Paola Barbara (Paola Proto)

Nome d'arte di Paola Proto (Roma, 22 luglio 1912 – Anguillara Sabazia, 2 ottobre 1989), è stata un'attrice italiana di teatro, cinema e televisione. Talvolta è stata accreditata con lo pseudonimo di Pauline Baards.

Biografia

Attrice dalle buone doti drammatiche ma molto versatile ed in grado di interpretare più ruoli - ebbe anche il proprio nome in ditta nella Gizzi-Barbara-Annicelli verso la fine degli anni trenta - si impose al grande pubblico quale interprete de La peccatrice di Amleto Palermi, uscito nel 1940. Sposata al regista Primo Zeglio, sotto la cui direzione girò nove film, nel 1943 si trasferì con il marito in Spagna per fare poi ritorno definitivamente in Italia solo nel 1947, a guerra mondiale terminata continuando a lavorare moltissimo ma non più come protagonista e tornando al teatro negli anni cinquanta con la Barbara-Tamberlani-Villa.

Il doppiaggio a Madrid

Nel periodo di permanenza a Madrid ebbe la possibilità di lavorare al doppiaggio di alcuni film della 20th Century Fox, destinati al mercato italiano una volta finita la guerra. Suoi compagni di lavoro furono alcuni attori presenti per girare film di coproduzione ispano-italiana, come Emilio Cigoli, Anita Farra, Felice Romano, Nerio Bernardi, Franco Coop.

I film da lei doppiati furono, tra gli altri: Com'era verde la mia valle, La zia di Carlo, Il sospetto, Il segno di Zorro, L'ombra del dubbio, Il figlio della furia.


Galleria fotografica

Foto: Archivio Istituto Luce, lombardiabeniculturali.it


Filmografia

Paola Barbara ne Il bravo di Venezia di Carlo Campogalliani (1941)
Campo di maggio, regia di Giovacchino Forzano (1935)
Amazzoni bianche, regia di Gennaro Righelli (1936)
L'antenato, regia di Guido Brignone (1936)
Questi ragazzi, regia di Mario Mattoli (1937)
Per uomini soli, regia di Guido Brignone (1938)
Eravamo 7 sorelle, regia di Mario Mattoli (1938)
Orgoglio, regia di Marco Elter (1939)
L'albergo degli assenti, regia di Raffaello Matarazzo (1939)
Napoli che non muore, regia di Amleto Palermi (1939)
Follie del secolo, regia di Amleto Palermi (1939)
Lotte nell'ombra, regia di Domenico Gambino (1939)
La granduchessa si diverte, regia di Giacomo Gentilomo (1939)
Il ponte dei sospiri, regia di Mario Bonnard (1940)
La peccatrice, regia di Amleto Palermi (1940)
Turbine, regia di Camillo Mastrocinque (1941)
Confessione, regia di Flavio Calzavara (1941)
Il bravo di Venezia, regia di Carlo Campogalliani (1941)
Il re si diverte, regia di Mario Bonnard (1941)
Rossini, regia di Mario Bonnard (1942)
La danza del fuoco, regia di Giorgio Simonelli (1943)
Febbre, regia di Primo Zeglio (1943)
Quarta pagina, regia di Nicola Manzari (1943)
Accadde a Damasco, regia di Primo Zeglio (1943)
Noche fantastica, regia di Luis Marquina (1944)
Su ultima noche, regia di Carlos Arevalos (1945)
Leyenda de feria, regia di Juan De Orduna (1945)
L'ultimo amante, regia di Rafael Gil (1946)
Audencia publica, regia di Florian Rey (1946)
La nao capitana, regia di Florian Rey (1947)
Tres espejos, regia di Ladislao Vajda (1947)
La monaca di Monza, regia di Raffaello Pacini (1947)
I cavalieri della maschera nera, regia di Pino Mercanti (1947)
Campo bravo, regia di Pedro Lazaga (1948)
Torna a Napoli, regia di Domenico Gambino (1949)
Por el Gran Premio, regia di Pedro Caron (1949)
El sòtano, regia di Juan De Mayora (1949)
La figlia del mendicante, regia di Carlo Campogalliani (1950)
Eran trecento... (La spigolatrice di Sapri), regia di Gian Paolo Callegari (1952)
I figli non si vendono, regia di Mario Bonnard (1952)
Nerone e Messalina, regia di Primo Zeglio (1953)
La cavallina storna, regia di Giulio Morelli (1953)
La figlia del diavolo, regia di Primo Zeglio (1953)
Capitan Fantasma, regia di Primo Zeglio (1953)
Sua Altezza ha detto: no!, regia di Mario Basaglia (1954)
Il coraggio, regia di Domenico Paolella (1955)
Storia di una minorenne, regia di Mario Costa (1956)
I piaceri del sabato notte, regia di Daniele D'Anza (1960)
Le sette sfide, regia di Primo Zeglio (1961)
Cavalca e uccidi, regia di Josè Luis Moradel (1963)
Il segno del coyote, regia di Mario Caiano (1963)
Il delitto di Anna Sandoval, regia di Josè Antonio Nievev Condè (1963)
7-9-18 da Parigi un cadavere per Rocky (Des pissenlits par la racine), regia di Gerges Lautner (1964)
Ménage all'italiana, regia di Franco Indovina (1965)
I due violenti, regia di Primo Zeglio (1965)
I 4 inesorabili, regia di Primo Zeglio (1965)
Killer adios, regia di Primo Zeglio (1968)
La virtù sdraiata, regia di Sidney Lumet (1969)
Sledge, regia di Giogio Gentili (1970)
Tre per uccidere, regia di Ignacio Iquino (1970)
Irene Irene, regia di Peter Del Monte (1975)
Scherzi da prete, regia di Pier Francesco Pingitore (1978)