Mischa Auer

Mischa Auer

Michail Semënovič Unskovskij (in russo: Михаил Семёнович Унсковский; San Pietroburgo, 17 novembre 1905 – Roma, 5 marzo 1967), è stato un attore russo naturalizzato statunitense.

Biografia

Iniziò a lavorare negli anni venti, dopo aver cambiato il proprio cognome in onore del nonno materno Leopold Auer, famoso violinista ungherese di origine ebraica. Si trasferì a Hollywood nel 1928 e lì iniziò la carriera.

Fece la sua prima apparizione in Something Always Happens del 1928. Ebbe diversi ruoli piccoli e per lo più non accreditati negli anni trenta, comparendo in film come Rasputin e l'imperatrice, Viva Villa! e I lancieri del Bengala.

Nel 1936 Auer ottenne la parte di un falso nobile nella commedia L'impareggiabile Godfrey, ottenendo la nomination come miglior attore non protagonista. Da questo momento venne regolarmente scritturato in ruoli comici.

Auer è all'apice della carriera in ruoli come l'insegnante di danza russo, Boris Kolenkhov, nel film vincitore dell'Oscar L'eterna illusione (dove si rivolge a Jean Arthur con la battuta «Ah, my little Rubishka!») e come il principe diventato stilista nel film Modella di lusso (1938).

Auer appare in film come: Cento uomini e una ragazza, Partita d'azzardo, Parata di primavera, Hellzapoppin', Cracked Nuts e Le schiave della città. Fece anche parte del numeroso cast di Dieci piccoli indiani.

Negli anni cinquanta apparve in diverse serie televisive come Westinghouse Desilu Playhouse, Studio One, Broadway Television Theatre e The Chevrolet Tele-Theatre. Dagli anni quaranta agli anni sessanta girò diversi film in Francia e in Italia tra cui uno con Totò, Che fine ha fatto Totò Baby?.

Auer si sposò quattro volte ed ebbe tre figli. Morì a Roma nel 1967 per un infarto.


