CAPRICCIO ALL'ITALIANA

1967



Incasso lire 189.171.000 - Spettatori 581.474

Scheda del film

Titolo originale Capriccio all'italiana - ep. Il mostro della domenica - Che cosa sono le nuvole?
Paese Italia - Anno 1967 - Durata 81 min - Colore - Audio sonoro - Genere Commedia all'italiana - Regia Mauro Bolognini, Mario Monicelli, Pier Paolo Pasolini, Steno, Pino Zac, Franco Rossi - Soggetto Roberto Gianviti, Agenore Incrocci, Pier Paolo Pasolini, Furio Scarpelli, Steno, Bernardino Zapponi, Cesare Zavattini - Sceneggiatura Roberto Gianviti, Agenore Incrocci, Pier Paolo Pasolini, Furio Scarpelli, Steno, Bernardino Zapponi, Cesare Zavattini - Produttore Dino De Laurentiis - Fotografia Tonino Delli Colli - Montaggio Nino Baragli - Musiche Domenico Modugno, Ricky Gianco, Piero Piccioni, etc. - Scenografia Mario Garbuglia


Adriana Asti: Bianca (ep. Che cosa sono le nuvole?) - Laura Betti: Desdemona (ep. Che cosa sono le nuvole?) - Walter Chiari: Paolo (ep. La gelosa) - Ninetto Davoli: Otello (ep. Che cosa sono le nuvole?) - Carlo De Mejo: un ragazzo - Franco Franchi: Cassio (ep. Che cosa sono le nuvole?) - Ira Fürstenberg: Silvana (ep. La gelosa) - Ciccio Ingrassia: Roderigo (ep. Che cosa sono le nuvole?) - Francesco Leonetti: Burattinaio (ep. Che cosa sono le nuvole?) - Dante Maggio - Silvana Mangano: bambinaia (ep. La Bambinaia) / moglie dell'autista (ep. Perché) / la regina (ep. Viaggio di lavoro) - Domenico Modugno: spazzino (ep. Che cosa sono le nuvole?) - Totò: Jago (ep. Che cosa sono le nuvole?) / vecchio signore (ep. Il mostro della domenica) - Ugo D'Alessio:commissario (ep. Il mostro della domenica) - Renzo Marignano (accreditato come Enzo Marignani): L'automobilista (ep. Perché?) / Principe consorte (ep. Viaggio di lavoro) - Mario Cipriani e Carlo Pisacane:Burattini (ep. Che cosa sono le nuvole?)

Soggetto, Critica & Curiosità

1967-capriccio-allitalianaSoggetto 

La bambinaia
Regia di Mario Monicelli.
Una bambinaia (Silvana Mangano), non volendo che i suoi bambini leggano i fumetti di Satanik e Diabolik, racconta loro le fiabe classiche di Charles Perrault, ma ne provoca il pianto ed il terrore. 

Il mostro della domenica
Regia di Steno.

Un vecchio signore (Totò) che ha l'abitudine di recarsi due volte a settimana dal barbiere, odia la moda dei "capelloni" cioè quei ragazzi che portano i capelli lunghissimi, e riesce in tutti i modi e con tutti i travestimenti (prete, prostituta, zampognaro) di attirarli con l'inganno e di raparli a zero con forbici e macchinetta. I malcapitati, vergognandosi per la calvizie, si nascondono in un capannone. Alla fine il signore verrà scoperto e fermato dalla polizia, ma poi il commissario lo rilascerà in cambio di un favorino (taglio di capelli al figlio) che l'anziano gli farà volentieri.

Perché?

Regia di Mauro Bolognini.

Una donna (Silvana Mangano) ed un uomo sono a bordo di un'auto. Lei lo incita ad andare sempre più veloce e a tagliare la strada alle altre auto. Il tamponamento con un'altra auto sarà inevitabile, e alle rimostranze dell'altro conducente lei incita il fidanzato a colpirlo con una chiave inglese. L'episodio si chiude col primo piano del titolo di un quotidiano che riferisce dell'omicidio del guidatore indisciplinato: "La fidanzata si chiede: perché?" (evidente l'ironia sull'istigazione a usare la chiave inglese da parte della donna). 

Che cosa sono le nuvole?

Regia di Pier Paolo Pasolini.

La storia è una rivisitazione dell'Otello, recitato da un gruppo di marionette (Totò, Ninetto Davoli, Franco Franchi, Ciccio Ingrassia, Laura Betti, Adriana Asti), che sulla scena interpretano i ruoli shakesperiani alla lettera ma che dietro le quinte si pongono delle domande sul perché fanno ciò che fanno. La rappresentazione è interrotta dal pubblico che, nel momento più drammatico, l'omicidio di Desdemona (Laura Betti) da parte di Otello (Ninetto Davoli), irrompe sulla scena e, disapprovando i comportamenti di lui e di Jago (Totò), li fa a pezzi. Lo spazzino (Domenico Modugno) getta le due marionette in una discarica, dove i due fantocci rimangono incantati a guardare le nuvole. Il cortometraggio prende il titolo proprio da questa scena finale.

