Giorgia Moll (Georgia Moll)

Giorgia Moll, talvolta indicata come Georgia Moll o Georgia Mool (Roma, 14 gennaio 1938), è un'attrice e cantante italiana che è stata attiva nel cinema e nella pubblicità televisiva soprattutto tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta.

Biografia

Nata a Roma, come lei stessa ha dichiarato, da padre tedesco e madre italiana, vero nome Giorgia Molinella, è stata anche una ragazza-copertina, apparendo in un servizio interno sul n. 8 del 1972 della rivista Playmen.

Ancora giovanissima, legò il suo nome ad una celebre campagna pubblicitaria su Carosello reclamizzante un noto dentifricio del quale era testimonial[1]. Come attrice caratterista è spesso apparsa in produzioni cinematografiche del genere B-movie, prettamente di produzione italiana.

Il suo film più importante - che le ha dato una certa notorietà internazionale - è stato Un americano tranquillo, diretto da Joseph L. Mankiewicz e girato nel 1958 a Saigon (Vietnam) accanto all'attore-eroe statunitense Audie Murphy (un'immagine d'epoca ritrae l'attrice su una curiosa carrozzella accanto a Murphy durante una pausa della lavorazione).

Ne Il disprezzo di Jean-Luc Godard, film del 1963, ricopre il ruolo della segretaria del produttore Jack Palance che intrattiene rapporti di lavoro con il protagonista Michel Piccoli.

Negli anni sessanta la Moll si è anche dedicata all'attività di cantante, incidendo alcuni 45 giri: il più noto di essi è Ballata per un amore perduto (Ballade a Sylvie)/Nato in settembre del 1963, in quanto l'autore dei testi di entrambi i brani è Piero Ciampi (mentre l'arrangiatore nonché autore della musica di Nato in settembre è il maestro Elvio Monti).

Dopo aver lasciato il mondo del cinema, la Moll ha iniziato a dedicarsi alla fotografia, come comunicato in una recente intervista nella trasmissione radiofonica RAI Hollywood Party.


Galleria fotografica


Filmografia

Lo svitato, regia di Carlo Lizzani (1956)
Mio figlio Nerone, regia di Steno (1956)
Club di ragazze (Club de femmes), regia di Ralph Habib (1956)
Difendo il mio amore, regia di Giulio Macchi (1957)
Mariti in città, regia di Luigi Comencini (1957)
Un americano tranquillo (The Quiet American), regia di Joseph L. Mankiewicz (1958)
Non scherzare con le donne, regia di Giuseppe Bennati (1958)
Mogli pericolose, regia di Luigi Comencini (1958)
Agi Murad, il diavolo bianco, regia di Riccardo Freda (1959)
La cambiale, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
Costa Azzurra, regia di Vittorio Sala (1959)
Tunisi top secret, regia di Bruno Paolinelli (1959)
Il rossetto, regia di Damiano Damiani (1960)
La regina delle Amazzoni, regia di Vittorio Sala (1960)
Le tre eccetera del colonnello, regia di Claude Boissol (1960)
Marina, regia di Paul Martin (1960)
I Cosacchi, regia di Giorgio Rivalta (1960)
Caccia all'uomo, regia di Riccardo Freda (1961)
Il ratto delle Sabine, regia di Richard Pottier (1961)
Il ladro di Bagdad, regia di Bruno Vailati, Arthur Lubin (1961)
Laura nuda, regia di Nicolò Ferrari (1961)
Solimano il conquistatore, regia di Vatroslav Mimica (1961)
The Connection, (1962)
Il disprezzo, regia di Jean-Luc Godard (1963)
L'isola dell'amore (Island of Love), regia di Morton Da Costa (1963)
Cover girls - ragazze di tutti, regia di Bénaréraf José (1964)
L'intrigo, regia di Vittorio Sala (1964)
Il treno del sabato, regia di Vittorio Sala (1964)
L'arcidiavolo, regia di Ettore Scola (1966)
Incompreso, regia di Luigi Comencini (1966)
Requiem per un agente segreto, regia di Sergio Sollima (1966)
I mercenari muoiono all'alba, regia di Jean Leduc (1967)
Tom Dollar, regia di Marcello Ciorciolini (1967)
I barbieri di Sicilia, regia di Marcello Ciorciolini (1967)
La bionda di Pechino (La blonde de Pekin), regia di Nicolas Gessner (1968)
Italian Secret Service, regia di Luigi Comencini (1968)
I gangsters dalla faccia pulita, regia di Helmut Fornbacher (1968)
Il ladro di crimini, regia di Nadine Marquand Trintignant (1969)
Togetherness, regia di Arthur Marks (1970)
Rekvijem, regia di A. Salja (1970)
Tutti dentro, regia di Alberto Sordi (1984)

Doppiatrici italiane

Rita Savagnone in Il disprezzo, Costa Azzurra
Renata Marini in Mio figlio Nerone
Maria Pia Di Meo in Le tre eccetera del colonnello
Adriana Asti in Laura nuda
Fiorella Betti in Il ratto delle Sabine

Televisione

Armchair Theatre (1960, miniserie televisiva, episodio Heart & Diamond')
I due prigionieri (1985, film tv)

Discografia parziale

45 giri

1964: Ballata per un amore perduto (Ballade a Sylvie)/Nato in settembre (Ariel, NF 506)
1968: Sentila...quante bugie/L'amore viene passa e va (Vis Radio, VLMQN 056432)

Note
^ Fonte: Il-fantamondo.com