Cavaliere si, fesso no...

E' il 1942, l'"Orlando curioso" è in tournée a Milano e spesso la compagnia deve interrompere lo spettacolo per correre verso i rifugi a causa dei continui bombardamenti. Gli attori, con i costumi di scena, si precipitano fuori così abbigliati. A parte la tragicità del momento, Totò fila veloce vestito da paladino bardato di armatura e pennacchio. Clelia Matania glielo dice, nel timore che l'artista possa rendersi ridicolo:
- Principe, ma almeno il pennacchio ve lo potevate levare...
- E secondo voi i' songo accussì fesso da fini' acciso sott' 'e bombe pe' colpa 'e nu pennacchio? - risponde Totò scatenando l'ilarità di tutti quelli che insieme a lui hanno cercato riparo da quel finimondo...