Viaggio di lavoro

Regia di Pino Zac e Franco Rossi

È un misto di Cartone animato ed attori in carne ed ossa: una regina (Silvana Mangano) si reca in visita in un paese africano ma sbaglia discorso, pronunciandone uno destinato ad un altro paese, e rischia di essere linciata. 

La gelosa

Regia di Mauro Bolognini

Silvana (Ira Fürstenberg) crede che il marito Paolo (Walter Chiari) la tradisca e per questo lo segue sempre.

Critica e curiosità

Questo episodio è l'ultima pellicola cinematografica in cui appare Totò ed è l'ultimo film girato dall'artista. Capriccio all'italiana uscì nel 1968 mentre le riprese dell'episodio pasoliniano furono effettuate tra il marzo e l'aprile dell'anno precedente. Totò, morto il 15 aprile 1967, non ebbe mai modo di vedere la pellicola.

"Ancora meno ideologia (e ancora più poesia) c'è nel secondo episodio, girato da Pasolini tra marzo e aprile del '6: Che cosa sono le nuvole?, inserito poi in Capriccio all'italiana con alcuni scarti di Le streghe. Pasolini, impegnato in Marocco per i sopralluoghi dell'Edipo Re, lascia l'Africa e gira in una settimana l'episodio con Totò. Forse anche la fretta della realizzazione contribuisce a rendere il breve film più conciso e suggestivo.
Una compagnia di burattini rappresenta l'Otello tra le quattro pareti di un teatrino popolare romano. [...]"
di Alberto Anile

" [..] Il meglio sta nell'ultima fatica dell'indimenticabile Totò , nei due capitoli che sembrano riassumere il suo incontro con il cinema : l'attore comico , che riscattava con la mimica e la battuta i gracili copioni ("Mo se ne viene lui tomo tomo, cacchio cacchio" , è l'ultima sua uscita) ; il personaggio umoristico-poetico , così pateticamente umano [..] " .
di Pietro Virgintino.



Estratti dalle serie televisive prodotte dalla RAI "Il Pianeta Totò", ideata e condotta da Giancarlo Governi, trasmessa in tre edizioni diverse - riviste e corrette - a partire dal 1988 e "Totò un altro pianeta" speciale in 15 puntate trasmesso nel 1993 su Rai Uno e curato da Giancarlo Governi.


Così la stampa dell'epoca

Le location del film, ieri e oggi

logodavi
Tutte le immagini e i testi presenti qui di seguito ci sono stati gentilmente concessi a titolo gratuito dal sito www.davinotti.com e sono presenti a questo indirizzo.
 1967 Capriccio 01 
EPISODIO "LA BAMBINAIA"
La villa della bambinaia, cioè la Mangano (e quindi set principale) è Villa Miani, di cui QUI TROVATE LO SPECIALE.  
1967 Capriccio 01  
  EPISODIO "IL MOSTRO DELLA DOMENICA" 
Totò ha in mente un piano per colpire gli odiati capelloni, e non tarderà a metterlo in pratica (grazie a Fedemelis per il fotogramma)...
 1967 Capriccio 03  1967 Capriccio 03
  Un adescamento da parte di Totò ai capelloni avviene alla multilocation de lo Stadio dei Marmi, a Roma, già presente in L'arte di arrangiarsi e in altri film. Prendiamo proprio dal film con Sordi (1954) un fotogramma per il confronto
 1967 Capriccio 03  1967 Capriccio 03
EPISODIO "IL MOSTRO DELLA DOMENICA"
Il luogo dove Totò, travestito da prete, adesca un capellone è Piazza del Colosseo a Roma
 1967 Capriccio 03  1967 Capriccio 03
 EPISODIO "IL MOSTRO DELLA DOMENICA" 
Il luogo dove Totò, vestito da prostituta, adesca un capellone è in Via Capoprati a Roma (l'adescamento multiplo da parte di Totò vestito da zampognaro ad un gruppo di capelloni avviene invece nell'ovvia Piazza di Spagna, che non mostriamo perché altamente riconoscibile)
 1967 Capriccio 03  1967 Capriccio 03
EPISODIO "IL MOSTRO DELLA DOMENICA"
La villa dove abita Totò è Villa Mangano e si trova in Via dei Metelli Agostino 43 a Roma. Grazie a Fedemelis per fotogrammi e descrizione. Nel film non viene mai mostrata direttamente poichè le inquadrature si limitano a riprendere il cancello d'ingresso dall'interno della villa, con vista su Via dei Metelli. Quando questo è spalancato si riconosce l'ingresso della villa confinante (A)  
 1967 Capriccio 03  1967 Capriccio 03
Quella che vedete qui sopra è l'unica, minimissima inquadratura diretta della villa, che riprende l'ingresso, quindi la villa è quella che vedete ancora più in basso

Le Locandine


LA VIDEOTECA