Daniele Palmesi, Federico Clemente Nov 2015

Maria Pia Casilio

Biografia

Famosa per le sue caratterizzazioni di ragazza di provincia dal viso grazioso, i modi spicci e la voce nasale, Maria Pia Casillo è stata una delle caratteriste più valide e longeve della commedia all'italiana.
Debutta giovanissima nel cinema ottenendo un immediato successo nel ruolo della giovane servetta del vecchio professore nel drammatico Umberto D. (1952) di Vittorio De Sica.
Apprezzata per le sue doti di attrice brillante, interpreta poi una serie di celebri commedie, come Pane, amore e fantasia (1953) di Luigi Comencini, Il medico dei pazzi (1954) di Mario Mattoli, insieme a Totò, e Un americano a Roma (1954) di Steno, nel ruolo della fidanzata di Alberto Sordi.
Nonostante una fortunata esperienza in Francia (Teresa Raquin, 1953), la Casilio non riesce ad affrancarsi dai ruoli di comprimaria, che pure interpreta con squisita vivacità. Vittorio De Sica la vorrà ancora nei film Stazione Termini (1953), con Montgomery Clift e Jennifer Jones, Il giudizio universale (1961) e Lo chiameremo Andrea (1972).
Verso la metà degli anni sessanta Maria Pia Casilio abbandona lo schermo, salvo sporadiche apparizioni, per dedicarsi alla famiglia: ha sposato il grande doppiatore Giuseppe Rinaldi, e da questa unione nasce la figlia Francesca, anch'ella attrice.
Anche la Casilio si sarebbe dedicata saltuariamente al doppiaggio: sua è la voce di Marina Vlady in Giorni d'amore e di Stefania Sandrelli ne Il federale.
Muore a Roma il 10 aprile 2012, a 76 anni.


Galleria fotografica


Filmografia

Umberto D., regia di Vittorio De Sica (1952)
Viale della speranza, regia di Dino Risi (1952)
Pane, amore e fantasia, regia di Luigi Comencini (1953)
Teresa Raquin, regia di Marcel Carné (1953)
Stazione Termini, regia di Vittorio De Sica (1953)
Carosello napoletano, regia di Ettore Giannini (1953)
Siamo tutti inquilini, regia di Mario Mattoli (1953)
Donne proibite, regia di Giuseppe Amato (1953)
Pane, amore e gelosia, regia di Luigi Comencini (1954)
Due soldi di felicità, regia di Roberto Amoroso (1954)
Aria di Parigi, regia di Marcel Carné (1954)
Un americano a Roma, regia di Steno (1954)
La valigia dei sogni, regia di Luigi Comencini (1954)
Il medico dei pazzi, regia di Mario Mattoli (1954)
Canzoni di mezzo secolo, regia di Domenico Paolella (1954)
I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli (1955)
Racconti romani, regia di Gianni Franciolini (1955)
Totò, Peppino e i fuorilegge, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
La banda del buco, regia di Mario Amendola (1960)
Il giudizio universale, regia di Vittorio De Sica (1961)
Mondine e mondane, regia di Tanio Boccia (1964)
Cuore matto... matto da legare, regia di Mario Amendola (1967)
Lo chiameremo Andrea, regia di Vittorio De Sica (1972)
Brutti, sporchi e cattivi, regia di Ettore Scola (1976)
Identificazione di una donna, regia di Michelangelo Antonioni (1982)
Noi uomini duri, regia di Maurizio Ponzi (1987)
Tre uomini e una gamba, regia di Aldo, Giovanni & Giacomo e Massimo Venier (1997)