Bruno Corelli

(Bologna, 20 agosto 1918 – Tunisi, 17 febbraio 1983) è stato un attore italiano.

Biografia

Appassionato di teatro, dopo aver recitato in una filodrammatica della sua città si trasferisce a Roma con l'intenzione di frequentare il Centro Sperimentale di Cinematografia e in qualità di allievo partecipa nel 1938 insieme ada altri del suo corso al film Giuseppe Verdi.

Abbandona presto la scuola per prendere parte a spettacoli di prosa e rivista facendosi apprezzare per il suo umorismo e le qualità di mimo-ballerino.

Inizia una vera attività cinematografica all'indomani del secondo dopoguerra prendendo parte a numerose pellicole per lo più di genere comico-brillante in qualità di attore secondario e divertente o di caratterista dalle battute gustose e salaci, purtroppo senza mai diventare una punta di forza del film, pur lavorando intensamente per quasi tutto il decennio degli anni cinquanta. Muore a Tunisi nel 1983.

Filmografia

Giuseppe Verdi, regia di Carmine Gallone (1938)
Eleonora Duse, regia di Filippo Walter Ratti (1947)
Il barone Carlo Mazza, regia di Guido Brignone (1948)
Vogliamoci bene!, regia di Paolo William Tamburella (1949)
Se fossi deputato, regia di Giorgio Simonelli (1949)
La bisarca, regia di Giorgio Simonelli (1950)
Io sono il Capataz, regia di Giorgio Simonelli (1950)
Vita da cani, regia di Mario Monicelli e Steno (1950)
Quel bandito sono io, regia di Mario Soldati (1950)
Tototarzan, regia di Mario Mattoli (1950)
L'inafferrabile 12, regia di Mario Mattoli (1950)
Arrivano i nostri, regia di Mario Mattoli (1951)
È più facile che un cammello..., regia di Luigi Zampa (1951)
Lebbra bianca, regia di Enzo Trapani (1951)
Ha fatto 13, regia di Carlo Manzoni (1951)
Era lui... sì! sì!, regia di Marino Girolami, Vittorio Metz e Marcello Marchesi (1951)
L'eroe sono io, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1951)
Don Lorenzo, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1952)
Verginità, regia di Leonardo De Mitri (1952)
Abracadabra, regia di Max Neufeld (1952)
Totò a colori, regia di Steno (1952)
Ergastolo, regia di Luigi Capuano (1952)
Il tallone d'Achille, regia di Mario Amendola e Ruggero Maccari (1952)
Altri tempi - Zibaldone n. 1, regia di Alessandro Blasetti (1952)
Pentimento, regia di Mario Costa (1952)
Er fattaccio, regia di Riccardo Moschino (1952)
Viva il cinema!, regia di Enzo Trapani (1952)
Viva la rivista!, episodio Il gregario, regia di Enzo Trapani (1953)
Condannata senza colpa, regia di Luigi Latini De Marchi (1953)
L'incantevole nemica, regia di Claudio Gora (1953)
Addio, figlio mio!, regia di Giuseppe Guarino (1953)
Un americano a Roma, regia di Steno (1954)
Hanno rubato un tram, regia di Aldo Fabrizi (1954)
Io piaccio, regia di Giorgio Bianchi (1955)
Tuppe tuppe, Marescià!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1958)
Ciao, ciao bambina! (Piove), regia di Sergio Grieco (1959)
Il mondo dei miracoli, regia di Luigi Capuano (1959)
La scimitarra del Saraceno, regia di Piero Pierotti (1959)
Spavaldi e innamorati, regia di Giuseppe Vari (1959)
Totò, Eva e il pennello proibito, regia di Steno (1959)
La notte del grande assalto, regia di Giuseppe Maria Scotese (1959)
La contessa azzurra, regia di Claudio Gora (1960)
I due marescialli, regia di Sergio Corbucci (1961)
Follie d'estate, regia di Edoardo Anton e Carlo Infascelli (1963)