I DUE COLONNELLI

Inizio riprese: ottobre 1962 - Autorizzazione censura e distribuzione: 18 dicembre 1962 - Incasso lire 521.894.000 - Spettatori 2.592.618


Detti & contraddetti

Le orazioni: morti tua e tui patri e tuo nonno in carriolam meam, linoleum, linoleum. Ora pro nobis, autobus, autobus, S.O.S.


Nel materasso, a volte, ci sono pulci e affini.


Colonnello Di Maggio: Sfondate quella porta!
Soldato: Ma c'è sua suocera!
Colonnello Di Maggio: Sfondate quella suocera!
Maggiore Kruger: Io ho carta bianca!
Colonnello Di Maggio: E ci si pulisca il culo!


Maggiore Kruger: Bisogna controllare nostri mortai.
Colonnello Di Maggio: I mortai vostri?
Maggiore Kruger: Ja.
Colonnello Di Maggio: Avete capito Quaglia?
Sergente Quaglia: I mortai loro?
Maggiore Kruger: Mortai tedeschi.
Colonnello Di Maggio: E della vostra famiglia! Sì, dico... della famiglia tedesca...


Colonnello Antonio Di Maggio

Scheda del film

Titolo originale I due colonnelli
Paese Italia - Anno 1962 - Durata 96 min - B/N - Audio sonoro - Genere comico, drammatico - Regia Steno - Soggetto Giovanni Grimaldi, Bruno Corbucci - Sceneggiatura Giovanni Grimaldi, Bruno Corbucci - Produttore Gianni Buffardi - Fotografia Tino Santoni - Montaggio Giuliana Attenni - Musiche Gianni Ferrio - Scenografia Giorgio Giovannini


Totò: colonnello Antonio Di Maggio - Walter Pidgeon: colonnello Timothy Henderson - Nino Taranto: sergente Quaglia - Giorgio Bixio: soldato Giobatta Parodi - Toni Ucci: Mazzetta - Gino Buzzanca: barbiere greco - Nino Terzo: soldato La Padula - Roland von Bartrop: maggiore Kruger - Scilla Gabel: Iride - Adriana Facchetti: Penelope - Andrea Scotti: il marito di Iride - Giancarlo Maestri: il soldato Fantini - Gerard Herter: generale tedesco - John Francis Lane: sergente Mc Intire

Soggetto, Critica & Curiosità

1962-i-due-colonnelliSoggetto 

l film è ambientato a Montegreco, paese al confine tra la Grecia e l'Albania, teatro di numerosi scontri tra le truppe italiane e quelle britanniche. Nell'estate del 1943 le truppe anglosassoni, guidate dal colonnello Henderson, occupano per la trentesima volta il paese e lo governano secondo criteri democratici: inoltre lo stesso colonnello si accasa nell'abitazione di Iride, donna giovane e procace che diventa la sua amante. Nella stessa abitazione, in cui abita anche Penelope (l'anziana madre della ragazza), il comandante delle truppe inglesi stabilisce il suo quartier generale.
Il 23 luglio del 1943, Henderson, maldestramente consigliato dai suoi collaboratori, abbandona la città ed ordina una ritirata strategica perché ritiene preponderanti le forze italiane, quando esse attaccano per l'ennesima volta il paese: in realtà il battaglione degli italiani è una truppa sgangherata senza viveri e con pochissime munizioni a disposizione (150 pallottole in tutto rimaste, dirà il colonnello Di Maggio, durante il primo attacco italiano, che si ridurranno a poco più di 50 al momento del contrattacco degli inglesi, e ad una trentina circa, verso la fine del film), in cui il severissimo colonnello Antonio Di Maggio comanda tutti a bacchetta. Una volta entrato trionfalmente in città, Di Maggio instaura un regime dispotico e crudele, ma anch'egli si invaghisce di Iride, andando a risiedere da lei.
Il giorno seguente un soldato italiano cattura casualmente Henderson, che aveva tentato di entrare nella dimora di Iride per recuperare la sua amatissima pipa: Di Maggio lo tiene di conseguenza come suo prigioniero e tenta di trattarlo in maniera non consona al suo grado di ufficiale, violando apertamente la convenzione di Ginevra; il suo atteggiamento astioso comunque si mitigherà leggermente quando scoprirà che il sergente maggiore Quaglia, suo sottufficiale, che era stato loro prigioniero ed al ritorno aveva narrato di duri maltrattamenti, era stato invece trattato benissimo dagli inglesi, ed aveva addirittura rubato la loro riserva alcolica, fuggendo ubriaco.
Il 25 luglio al comando italiano arriva via radio lo sconvolgente annuncio: il duce si è dimesso ed il re Vittorio Emanuele III ha affidato il governo al maresciallo Pietro Badoglio, che ha dato ordine di proseguire il conflitto a fianco dell'alleato germanico. Poco dopo, a seguito di leggeri scontri a fuoco, gli inglesi riconquistano Montegreco e stavolta è Di Maggio ad essere ostaggio di Henderson.
I due, divenuti a loro modo amici, scoprono che Iride è sposata, che nasconde il marito in un rifugio ricavato nel pavimento, e che in realtà non si era mai concessa sessualmente a loro: approfittando dell'oscurità era sempre stata la madre ad entrare nel letto dei due militari. Offesi, essi si recano nel nuovo quartier generale britannico in cui si ubriacano insieme; tra l'altro Henderson salva la vita al collega, vietando alla popolazione locale di linciare pubblicamente il colonnello Di Maggio: impossibilitato a trattenere i paesani, l'ufficiale inglese favorisce la fuga dell'ufficiale italiano, consegnandogli i suoi abiti e addirittura la pipa.
Travestito da ufficiale inglese, Di Maggio torna tra le sue fila (rischiando, tra l'altro, di venire quasi ucciso dai suoi soldati, che, visto il suo abbigliamento, lo scambiano per il comandante nemico). Venuto a conoscenza delle difficoltà militari italiane a contrastare il battaglione inglese, l'esercito tedesco, che ancora è formalmente schierato al fianco degli italiani, invia il maggiore Kruger, insieme con una fornitura di potenti e moderni mortai da guerra (i mortai loro, come li chiama Totò). L'ufficiale tedesco, tuttavia, tratta tutti gli italiani, ed in particolare il colonnello, con cattiveria e sufficienza. Di Maggio, inizialmente affascinato dall'efficienza germanica, benché conscio del cinismo del sistema nazista, in seguito, si ribella apertamente all'ordine dell'alleato di bombardare il paese per stanare gli inglesi (ciò avrebbe comportato la morte dei civili, soprattutto donne e bambini) e viene condannato a morte per insubordinazione da una corte marziale tedesca, giunta in paese con una piccola e ben armata pattuglia.
Di Maggio viene condotto sul luogo dell'esecuzione, e per sfregio l'ufficiale tedesco responsabile ordina agli stessi soldati italiani di sparargli. Di Maggio, per onor d'uniforme, chiede di poter comandare lui stesso il plotone d'esecuzione, ma i soldati si rifiutano di sparare e gettano i fucili. Tutti i soldati italiani, compreso Quaglia, vengono allora allineati a fianco al loro colonnello per esser anche loro fucilati, ma quel giorno è l'8 settembre, il giorno in cui fu dato l'annuncio dell'armistizio di Cassibile, ed un attimo prima che i tedeschi sparino arrivano gli inglesi, armi in pugno, a salvarli. Dato l'armistizio, Italia e Gran Bretagna sono ora forze alleate e quindi i due colonnelli Di Maggio ed Henderson possono continuare la guerra insieme, finalmente da alleati.

