Bruce Cabot (Étienne Pelissier Jacques de Bujac)

Pseudonimo di Étienne Pelissier Jacques de Bujac (Carlsbad, 20 aprile 1904 – Los Angeles, 3 maggio 1972), è stato un attore cinematografico statunitense.

Biografia

Bruce Cabot era di origini francesi e irlandesi. Figlio di un facoltoso avvocato, frequentò la University of the South a Sewanee (Tennessee)[1], ma dopo gli studi visse una giovinezza avventurosa durante la quale fece il pugile e tentò di dedicarsi agli affari e alle speculazioni di borsa[1].

Nel 1932, mentre era direttore di un locale notturno a Hollywood, ebbe la prima opportunità di avvicinarsi al mondo del cinema[1], e già l'anno successivo si affermò definitivamente con il ruolo di Jack Driscoll nel kolossal King Kong (1933).

Specializzato in parti di "duro" e in ruoli di villain, fu memorabile nel film Furia (1936) di Fritz Lang, nella parte di un cittadino che spinge la folla al linciaggio, ma in rare occasioni poté fare sfoggio delle sue doti di cattivo brutale in film di qualità[1].

Con il declino della carriera, i suoi ruoli si fecero più sporadici, ma l'amicizia con John Wayne gli consentì di continuare la collaborazione con l'attore sul set di diversi film[1], tra i quali I comanceros (1961), Hatari! (1962), Chisum (1970).

In Italia è noto soprattutto per il ruolo del gangster Nick Molise nel film Totò lascia o raddoppia? diretto nel 1956 da Camillo Mastrocinque.


Galleria fotografica

Foto: AKG Images


Filmografia

Heroes of the Flames, regia di Robert F. Hill (1931)
Lady with a Past, regia di Edward H. Griffith (1932)
King Kong, regia di Merian C. Cooper, Ernest B. Schoedsack (1933)
Sedotta (Disgraced!), regia di Erle C. Kenton (1933)
Educande d'America (Finishing School), regia di George Nichols jr. (1934)
Facce false (Let 'em Have It), regia di Sam Wood (1935)
Sterminateli senza pietà (Show Them No Mercy!), regia di George Marshall (1935)
Furia (Fury), regia di Fritz Lang (1936)
Il re dei pellerossa (The Last of the Mohicans), regia di Douglas Sirk (1936)
Robin Hood dell'Eldorado (The Robin Hood of Eldorado), regia di William A. Wellman (1936)
Amore in volo (Love Takes Flight), regia di Conrad Nagel (1937)
Il grande segreto (The Badman of Brimstone), regia di Walter Ruben (1937)
L'isola del paradiso (Sinners in Paradise), regia di James Whale (1938)
La squadra volante (Homicide Bureau), regia di Charles C. Coleman jr. (1939)
Peccatrici folli (Susan and God), regia di George Cukor (1940)
L'ammaliatrice (The Flame of New Orleans), regia di René Clair (1941)
Il cavaliere della vendetta (Wild Bill Hickock Rides), regia di Ray Enright (1941)
Inferno nel deserto (Sundown), regia di Henry Hathaway (1941)
Rivalità (Silver Queen), regia di Lloyd Bacon (1942)
Pierre of the Plains, regia di George B. Seitz (1942)
Il canto del deserto (The Desert Song), regia di Robert Florey (1943)
La corsa della morte (Salty O'Rourke), regia di Raoul Walsh (1945)
Un angelo è caduto (Fallen Angel), regia di Otto Preminger (1945)
Il vendicatore silenzioso (Smoky), regia di Louis King (1946)
L'ultima conquista (Angel and the Badman), regia di James Edward Grant (1947)
Il mantello rosso, regia di Giuseppe Maria Scotese (1955)
Totò lascia o raddoppia?, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
La ragazza del Palio, regia di Luigi Zampa (1957)
Un americano tranquillo (The Quiet American), regia di Joseph L. Mankiewicz (1958)
La bionda e lo sceriffo (The Sheriff of Fractured Jaw), regia di Raoul Walsh (1958)
Guardatele ma non toccatele, regia di Mario Mattoli (1959)
Il terrore dei barbari, regia di Carlo Campogalliani (1959)
I comanceros (The Comancheros), regia di Michael Curtiz (1961)
Hatari!, regia di Howard Hawks (1962)
La legge dei fuorilegge (Law of the Lawless), regia di William F. Claxton (1963)
McLintock!, regia di Andrew V. McLaglen (1963)
Prima vittoria (In Harm's Way), regia di Otto Preminger (1964)
La città senza legge (Town Tamer), regia di Lesley Selander (1965)
Lo sperone nero (The Black Spur), regia di R.G. Springsteen (1965)
Carovana di fuoco (The War Wagon), regia di Burt Kennedy (1967)
Berretti verdi (The Green Berets), regia di John Wayne, Ray Kellogg (1968)
I due invincibili (The Undefeated), regia di Andrew V. McLaglen (1969)
Uomini d'amianto contro l'inferno (Hellfighters), regia di Andrew V. McLaglen (1969)
Chisum, regia di Andrew V. McLaglen (1970)
Un uomo oggi (WUSA), regia di Stuart Rosenberg (1970)
Agente 007 - Una cascata di diamanti (Diamonds Are Forever), regia di Guy Hamilton (1971)
Il grande Jake (Big Jake), regia di George Stevens (1971)

Doppiatori italiani

Nino Pavese in Il canto del deserto, Come divenni padre, Inferno nel deserto, L'ultima conquista, Ai vostri ordini signora, Frecce avvelenate, Il magnifico fuorilegge
Emilio Cigoli in L'ammaliatrice, La corsa della morte, La bionda e lo sceriffo
Giorgio Capecchi in King Kong, Gianni e Pinotto al Polo Nord
Gualtiero De Angelis in Peccatrici folli, I bandoleros
Luigi Pavese in Un americano tranquillo, Hatari!
Mario Pisu in Il cavaliere della vendetta
Renato Turi in Totò lascia o raddoppia?
Bruno Persa in Il terrore dei barbari
Roberto Pedicini in Gli avventurieri (ridoppiaggio)

Note

^ a b c d e Il chi è del cinema, Vol. I, De Agostini, 1984, pag. 77