Margaret Lee

Talvolta accreditata come Margareth Lee, pseudonimo di Margaret Gwendolyn Box (Wolverhampton, 4 agosto 1943), è un'attrice britannica che è stata attiva nel cinema italiano prevalentemente negli anni sessanta e settanta



Biografia

Margaret Lee ha recitato in film comici, storici e di avventura, apparendo in b-movie ma anche in sofisticate commedie all'italiana.

Televisione

Ricordata per la sua avvenenza, come show-girl è apparsa negli anni sessanta alla televisione italiana nel varietà Johnny sera nel 1966, al fianco di Johnny Dorelli (con cui ha girato Arriva Dorellik, 1967, prendendo poi parte al Galà per Johnny Dorelli, 1968) e poi nel varietà La domenica è un'altra cosa (1969–1970).

Trasferitasi ancora in giovane età in Italia, ha studiato alla scuola teatrale Conti. Il parlare in maniera fluente tanto la lingua inglese quanto quella italiana, le ha consentito di doppiare sé stessa in alcuni dei film da lei interpretati.

Cinema

Ha recitato al fianco di noti attori (si ricordano in particolare le sue interpretazioni nei film del duo Franco e Ciccio) e sotto la direzione di diversi autori quali Steno, Lizzani, Franco, Monicelli, Wertmüller e Chabrol.

Il suo anno di maggiore attività è stato il 1965, con una decina di pellicole interpretate. Ha recitato anche completamente nuda nel film del 1971 Donne sopra, femmine sotto, e in alcuni film erotici come Il trionfo della casta Susanna del 1969 e Un attimo di vita del 1974.

Vita privata

Ha avuto due figli: Damian Anderson e Roberto Malerba (quest'ultimo nato dal suo matrimonio con il coreografo Gino Malerba), entrambi impegnati come produttori in campo cinematografico.


Galleria fotografica

Foto: Getty Images


Filmografia

I tre nemici, regia di Giorgio Simonelli (1962)
Maciste contro i mostri, regia di Guido Malatesta (1962)
Totò di notte n. 1, regia di Mario Amendola (1962)
Due samurai per cento geishe, regia di Giorgio Simonelli (1962)
Sansone contro i pirati, regia di Amerigo Anton (1963)
Avventura al motel, regia di Renato Polselli (1963)
Vino, whisky e acqua salata, regia di Mario Amendola (1963)
Siamo tutti pomicioni, regia di Marino Girolami (1963)
I 4 tassisti, di Giorgio Bianchi (1963)
I due pericoli pubblici, regia di Lucio Fulci (1964)
Due mattacchioni al Moulin Rouge, regia di Giuseppe Vari-Carlo Infascelli (1964)
I marziani hanno dodici mani, regia di Castellano e Pipolo (1964)
Un mostro e mezzo, regia di Steno (1964)
I maniaci, regia di Lucio Fulci (1964)
La vedovella, regia di Silvio Siano (1964)
Letti sbagliati, regia di Steno (1965)
Io uccido, tu uccidi, regia di Gianni Puccini (1965)
Il ladro della Gioconda, regia di Michel Deville (1965)
In ginocchio da te, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1965)
Questa volta parliamo di uomini, di Lina Wertmüller (1965)
La tigre profumata alla dinamite (Le Tigre se parfume à la dynamite), regia di Claude Chabrol (1965)
Agente 077 dall'Oriente con furore, regia di Sergio Grieco (1965)
I due sergenti del generale Custer, regia di Giorgio Simonelli (1965)
Lo scippo, regia di Nando Cicero (1965)
Questo pazzo, pazzo mondo della canzone, regia di Bruno Corbucci-Giovanni Grimaldi (1965)
Il lungo coltello di Londra (Circus of Fear), regia di John Llewellyn Moxey (1966)
New York chiama Superdrago, regia di Giorgio Ferroni (1966)
Djurado, regia di Giovanni Narzisi (1966)
Racconti a due piazze (Le lit à deux places), (1965)
Il più grande colpo del secolo (Le Soleil de voyous), regia di Jean Delannoy (1967)
Dick Smart 2007, regia di Frank Shannon (1967)
Colpo maestro al servizio di Sua Maestà britannica, regia di Michele Lupo (1967)
Da Berlino l'apocalisse, regia di Mario Maffei (1967)
Questi fantasmi, regia di Renato Castellani (1967)
I cinque draghi d'oro (Five Golden Dragons), regia di Jeremy Summers (1967)
L'assassino ha le ore contate (Coplan sauve sa peau), regia di Yves Boisset (1968)
Banditi a Milano, regia di Carlo Lizzani (1968)
Franco, Ciccio e le vedove allegre, regia di Marino Girolami (1968)
Venus in Furs, regia di Jesús Franco (1968)
Candidato per un assassinio, regia di José Maria Elorrieta (1968)
Arriva Dorellik, di Steno (1968)
I bastardi, regia di Duccio Tessari (1968)
Niente rose per OSS 117, regia di Jean-Pierre Desagnat e Renzo Cerrato (1969)
L'Auberge des plaisirs, regia di François Legrand (1969)
Cinque per l'inferno, regia di Frank Kramer (1969)
Sai cosa faceva Stalin alle donne?, regia di Maurizio Liverani (1969)
Il trionfo della casta Susanna, regia di François Legrand (1969)
Il trono di fuoco, regia di Jesús Franco (1969)
La vera storia di Frank Mannata, regia di Javier Setò 1970)
Il dio chiamato Dorian, regia di Massimo Dallamano (1970)
Appuntamento col disonore, regia di Adriano Bolzoni (1970)
La bestia uccide a sangue freddo, regia di Fernando Di Leo (1971)
Le belve, regia di Giovanni Grimaldi (1971)
Donne sopra, femmine sotto (The Rogue, Nokaut), regia di Boro Draskovic (1971)
La sensualità è... un attimo di vita, regia di Dante Maraccini (1974)
Gli assassini sono nostri ospiti, regia di Vincenzo Rigo (1974)
Casanova '70, regia di Mario Monicelli (1975)
Scusi eminenza... posso sposarmi?, regia di Salvatore Bugnatelli (1975)
Sesso e volentieri, regia di Dino Risi (1982)
Stangata napoletana, regia di Vittorio Caprioli (1983)

Doppiatrici

Margaret Lee è stata doppiata da:

Rita Savagnone in Sansone contro i pirati, Il ladro della Gioconda, I due sergenti del generale Custer, Colpo maestro al servizio di Sua Maestà britannica, Niente rose per OSS 117, Il dio chiamato Dorian
Fiorella Betti in Letti sbagliati, Agente 077 dall'Oriente con furore, La sensualità è... un attimo di vita
Maria Pia Di Meo in Un mostro e mezzo, Da Berlino l'apocalisse
Gabriella Genta in Cinque per l'inferno, La bestia uccide a sangue freddo
Valeria Valeri in Due samurai per cento geishe
Clara Bindi in In ginocchio da te
Benita Martini in A doppia faccia
Mirella Pace in Le belve
Isa Bellini in Un uomo superiore (episodio di Questa volta parliamo di uomini)
Gabriella Borri in Il lungo coltello di Londra (ridoppiaggio)