Amina Pirani Maggi (Anna Maria Maggi)

Pseudonimo di Anna Maria Maggi (Verona, 15 gennaio 1892 – Roma, 10 novembre 1979), è stata un'attrice italiana di teatro, cinema e televisione. Importante attrice caratterista, comincia a calcare i palcoscenici sin da bambina, recitando soprattutto in dialetto. Esordisce al cinema non più giovanissima, negli anni trenta, partecipando, in piccole parti, a film come Seconda B, (1934), di Goffredo Alessandrini o I grandi magazzini, (1939), di Mario Camerini.

Nonostante la maggior parte delle parti interpretate dalla Pirani Maggi sia di piccolissimo spessore, è una delle caratteriste più richieste ed attive del periodo post-bellico: la sua carriera prosegue infatti senza sosta sino all'anno della sua morte, il 1979. Appare in pellicole importantissime del cinema italiano, come Altri tempi, (1952), di Alessandro Blasetti, ma lavora anche ad Hollywood, comparendo in La maja desnuda, (1958), di Henry Koster, con protagonista Ava Gardner.

Importante anche la sua attività nel doppiaggio, fece parte di quel gruppo di attori che nel 1931 iniziarono a Roma a lavorare nelle versioni italiane di film esteri.

Ancora lucidissima ed in piena attività, soprattutto per il teatro, Amina Pirani Maggi muore nell'autunno del 1979 a Roma, all'età di ottantasette anni.

È stata la moglie dell'attore Italo Pirani, da cui prese il cognome.

Il teatro

Carmen, di Prosper Mérimée, con Anna Magnani, Roldano Lupi, Carlo Ninchi, Massimo Serato, Amina Pirani Maggi, Marisa Merlini, regia di Gherardo Gherardi, prima al Teatro Quirino di Roma il 15 novembre 1944.

