Anna Magnani e il gatto di Anzio

 

Primavera del 1960, iniziano le riprese del film di Mario Monicelli Risate di gioia. La scena della festa dove Totò e la Magnani cantano la famosa canzone Geppina Gepì fu girata al Casinò di Anzio. All’uscita, dopo le riprese, accadde un fatto. Sappiamo che Totò proteggeva i cani randagi, Anna era amante dei gatti. Fu così che ne vide uno che veniva maltrattato da alcuni ragazzini e immediatamente si precipitò urlando come uno dei personaggi dei suoi film, mentre nella vita parlava sempre da signora, aveva persino il birignao: “Brutti figli di mignotta, la volete piantà!”. Beh, uscirono fuori i genitori che volevano menarla. Totò, che aveva problemi alla vista, si sentì in dovere di spalleggiarla, e mancò poco ne nascesse una zuffa. Dovettero accorrere quelli della troupe, e alla fine la Magnani se ne andò tutta fiera con il povero gatto in braccio.