giorgio Ferroni (1944)
Sono io l'assassino (1948)
Sperduti nel buio, regia di Camillo Mastrocinque (1949)
Vivere a sbafo (1949)
Come scopersi l'America, regia di Carlo Borghesio (1949)
I pompieri di Viggiù, regia di Mario Mattoli (1949)
I cadetti di Guascogna, regia di Mario Mattoli (1950)
La famiglia Passaguai fa fortuna, regia di Aldo Fabrizi (1951)
Quo vadis?, regia di Mervyn LeRoy (1951) - non accreditato
Una bruna indiavolata, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1951)
La paura fa 90, regia di Giorgio Simonelli (1951)
Messalina, di Carmine Gallone (1951) - non accreditato
Il romanzo della mia vita (1952)
Papà diventa mamma, regia di Aldo Fabrizi (1952)
È arrivato l'accordatore, regia di Duilio Coletti (1952)
Anni facili, regia di Luigi Zampa (1953)
Pane, amore e fantasia, regia di Luigi Comencini (1953)
Vacanze romane, regia di William Wyler (1953)
I cavalieri della regina (1954)
Il maestro di Don Giovanni (1954)
Assi alla ribalta, regia di Ferdinando Baldi e Giorgio Cristallini (1954)
Milanesi a Napoli, regia di Enzo Di Gianni (1954)
Guerra e pace, regia di King Vidor (1956) - non accreditato
Carica eroica, regia di Francesco De Robertis (1956)
International police (1957) - non accreditato
Sorrisi e canzoni, regia di Luigi Capuano (1958)
Il terrore dell'Oklahoma, regia di Mario Amendola (1959)
La dolce vita, regia di Federico Fellini (1960) - non accreditato
Caravan petrol, regia di Mario Amendola (1960)
I baccanali di Tiberio, regia di Giorgio Simonelli (1960)
A qualcuna piace calvo, regia di Mario Amendola (1960)
L'ultima preda del vampiro (1960)
Gli anni ruggenti, regia di Luigi Zampa (1962)
Il segno del vendicatore (1962)
Boccaccio '70, regia di Carlo Ponti e Tonino Cervi (1962) - non accreditato
Totò di notte n.1, regia di Mario Amendola (1962)
La strage dei vampiri (1962)
Giacobbe, l'uomo che lottò con Dio (1963)
Vino, whisky e acqua salata (1963)
Il segno di Zorro, regia di Mario Caiano (1963)
Una sporca faccenda (1964)
La vedovella, regia di Silvio Siano (1964)
Due mafiosi nel Far West, regia di Giorgio Simonelli (1964)
Gli schiavi più forti del mondo (1964)
Le sette vipere (Il marito latino), regia di Renato Polselli (1964)
Il boia scarlatto (1965, con il nome Alfred Rice)
Per una manciata d'oro (1965)
Colorado Charlie (1965, con il nome Alfred Rice)
5 tombe per un medium, regia di Massimo Pupillo (1965)
S.2.S. - Base morte chiama Suniper (1965)
Vaya con dios gringo (1966)
Un dollaro bucato, regia di Giorgio Ferroni (1966)
Granada, addio!, regia di Marino Girolami (1967)
Cuore matto... matto da legare, regia di Mario Amendola (1967)
Nato per uccidere (1967)
Non aspettare Django, spara (1967)
Tre passi nel delirio (1968) - non accreditato
I 2 deputati, regia di Giovanni Grimaldi (1968)
Brutti di notte, regia di Giovanni Grimaldi (1968)
Puro siccome un Angelo papà mi fece monaco... di Monza, regia di Giovanni Grimaldi (1969)
Don Chisciotte e Sancio Panza, regia di Giovanni Grimaldi (1969)
Agguato sul Bosforo (1969)
La vendetta è il mio perdono, regia di Roberto Mauri (1969)
Franco e Ciccio sul sentiero di guerra, regia di Aldo Grimaldi (1969)
Don Franco e don Ciccio nell'anno della contestazione, regia di Marino Girolami (1969)
Noi tre soltanto (1969)
Principe coronato cercasi per ricca ereditiera, regia di Giovanni Grimaldi (1970)
Un caso di coscienza, regia di Giovanni Grimaldi (1970)
La prima notte del dottor Danieli, industriale, col complesso del... giocattolo, regia di Giovanni Grimaldi (1970)
Quando suona la campana (1970)
Due bianchi nell'Africa nera, regia di Bruno Corbucci (1970)
Venga a fare il soldato da noi, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1971)
Le belve (1971, segmento "Il caso Apposito”)
I giardini del diavolo (1971)
Quelle sporche anime dannate (1971)
Il venditore di morte, regia di Lorenzo Gicca Palli (1971)
Mazzabubù... Quante corna stanno quaggiù?, regia di Mariano Laurenti (1971)
Acquasanta Joe, regia di Mario Gariazzo (1971)
Confessioni segrete di un convento di clausura, regia di Luigi Batzella (1972)
Satyricon, regia di Gian Luigi Polidoro (1972)
Sistemo l'America e torno, regia di Nanni Loy (1974)
La bestia in calore, regia di Luigi Batzella (1977, non accreditato)
Kaput Lager - Gli ultimi giorni delle SS, regia di Luigi Batzella (1977) - non accreditato
Squadra antimafia, regia di Bruno Corbucci (1978, non accreditato)
Uno contro l'altro, praticamente amici, regia di Bruno Corbucci (1980)
Amore all'arrabbiata (1980)
Delitto al ristorante cinese, regia di Bruno Corbucci (1981)
Il diavolo e l'acquasanta, regia di Bruno Corbucci (1983)

Regista

La sanguisuga conduce la danza (1975)
La Bolognese (1975)
Sorbole... che romagnola (1976)

Note

^ E' MORTO L' ATTORE ALFREDO RIZZO - la Repubblica.it
^ Archivio La Repubblica