Daniele Palmesi, Federico Clemente Gen 2017

Il Gagà e la Signora

Lo sketch faceva parte del quadro inserito nella rivista "Quando meno te l'aspetti" di Michele Galdieri del 1940. La scena riproduce un periodo in cui i "gagà" e le "gagarelle" affollavano i caffè di Via Veneto, inaugurando uno strano gergo, cianciando di cose futilisime e lanciando, al tempo stesso un grottesco modo di vestire. Anna Magnani, Totò e Galdieri portarono così sulle scene la più feroce stroncatura di quel ridicolo mondo.


TESTO

(Dal centro esce la moglie seguita dal Gagà)

 

SIGNORA (nervosissima) Me l’hai fatta grossa, caro Fuffi!
GAGÀ Ma io non sapevo. Del resto mi hai sempre detto di amare me solo, perché sono giovane.....
SIGNORA E già! Il marito è marito, il giovane, se è giovane, è disperato ...il ricco, se è ricco, ha il lampione e la pancetta... ah... noi povere donne, non sappiamo proprio come risolvere il problema dell’amore.
GAGÀ Non vuoi perdonarmi?... Dimentichiamo questo brutto momento. Torniamo indietro... ricordi la sera del nostro primo incontro?...
SIGNORA Già, a Via Veneto, da Rosati...
GAGÀ ...No... Rosati è già passato di moda. Fu da Venchi, di domenica mattina... Ci trovammo al banco, ricordi? SIGNORA Già... Poi uscimmo e ce ne andammo per la strada mangiando la pizzetta... Tu cercavi un Tele...
GAGÀ Cosa?
SIGNORA Ma sì... tu cercavi un tele... fono. Ma non lo sai che oggi si parla a metà?
GAGÀ Ah già... e quando lo trovai...
SIGNORA ...Era occu...
GAGÀ Come?...
SIGNORA Occu... pato... ma non te l’ho detto che oggi si parla a metà... no?
GAGÀ Già... sono tanto distratto... poi uscimmo e tu cercavi la Bici... signorina No, cercavo Caterina...
GAGÀ Ah no... la Bici... eletta... me lo hai detto tu che oggi si parla a gassogeno... cioè a metà... no?
SIGNORA Ce ne andammo per la strada mangiando la pizzetta da una lira... GAGÀ Come ti donava quella pizzetta...
SIGNORA E che fame che avevi... Ti mangiavi anche le dita...
GAGÀ Sono così distratto... Mi chiamasti Don Giovanni...
SIGNORA Mi seguisti e mi dicesti...

( Canto)

GAGÀ Signorinella pallida...
SIGNORA Vi prego, giovanotto, son signora ...
GAGÀ È meglio. Troverò la strada libera per starti accanto almeno un quarto d’ora...
SIGNORA E sia... ma un nido tiepido vogliate offrire a questa capinera...
GAGÀ Ho qui la stanza con l’ingresso libero...
SIGNORA La garsonniere, ossia... « giovanottiera »! (Si apre il siparietto scoprendo una desolata camera mobiliata. Mobili sgangherati. Alla parete un quadro di Don Giovanni). Oh!... che schifezza...
GAGÀ Nel civettuolo nido dell’ebrezza voi sognerete tanto accanto a me...
SIGNORA Vorrei sognare... ma ogni tanto scrocchiano le molle del sommier... (cascano per terra)
GAGÀ Convegno riuscitissimo (si frega le mani contento)
SIGNORA Offrimi da bere qualche cosa...
GAGÀ Con gran piacere... Qui c’è il bar portatile (trascina un comodino da notte trasformato in bar). Gradite un bicchierài d’acqua acetosa?...
SIGNORA Avrei gradito un gocciolo di wisky o di liquori prelibati...
GAGÀ Ho un liquorino raro e costosissimo.
SIGNORA Ti giuro che è un autentico... Frascati! Porca miseria...
GAGÀ Gradite qualche cosa, o ninfa Egeria?... Gustate almeno due marron glacés!
SIGNORA A me le caldarroste non mi piacciono... Mangiale tutte te!
GAGÀ Quale avventura splendida...
SIGNORA Sognavo una gran casa profumata...
GAGÀ Di questi tempi, cara, è già un miracolo disporre di una stanza ammobiliata!...
SIGNORA Sognavo feste e musiche, regali, sbornie, gioia e smarrimento...
GAGÀ Lo so... Ma sognavate il tram elettrico...
SIGNORA Vatténne. Don Giovanni novecento... Più passan gli anni E più diventa racchio il dongiovanni... che generoso e gran signore fu. Mo’... questi qua... t’abboffano di chiacchiere... non c’esce niente più...

INSIEME (verso il quadro di Don Giovanni)
Ma tu? Dove sei tu?...