Galleria fotografica

Foto: Getty Images


Filmografia

La casa del terrore (Something Always Happens), regia di Frank Tuttle (1928)
Something Always Happens, regia di Frank Tuttle (1928)
Paramount Revue, regia di Otto Preminger, Ernst Lubitsch (1930)
The Royal Bed, regia di Lowell Sherman (1931)
La spia (The Spy), regia di Berthold Viertel (1931)
Il passaporto giallo (The Yellow Ticket), regia di Raoul Walsh (1931)
Mata Hari, regia di George Fitzmaurice (1931)
La piccola emigrante (Delicious), regia di David Butler (1931)
Rasputin e l'imperatrice (Rasputin and the Empress), regia di Richard Boleslawski (1932)
Il canto della culla (Cradle Song) regia di Mitchell Leisen (1933)
Tarzan l'indomabile (Tarzan the Fearless), regia di Robert F. Hill (1933)
Viva Villa!, regia di Jack Conway (1934)
Un'ombra nella nebbia (Bulldog Drummond Strikes Back), regia di Roy Del Ruth (1934)
Student Tour regia di Charles Reisner (1934)
My Grandfather's Clock, regia di Felix E. Feist (1934)
Biography of a Bachelor Girl, regia di Edward H. Griffith (1935)
La donna del mistero (Mystery Woman), regia di Eugene Forde (1935)
I lancieri del Bengala (The Lives of a Bengal Lancer), regia di Henry Hathaway (1935)
Il conquistatore dell'India (Clive of India), regia di Richard Boleslawski (1935)
I crociati (The Crusades), regia di Cecil B. DeMille (1935)
Notte di carnevale (I Dream Too Much), regia di John Cromwell (1935)
We're Only Human, regia di James Flood (1935)
Tre strani amici (Tough Guy), regia di Chester M. Franklin (1936)
La ragazza di Parigi (That Girl from Paris), regia di Leigh Jason (1936)
L'impareggiabile Godfrey (My Man Godfrey), regia di Gregory La Cava (1936)
Notti messicane (The Gay Desperado), regia di Rouben Mamoulian (1936)
Baciami così (It's All Yours), regia di Elliott Nugent (1937)
Tre ragazze in gamba (Three Smart Girls), regia di Henry Koster (1937)
Cento uomini e una ragazza (One Hundred Men and a Girl), regia di Henry Koster (1937)
Capriccio di un giorno (We Have Our Moments), regia di Alfred L. Werker (1937)
L'inafferrabile signor Barton (Prescription for Romance), regia di Sylvan Simon (1937)
Scegliete una stella (Pick a Star), regia di Edward Sedgwick (1937)
Modella di lusso (Vogues of 1938), regia di Irving Cummings (1938)
Bisticci d'amore (Sweethearts), regia di W.S. Van Dyke (1938)
Servizio di lusso (Service de Luxe), regia di Rowland V. Lee (1938)
L'eterna illusione (You Can't Take It with You), regia di Frank Capra (1938)
Partita d'azzardo (Destry Rides Again), regia di George Marshall (1939)
Un angolo di cielo (East Side of Heaven), regia di David Butler (1939)
Un bimbo in pericolo (Unexpected Father), regia di Charles Lamont (1939)
Parata di primavera (Spring Parade), regia di Henry Koster (1940)
La taverna dei sette peccati (Seven Sinners), regia di Tay Garnett (1940)
La valle dei forti (Trail of the Vigilantes), regia di Allan Dwan (1940)
Hellzapoppin', regia di H.C. Potter (1941)
L'ammaliatrice (The Flame of New Orleans), regia di René Clair (1941)
L'inafferrabile spettro (Hold That Ghost), regia di Arthur Lubin (1941)
Letti gemelli (Twin Beds), Tim Whelan (1942)
Le schiave della città ((Lady in the Dark), regia di Mitchell Leisen (1944)
Nella camera di Mabel (Up in Mabel's Room), regia di Allan Dwan (1944)
Scandalo a corte (A Royal Scandal), regia di Otto Preminger (1945)
Milioni in pericolo (Brewster's Millions), regia di Allan Dwan (1945)
Dieci piccoli indiani (And Then There Were None), regia di René Clair (1945)
Rosso il cielo dei Balcani (Sofia), regia di John Reinhardt (1948)
Per te io muoio (For You I Die), regia di John Reinhardt (1948)
Al diavolo la celebrità, regia di Mario Monicelli e Steno (1949)
Biancaneve e i sette ladri, regia di Giacomo Gentilomo (1949)
Il cielo è rosso, regia di Claudio Gora (1950)
Vivere a sbafo, regia di Giorgio Ferroni (1950)
Ragazze folli (Futures Vedettes), regia di Marc Allégret (1955)
La picara molinera, regia di León Klimovsky con Felix Acaso (1954)
Rapporto confidenziale (Mr. Arkadin), regia di Orson Welles (1955)
Frou-Frou, regia di Augusto Genina (1955)
Montecarlo, regia di Samuel A. Taylor (1956)
Che fine ha fatto Totò Baby?, regia di Ottavio Alessi (1964)
Queste pazze, pazze donne, regia di Marino Girolami (1964)
Cleopazza, regia di Carlo Moscovini (1964)
I due mafiosi, regia di Giorgio Simonelli (1964)
Per amore... per magia..., regia di Duccio Tessari (1967)

Doppiatori italiani

Stefano Sibaldi in Dieci piccoli indiani (ridoppiaggio), Partita d'azzardo, La taverna dei sette peccati, Le schiave della città, Biancaneve e i sette ladri, Helzapoppin' il cabaret dell'inferno, Parata di primavera, Al diavolo la celebrità
Carlo Romano in L'eterna illusione, I due mafiosi, Un bimbo in pericolo, Letti gemelli
Gualtiero De Angelis in L'impareggiabile Godfrey, I crociati
Giorgio Capecchi in L'ammaliatrice, L'inafferrabile spettro
Bruno Persa in Rapporto confidenziale
Renato Turi in Frou-Frou