Carlo Duse (Carlo Artemio Vittorio Duse)

Nome d'arte di Carlo Artemio Vittorio Duse (Udine, 5 gennaio 1898 – Roma, 9 agosto 1956), è stato un attore, regista e sceneggiatore italiano.

Biografia

Nasce a Udine all'interno di una grande famiglia di attori, cugino di Eleonora e fratello minore di Eugenio, inizia a calcare i tavoli dei teatri come attore giovane, nelle compagnie di Virgilio Talli, Maria Melato, Antonio Gandusio, e successivamente in quelle di Ermete Zacconi, Dina Galli e Amedeo Chiantoni, lavorando anche come autore di testi di commedie.

Debutta nel cinema muto nel kolossal storico del 1926, Gli ultimi giorni di Pompei, per la regia di Carmine Gallone e Amleto Palermi.

Solo all'inizio degli anni '30 l'attività di attore cinematografico diverrà prevalente, soprattutto come attore caratterista, in parti di cattivo e spietato, per quasi tutta la lunga filmografia che si interrompe nel 1956 con la sua morte.

In due occasioni si cimentò anche come regista cinematografico: nel 1940 con la pellicola storico-epica Fanfulla da Lodi co-diretta assieme a Giulio Antamoro (di questo film Duse fu anche sceneggiatore ed attore in un ruolo minore), e nel 1952 con il melodramma popolare La colpa di una madre.



Filmografia

Attore

Gli ultimi giorni di Pompei, regia di Carmine Gallone ed Amleto Palermi (1926)
Cento di questi giorni, regia di Mario Camerini (1933)
Villafranca, regia di Giovacchino Forzano (1934)
La cieca di Sorrento, regia di Nunzio Malasomma (1934)
Teresa Confalonieri, regia di Guido Brignone (1934)
L'ultimo dei Bergerac, regia di Gennaro Righelli (1934)
Aurora sul mare, regia di Giorgio Simonelli (1935)
Campo di maggio, regia di Giovacchino Forzano (1935)
Le scarpe al sole, regia di Marco Elter (1935)
Re burlone, regia di Enrico Guazzoni (1935)
Amo te sola, regia di Mario Mattoli (1935)
Ginevra degli Almieri, regia di Guido Brignone (1935)
Musica in piazza, regia di Mario Mattoli (1936)
13 uomini e un cannone, regia di Giovacchino Forzano (1936)
Condottieri, regia di Luis Trenker (1937)
Scipione l'Africano, regia di Carmine Gallone (1937)
Il feroce Saladino, regia di Mario Bonnard (1937)
Il conte di Bréchard, regia di Mario Bonnard (1937)
Il torrente, regia di Marco Elter (1938)
Ettore Fieramosca, regia di Alessandro Blasetti (1938)
Giuseppe Verdi, regia di Carmine Gallone (1938)
Orgoglio, regia di Marco Elter (1938)
Sotto la croce del sud, regia di Guido Brignone (1938)
Piccoli naufraghi, regia di Flavio Calzavara (1939)
La grande luce, regia di Carlo Campogalliani (1939)
Traversata nera, regia di Domenico Gambino (1939)
Retroscena, regia di Alessandro Blasetti (1939)
Lotte nell'ombra, regia di Domenico Gambino (1939)
Fanfulla da Lodi, regia di Giulio Antamoro e Carlo Duse (1940)
Incanto di mezzanotte, regia di Mario Baffico (1940)
Arditi civili, regia di Domenico Gambino (1940)
Un'avventura di Salvator Rosa, regia di Alessandro Blasetti (1940)
Il segreto di Villa Paradiso, regia di Domenico Gambino (1940)
La fanciulla di Portici, regia di Mario Bonnard (1940)
Melodie eterne, regia di Carmine Gallone (1940)
Il cavaliere di Kruja, regia di Carlo Campogalliani (1940)
L'assedio dell'Alcazar, regia di Augusto Genina (1940)
Abbandono, regia di Mario Mattoli (1940)
Il re del circo, regia di Hans Hinrich (1941)
Beatrice Cenci, regia di Guido Brignone (1941)
Leggenda della primavera, regia di Giorgio Walter Chili (1941)
La compagnia della teppa, regia di Corrado D'Errico (1941)
Il bravo di Venezia, regia di Carlo Campogalliani (1941)
Villa da vendere, regia di Ferruccio Cerio (1941)
Il signore a doppio petto, regia di Flavio Calzavara (1941)
I promessi sposi, regia di Mario Camerini (1941)
Capitan Tempesta, regia di Corrado D'Errico (1942)
Il leone di Damasco, regia di Corrado D'Errico e Enrico Guazzoni (1942)
Una signora dell'Ovest, regia di Carl Koch (1942)
Giarabub, regia di Goffredo Alessandrini (1942)
I due Foscari, regia di Enrico Fulchignoni (1942)
Bengasi, regia di Augusto Genina (1942)
Don Giovanni, regia di Dino Falconi (1942)
Don Cesare di Bazan, regia di Riccardo Freda (1942)
Pazzo d'amore, regia di Giacomo Gentilomo (1943)
Inviati speciali, regia di Romolo Marcellini (1943)
La valle del diavolo, regia di Mario Mattoli (1943)
Spie tra le eliche, regia di Ignazio Ferronetti (1943)
Musica proibita, regia di Carlo Campogalliani (1943)
L'usuraio, regia di Harry Hasso (1943)
Silenzio, si gira!, regia di Carlo Campogalliani (1943)
Nebbie sul mare, regia di Marcello Pagliero (1943)
Tempesta sul golfo, regia di Gennaro Righelli (1943)
Avanti a lui tremava tutta Roma, regia di Carmine Gallone (1946)
La monaca di Monza, regia di Renato Pacini (1947)
Antonio di Padova, regia di Pietro Francisci (1949)
Totò sceicco, regia di Mario Mattoli (1950)
Messalina, regia di Carmine Gallone (1951)
Senza bandiera di Lionello De Felice (1951)
Camicie rosse, regia di Goffredo Alessandrini (1952)
Don Camillo, regia di Julien Duvivier (1952)
Puccini, regia di Carmine Gallone (1953)
Il mostro dell'isola, regia di Roberto Bianchi Montero (1953)
Tradita, regia di Mario Bonnard (1954)
Le due orfanelle, regia di Giacomo Gentilomo (1954)
Il padrone sono me!, regia di Franco Brusati (1955)
Don Camillo e l'onorevole Peppone, regia di Carmine Gallone (1955)
Moglie e buoi, regia di Leonardo De Mitri (1956)

Regista

Fanfulla da Lodi (1940) co-diretto con Giulio Antamoro
La colpa di una madre (1952)

Sceneggiatore

Il torrente (1938)
Retroscena (1939)
Traversata nera (1939)
Arditi civili (1940)
Fanfulla da Lodi (1940)
Musica proibita (1942)
Canto, ma sottovoce... (1945)
Alina (1950)
La colpa di una madre (1952)
Una voce una chitarra e un po' di luna (1956)

Bibliografia

I registi, Gremese editore, Roma 2003
Francesco Savio, Ma l'amore no, Sonzogno Milano 1975
Biografia di Italia Vitalini on-line: http://www.enciclopediadelledonne.it/biografie/italia-vitaliani/