Daniele Palmesi, Federico Clemente Gen 2017

Beniamino Maggio

Beniamino maggio

Beniamino Maggio (Napoli, 10 agosto 1907 – Napoli, 6 settembre 1990) è stato un attore italiano.

Terzo dei dodici fratelli Maggio, tutti attori come i loro genitori (Domenico "Mimì" Maggio e Antonietta Gravante), calca il palscoscenico fin da bambino, si forma nell'avanspettacolo per poi approdare nel teatro di rivista, dove lavora spesso in coppia col fratello Dante. Nel 1954 entra nella compagnia di Eduardo De Filippo, nove anni dopo esordisce in TV nella commedia Rinaldo in campo.

Filmografia

Calamita d'oro, regia di Armando Fizzarotti (1948)
Capitan Demonio, regia di Carlo Borghesio (1949)
I due sergenti, regia di Carlo Alberto Chiesa (1951)
Luna rossa, regia di Armando Fizzarotti (1951)
Ha fatto 13, regia di Carlo Manzoni (1951)
Miracolo a Viggiù, regia di Luigi Giachino (1952)
Città canora, regia di Mario Costa (1952)
Rosalba, la fanciulla di Pompei, regia di Natale Montillo (1952)
Balocchi e profumi, regia di F. M. De Bernardi e Natale Montillo (1953)
Fermi tutti... arrivo io!, regia di Sergio Grieco (1953)
...e Napoli canta!, regia di Armando Grottini (1953)
Siamo ricchi e poveri, regia di Siro Marcellini (1953)
Madonna delle rose, regia di Enzo Di Gianni (1953)
Lettera napoletana, regia di Giorgio Pàstina (1954)
Desiderio 'e sole, regia di Giorgio Pàstina (1954)
Canzone d'amore, regia di Giorgio Simonelli (1954)
Piscatore 'e Pusilleco , regia di Giorgio Capitani (1954)
La Luciana, regia di Domenico Gambino (1954)
Due lacrime, regia di Giuseppe Vari (1954)
Napoli terra d'amore, regia di Camillo Mastrocinque (1954)
Napoli è sempre Napoli, regia di Armando Fizzarotti (1954)
Carovana di canzoni, regia di Sergio Corbucci (1954)
Cuore di mamma, regia di Luigi Capuano (1954)
Ballata tragica, regia di Luigi Capuano (1954)
Luna nuova, regia di Luigi Capuano (1955)
La porta dei sogni, regia di Angelo D'Alessandro (1955)
Da qui all'eredità, regia di Riccardo Freda (1955)
Vendicata, regia di Giuseppe Vari (1955)
Addio sogni di gloria, regia di Giuseppe Vari (1955)
Cantate con noi, regia di Roberto Bianchi Montero (1955)
Giuramento d'amore, regia di Roberto Bianchi Montero (1955)
Te sto aspettanno, regia di Armando Fizzarotti (1956)
La sposa, regia di Edmondo Lozzi (1958)
Uccidi o muori, regia di Tanio Boccia (1967)
Decameron '300, regia di Mauro Stefani (1972)
La pagella, regia di Nini Grassia (1978)

 

Beniamino Maggio ricorda Totò ai tempi delle sue prime prestazioni al Trianon: dopo averne citato le capriole a pagamento, da uno, due, tre soldi in relazione alle difficoltà concordate con gli spettatori che gli gettano poi il corrispettivo sul palcoscenico, l’attore racconta

«Buio assoluto in sala, luci fioche, cimiteriali, l’orchestra esegue una marcia funebre. Totò si irrigidisce come in catalessi. Interviene a questo punto un colpo di teatro pensato dallo stesso Totò: dalla prima fila di poltrone salgono in palcoscenico quattro spettatori, opportunamente istruiti. Il morto viene portato in spalla come in un funerale e fa il giro della sala e così parte la suggestione collettiva al punto che, dal fondo della sala, in attesa del “morto vivo” si alza il pianto delle puttane. Regolarmente ogni sera le brave donne si rifugiano in teatro, a un segnale convenuto con la maschera, per assistere al numero, lasciando deserti i posti di lavoro intorno al teatro.»

Fonte: Nino Masiello, Tempo di Maggio, Teatro popolare del '900 a Napoli, Napoli, Pironti, 1994, p.30