Peppino Spadaro (Giuseppe Spadaro)

Nome d'arte di Giuseppe Spadaro (Piedimonte Etneo, 6 agosto 1898 – Roma, 20 novembre 1950), è stato un attore italiano.

Biografia

Debutta come attore nel teatro di varietà, nell'avanspettacolo e nella prosa dialettale, per iniziare la sua carriera nel cinema diretto da Alessandro Blasetti nella pellicola 1860. Era fratello degli attori Umberto Spadaro, Grazia Spadaro, Italia Spadaro e Mariuccia Spadaro.

Lavora ininterrottamente nel cinema, come caratterista, sino alla morte avvenuta a Roma nel 1950.

Filmografia

1860, regia di Alessandro Blasetti (1933)
San Giovanni decollato, regia di Amleto Palermi (1940)
Gian Burrasca, regia di Sergio Tofano (1942)
La bisbetica domata, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1942)
Labbra serrate, regia di Mario Mattoli (1942)
Gelosia, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1942)
Fuga a due voci, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1943)
La vispa Teresa, regia di Mario Mattoli (1943)
Inviati speciali, regia di Romolo Marcellini (1943)
Lettere al sottotenente, regia di Goffredo Alessandrini (1943)
Enrico IV, regia di Giorgio Pastina (1943)
L'abito nero da sposa, regia di Luigi Zampa (1943)
Addio, amore!, regia di Gianni Franciolini (1944)
Il diavolo va in collegio, regia di Jean Boyer (1944)
Due lettere anonime, regia di Mario Camerini (1945)
Il ratto delle Sabine, regia di Mario Bonnard (1945)
Sciuscià, regia di Vittorio De Sica (1946)
L'atleta di cristallo, regia di Enzo Fiermonte (1946)
Il corriere di ferro, regia di Francesco Zavatta (1946)
Tombolo, paradiso nero, regia di Giorgio Ferroni (1947)
Arrivederci, papà!, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
Fiamme sul mare, regia di Michał Waszyński (1948)
Anni difficili, regia di Luigi Zampa (1948)
Un mese d'onestà, regia di Domenico Gambino (1948)
Undici uomini e un pallone, regia di Giorgio Simonelli (1948)
Una lettera all'alba, regia di Giorgio Bianchi (1948)
Ladri di biciclette, regia di Vittorio De Sica (1948)
in nome della legge, regia di Pietro Germi (1949)
Se fossi deputato, regia di Giorgio Simonelli (1949)
Signorinella, regia di Mario Mattoli (1949)
Donne senza nome, regia di Geza von Radvaniy (1949)
Cavalcata d'eroi, regia di Mario Costa (1949)
Margherita da Cortona, regia di Mario Bonnard (1949)
Vogliamoci bene!, regia di Paolo William Tamburella (1949)
Biancaneve e i sette ladri, regia di Giacomo Gentilomo (1949)
Faddija - La legge della vendetta, regia di Roberto Bianchi Montero (1949)
L'edera, regia di Augusto Genina (1950)
È più facile che un cammello..., regia di Luigi Zampa (1950)
L'inafferrabile 12, regia di Mario Mattoli (1950)
Taxi di notte, regia di Carmine Gallone (1950)
Terra senza tempo, regia di Silvestro Prestifilippo (1950)

Bibliografia

Gli attori Gremese editore Roma 2002
Cataloghi Bolaffi del cinema italiano 1945/1955
Francesco Savio, Ma l'amore no, Sonzogno Milano 1975