Filmografia

Televisione, regia di Charles de Rochefort (1931)
Il treno delle 21,15, regia di Amleto Palermi (1933)
Seconda B, regia di Goffredo Alessandrini (1934)
Luci sommerse, regia di Adelqui Migliar (1934)
Darò un milione, regia di Mario Camerini (1935)
Vecchia guardia, regia di Alessandro Blasetti (1935)
Come le foglie, regia di Mario Camerini (1935)
La damigella di Bard, regia di Mario Mattoli (1936)
L'argine, regia di Corrado D'Errico (1938)
Giuseppe Verdi, regia di Carmine Gallone 1938)
I grandi magazzini, regia di Mario Camerini (1939)
Mille lire al mese, regia di Max Neufeld (1939)
La grande luce, regia di Carlo Campogalliani (1939)
Bionda sottochiave, regia di Camillo Mastrocinque (1939)
L'ospite di una notte, regia di Carlo Campogalliani (1939)
Un'avventura di Salvator Rosa, regia di Alessandro Blasetti (1939)
Manon Lescaut, regia di Carmine Gallone (1940)
Leggenda azzurra, regia di Giuseppe Guarino (1940)
Mare, regia di Mario Baffico (1940)
Cuori nella tormenta, regia di Carlo Campogalliani (1940)
Oltre l'amore, regia di Carmine Gallone (1940)
Lucrezia Borgia, regia di Hans Hinrich (1940)
Caravaggio, il pittore maledetto, regia di Goffredo Alessandrini (1941)
Ridi pagliaccio, regia di Camillo Mastrocinque (1941)
Il bravo di Venezia, regia di Carlo Campogalliani (1941)
L'amore canta, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1941)
Il cavaliere senza nome, regia di Ferruccio Cerio (1941)
Il re si diverte, regia di Mario Bonnard (1941)
Villa da vendere, regia di Ferruccio Cerio (1941)
Teresa Venerdì, regia di Vittorio De Sica (1941)
Soltanto un bacio, regia di Giorgio Simonelli (1941)
La pantera nera, regia di Domenico Gambino (1942)
L'ultimo addio, regia di Ferruccio Cerio (1942)
Perdizione, regia di Carlo Campogalliani (1942)
Una volta alla settimana, regia di Ákos Ráthonyi (1942)
Una signora dell'Ovest, regia di Carl Koch (1942)
Una storia d'amore, regia di Mario Camerini (1942)
Luisa Sanfelice, regia di Leo Menardi (1942)
Il ponte sull'infinito, regia di Alberto Doria (1943)
La statua vivente, regia di Camillo Mastrocinque (1943)
La Fornarina, regia di Enrico Guazzoni (1943)
La storia di una capinera, regia di Gennaro Righelli (1943)
Rita da Cascia, regia di Antonio Leonviola (1943)
Vietato ai minorenni, regia di Mario Massa (1944)
L'innocente Casimiro, regia di Carlo Campogalliani (1945)
Il canto della vita, regia di Carmine Gallone (1945)
Il marito povero, regia di Gaetano Amata (1946)
Felicità perduta, regia di Filippo Walter Ratti (1947)
Arrivederci, papà!, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
Napoli eterna canzone, regia di Silvio Siano (1949)
Amori e veleni, regia di Giorgio Simonelli (1949)
Vogliamoci bene!, regia di Paolo William Tamburella (1950)
Sambo, regia di Paolo William Tamburella (1950)
La figlia del mendicante, regia di Carlo Campogalliani (1950)
Il monello della strada, regia di Carlo Borghesio (1950)
Bellezze in bicicletta, regia di Carlo Campogalliani (1950)
Amo un assassino, regia di Baccio Bandini (1952)
Abracadabra, regia di Max Neufeld (1952)
Altri tempi, regia di Alessandro Blasetti (1952)
La carrozza d'oro, regia di Jean Renoir (1952)
Menzogna, regia di Ubaldo Maria Del Colle (1952)
Chi è senza peccato..., regia di Raffaello Matarazzo (1952)
Stazione Termini, regia di Vittorio De Sica (1953)
Vortice, regia di Raffaello Matarazzo (1953)
La lupa, regia di Alberto Lattuada (1953)
Tormento di anime, regia di Cesare Barlacchi (1953)
Se vincessi cento milioni, regia di Carlo Campogalliani e Carlo Moscovini (1953)
Questa è la vita, regia di Aldo Fabrizi (1954)
La prigioniera di Amalfi, regia di Giorgio Cristallini (1954)
La campana di San Giusto, regia di Mario Amendola, Ruggero Maccari (1954)
Torna!, regia di Raffaello Matarazzo (1954)
Guai ai vinti, regia di Raffaello Matarazzo (1954)
Buonanotte... avvocato!, regia di Giorgio Bianchi (1955)
Torna piccina mia, regia di Carlo Campogalliani (1955)
L'angelo bianco, regia di Raffaello Matarazzo (1955)
La donna più bella del mondo, regia di Robert Z. Leonard (1955)
Porta un bacione a Firenze, regia di Camillo Mastrocinque (1955)
Mamma sconosciuta, regia di Carlo Campogalliani (1956)
Ci sposeremo a Capri, regia di Siro Marcellini (1956)
Il cavaliere dalla spada nera, regia di Ladislao Kish (1956)
Ascoltami, regia di Carlo Campogalliani (1957)
Il corsaro della mezza luna, regia di Giuseppe Maria Scotese (1957)
L'ultima violenza, regia di Raffaello Matarazzo (1957)
Le dritte, regia di Mario Amendola (1958)
Amore e guai, regia di Angelo Dorigo (1958)
L'amore nasce a Roma, regia di Mario Amendola (1958)
La maja desnuda, regia di Henry Koster e Mario Russo (1958)
Il mondo dei miracoli, regia di Luigi Capuano (1959)
Simpatico mascalzone, regia di Mario Amendola (1959)
La banda del buco, regia di Mario Amendola (1960)
Rosmunda e Alboino, regia di Carlo Campogalliani (1961)
Zorro e i tre moschettieri, regia di Luigi Capuano (1963)
Soldati e capelloni, regia di Mario Amendola (1964)