Andrea Bosic

(Maribor, 15 agosto 1919 – Bologna, 8 gennaio 2012) è stato un attore sloveno naturalizzato italiano.

Nato in Slovenia, nel 1940 si trasferisce a Roma dove frequenta i corsi di recitazione dell'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica, ottenendo il diploma nel 1945 e iniziando subito a lavorare in teatro. Il debutto è nella Compagnia di Anna Magnani con la commedia Maya, per la regia di Orazio Costa; successivamente lavora con Vittorio Gassman, Paola Borboni e Giorgio Strehler presso il Piccolo Teatro di Milano.

Molto attivo nei lavori televisivi della RAI dal 1956, sia in commedie che negli sceneggiati tipici del periodo, meno importante la sua presenza nella prosa radiofonica.

Nel cinema inizia a recitare nel 1951, diretto da Baccio Bandini, nel film Amo un assassino, prima pellicola di una lunga serie di lavori, dove passa attraverso varie tipologie di tematiche tra l'avventuroso, il poliziesco, il peplum e il western.

Chiude l'attività alla fine degli anni '80. Ha trascorso gli ultimi anni della sua vita a Bologna presso la Casa di Riposo per Artisti Drammatici Lyda Borelli, unica struttura in Italia, riservata ad ex attori/attrici di teatro e di cinema.

Prosa teatrale

Maya di Simon Gantillon, regia di Orazio Costa, prima al Teatro Eliseo il 24 novembre 1945.
Cristo ha ucciso di Gian Paolo Callegari, regia di Guido Salvini, prima al Teatro della Biennale di Venezia il 1º ottobre 1948.
Amleto di William Shakespeare, regia di Vittorio Gassman, prima al Teatro Valle di Roma il 28 novembre 1952.

Prosa televisiva RAI

Assassinio nella cattedrale di Thomas Stearns Eliot, regia di Mario Ferrero, trasmessa il 19 agosto 1955.
Amleto di William Shakespeare, regia di Vittorio Gassman, trasmessa il 1º novembre 1955.


Galleria fotografica

Foto: lombardiabeniculturali.it, AKG


Filmografia

Amo un assassino, regia di Baccio Bandini (1951)
Ulisse, regia di Mario Camerini (1953)
Due notti con Cleopatra, regia di Mario Mattoli (1953)
La cambiale, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
Romolo e Remo, regia di Bruno Corbucci (1961)
Rosmunda e Alboino, regia di Carlo Campogalliani (1961)
La vendetta della maschera di ferro, regia di Henri Decoin e Francesco De Feo (1961)
Maciste all'inferno, regia di Riccardo Freda (1962)
Il processo di Verona, regia di Carlo Lizzani (1962)
Il sangue e la sfida, regia di Nick Nostro (1962)
Il tiranno di Siracusa, regia di Curtis Bernhardt (1962)
Venere imperiale, regia di Jean Delannoy (1962)
Il magnifico avventuriero, regia di Riccardo Freda (1963)
Sandokan, la tigre di Mompracem, regia di Umberto Lenzi (1963)
Romeo e Giulietta, regia di Riccardo Freda (1964)
I pirati della Malesia, regia di Umberto Lenzi (1964)
Il ponte dei sospiri, regia di Piero Pierotti (1964)
I tre sergenti del Bengala, regia di Umberto Lenzi (1964)
Due mafiosi contro Goldginger, regia di Giorgio Simonelli (1965)
Genoveffa di Brabante, regia di Josè Luis Monter (1965)
Arizona Colt, regia di Michele Lupo (1966)
Uccidi o muori, regia di Tanio Boccia (1966)
Colpo maestro al servizio di Sua Maestà britannica, regia di Michele Lupo (1966)
El Greco, regia di Luciano Salce (1966)
Killer calibro 32, regia di Alfonso Brescia (1966)
Kriminal, regia di Umberto Lenzi (1966)
Per pochi dollari ancora, regia di Giorgio Ferroni (1966)
Le spie uccidono in silenzio, regia di Mario Caiano (1966)
Come rubare la corona d'Inghilterra, regia di Sergio Grieco (1967)
Le due facce del dollaro, regia di Roberto Bianchi Montero (1967)
Diabolik, regia di Mario Bava (1967)
I giorni della violenza, regia di Alfonso Brescia (1967)
I giorni dell'ira, regia di Tonino Valerii (1967)
Lo voglio morto, regia di Paolo Bianchini (1967)
Il marchio di Kriminal, regia di Fernando Cerchio (1967)
15 forche per un assassino, regia di Nunzio Malasomma (1967)
Troppo per vivere... poco per morire, regia di Michele Lupo (1967)
Con lui cavalca la morte, regia di Giuseppe Vari (1967)
Rebus, regia di Nino Zanchin (1968)
Il pistolero segnato da Dio, regia di Giorgio Ferroni (1968)
L'urlo dei giganti, regia di Leon Klimowsky (1968)
Le tigri di Mompracem, regia di Mario Sequi (1970)
Testa t'ammazzo, croce... sei morto. Mi chiamano Alleluja, regia di Giuliano Carnimeo (1971)
I lupi attaccano in branco, regia di Franco Cirino (1971)
Fratello homo sorella bona, regia di Mario Sequi (1972)
Siamo tutti in libertà provvisoria, regia di Manlio Scarpelli (1972)
Amici più di prima, regia di Marino Girolami, Giovanni Grimaldi (1976)
Signore e signori, buonanotte, regia di Ettore Scola (1976)
Il grande attacco, regia di Umberto Lenzi (1977)
Manhattan Baby, regia di Lucio Fulci (1982)
7, Hyden Park - La casa maledetta, regia di Alberto De Martino (1985)

Note

^ Si è spento Andrea Bosic