Camillo Pilotto

(Roma, 6 febbraio 1888 – Roma, 27 maggio 1963) è stato un attore italiano.

Biografia

Fu uno dei più importanti caratteristi sul palcoscenico della prima metà del Novecento. Figlio d'arte - suo padre Libero Pilotto era attore e autore teatrale - debuttò sulle scene teatrali nella compagnia di Ermete Novelli nel 1903, a soli 15 anni, e apparve nelle Compagnie più famose fino alla fine degli anni cinquanta. Rimarchevole il personaggio di Cotrone da lui interpretato nel secondo dopoguerra ne I giganti della montagna di Pirandello - autore al quale fu personalmente legato e per il quale recitò nella compagnia da lui diretta - per la regia di Strehler.[1]

Il suo esordio sul grande schermo avvenne durante il periodo muto, nel 1916 in un film diretto da Augusto Genina e per un decennio comparve in un buon numero di pellicole. Con l'avvento del sonoro divenne uno degli esponenti più in vista del cinema dei telefoni bianchi e anche nel dopoguerra prese parte a numerosissimi film, talvolta nel ruolo di protagonista.

Comparve nel primo film sonoro italiano (La canzone dell'amore, diretto da Gennaro Righelli nel 1930) ma i ruoli più interessanti li ottenne come valido caratterista in due film diretti da Duilio Coletti (Il passatore del 1947) e Oreste Biancoli (Penne nere del 1952).

Insieme all'attività cinematografica (oltre 100 film interpretati) negli ultimi anni fece alcune presenze in televisione, dove comparve in diversi sceneggiati di successo, tra i quali Piccolo mondo antico (1957) di Silverio Blasi, Canne al vento (1958) di Mario Landi, Il mulino del Po (1963) di Sandro Bolchi e infine Le anime morte (1963) di Edmo Fenoglio, l'ultima sua apparizione assoluta mandata in onda postuma.



Il teatro

Maya, di Simon Gantillon, regia di Orazio Costa, prima al Teatro Eliseo di Roma il 24 novembre 1945.
Scampolo, di Dario Niccodemi, prima al Teatro Eliseo il 6 dicembre 1945.

Filmografia

Il sopravvissuto, regia di Augusto Genina (1916)
Partita doppia, regia di Eugenio Perego (1916)
Così è la vita, regia di Eugenio Perego (1917)
La capanna dello zio Tom, regia di Riccardo Tolentino (1918)
Federica d'Illiria, regia di Eleuterio Rodolfi (1919)
Tempesta nel nido, regia di Nino Valentini (1926)
La canzone dell'amore, regia di Gennaro Righelli (1930)
La vacanza del diavolo, regia di Jack Salvatori (1931)
La vecchia signora, regia di Amleto Palermi (1931)
La riva dei bruti, regia di Mario Camerini (1931)
Cinque a zero, regia di Mario Bonnard (1932)
La segretaria per tutti, regia di Amleto Palermi (1933)
Il caso Haller, regia di Alessandro Blasetti (1933)
Le scarpe al sole, regia di Marco Elter (1935)
Lorenzino de' Medici, regia di Guido Brignone (1935)
L'anonima Roylott, regia di Raffaello Matarazzo (1936)
Sette giorni all'altro mondo, regia di Mario Mattoli (1936)
Il grande appello, regia di Mario Camerini (1936)
Gli ultimi giorni di Pompeo, regia di Mario Mattoli (1937)
Scipione l'Africano, regia di Carmine Gallone (1937)
Sotto la croce del sud, regia di Guido Brignone (1938)
I figli del marchese Lucera, regia di Amleto Palermi (1938)
Il conte di Bréchard, regia di Mario Bonnard (1938)
Abuna Messias, regia di Goffredo Alessandrini (1939)
Traversata nera, regia di Domenico Gambino (1939)
Tutta la vita in una notte, regia di Corrado D'Errico (1939)
L'albergo degli assenti, regia di Raffaello Matarazzo (1939)
Scandalo per bene, regia di Esodo Pratelli (1940)
Abbandono, regia di Mario Mattoli (1940)
L'avventuriera del piano di sopra, regia di Raffaello Matarazzo (1941)
I mariti (Tempesta d'anime), regia di Camillo Mastrocinque (1941)
Cenerentola e il signor Bonaventura, regia di Sergio Tofano (1942)
La Gorgona, regia di Guido Brignone (1942)
Redenzione, regia di Marcello Albani (1943)
Canal Grande, regia di Andrea Di Robilant (1943)
Una piccola moglie, regia di Giorgio Bianchi (1944)
La sua strada, regia di Mario Costa (1946)
Il Passatore, regia di Duilio Coletti (1947)
Furia, regia di Goffredo Alessandrini (1947)
Gente così, regia di Fernando Cerchio (1949)
Cavalcata d'eroi di Mario Costa (1949)
Gli ultimi giorni di Pompei, regia di Paolo Moffa (1950)
Alina, regia di Giorgio Pastina (1950)
Il ladro di Venezia, regia di John Brahm (1950)
Abbiamo vinto!, regia di Robert Adolf Stemmle (1950)
Ha fatto 13, regia di Carlo Manzoni (1951)
Senza bandiera di Lionello De Felice (1951)
Giovinezza, regia di Giorgio Pàstina (1952)
Penne nere, regia di Oreste Biancoli (1952)
Il romanzo della mia vita, regia di Lionello De Felice (1952)
Guai ai vinti, regia di Raffaello Matarazzo (1954)
Peppino e la vecchia signora, regia di Emma Gramatica e Piero Ballerini (1954)
I tre ladri, regia di Lionello De Felice (1954)
Erode il grande, regia di Arnaldo Genoino e Viktor Turžanskij (1958)

Prosa radiofonica RAI

Candida, di George Bernard Shaw, regia di Guglielmo Morandi, trasmessa il 26 febbraio 1951.
La calzolaia ammirevole, di Federico García Lorca, regia di Guglielmo Morandi, trasmessa il 7 maggio 1957.
L'ultima stanza, di Graham Greene, regia di Orazio Costa, trasmessa il 16 giugno 1963.

Note

^ È morto a Roma Camillo Pilotto, A.L. su l'Unità, 28 maggio 1963