Critica e curiosità

Una pellicola di genere comica che è stata diretta da uno dei maestri della regia, ovvero Steno, il soggetto e la sceneggiatura sono stati estesi da Giovanni Grimaldi e Bruno Corbucci mentre la produzione è stata firmata da Gianni Buffardi. Il montaggio della pellicola è stato realizzato da Giuliana Attenni con le musiche di Gianni Ferrio e con la scenografia ideata e prodotta da Giorgio Giovannini. La pellicola è stata realizzata in Italia nel 1963 e vede una durata pari a 96 minuti. Nel film ci sono alcune incongruenze storiche, la più eclatante, comune anche ad altri film, è che quando viene annunciato l'armistizio, le fazioni in campo cambiano subito e quindi gli italiani e gli inglesi si scoprono alleati contro i tedeschi. In realtà le cose non andarono affatto in questo modo, ci fu a lungo molta confusione e le notizie che giungevano erano poche e frammentarie. Per la maggior parte del film si vede che Totò indossa l'elmetto al contrario, infatti il foro di areazione è sul davanti e non dove dovrebbe stare cioè dietro. L'azione è ambientata in un paesino del Montenegro tra Albania e Grecia. In realtà il film, che aveva un budget piuttosto ridotto come era comune a quei tempi, fu girato in una cittadina del viterbese, Civita di Bagnoregio. Questo significa che l'architettura delle case e della chiesa è completamente differente rispetto a quella che avrebbe dovuto essere in realtà. Inoltre i cartelli sono stati scritti con caratteri greci, ma in realtà si sarebbe dovuto trattare di cirillico. Il colonnello Kruger fa parte della Wehrmacht e ciò vuol dire che avrebbe dovuto fare il saluto militare tradizionale, alla visiera, invece saluta con il braccio teso dicendo Heil Hitler come se facesse parte delle SS.

Il titolo fa riferimento al film dell'anno precedente, I due marescialli, di cui il celebre attore napoletano Totò era stato protagonista. Questo film fu uno dei primi in assoluto ad avere contenuti forti (come la parolaccia a proposito dei "mortai" tedeschi e della carta bianca nonché il gesto dell'ombrello che Totò esegue di fronte a Pidgeon nel loro primo incontro). Come Totò avrebbe dichiarato in seguito, si trattava della sua prima ed unica volta in cui aveva fatto uso esplicito del turpiloquio.
Nella scena dell' interrogatorio, da parte del colonnello inglese verso il colonnello italiano suo prigioniero, il colonnello Di Maggio dichiara le sue generalità militari dichiarando di far parte del 27º reggimento fanteria. Il 27º reggimento fanteria è esistito realmente durante la seconda guerra mondiale non operando in Grecia, bensì operando nel contesto bellico africano più precisamente in Libia insieme al 26° e al 28° della divisione"Pavia"che fu disciolta nel novembre del 1942 per motivi bellici.
Walter Pidgeon reduce dai festeggiamenti hollywoodiani per l'uscita del suo ultimo film che ne chiudeva la carriera cinematografia fu convinto a girare quest'ultimo film in Italia con Totò, che aveva sempre desiderato girare un film con l'attore americano. Nella scena in cui Totò, rivolgendosi all'ufficiale nazista gli urlò: "E ci si pulisca il culo!", Steno raccontò che dovette faticare non poco per convincere Totò a dire quella battuta, poiché il Principe pubblicamente non amava il turpiloquio.

Il fattore risata è, come in altri film di Totò, una cornice per poter descrivere dell’altro più nascosto e di grande valore morale. Qui, specialmente, tutto ciò che sembra sommerso in battute di poco conto che scaturiscono un riso sincero senza preoccuparsi del resto, emerge mano a mano che la trama continua e si concretizza in movenze e piccolissime riflessioni che possono celare tutto il riassunto di un periodo governato dalla dura mano del totalitarismo europeo, di una guerra difficile e impensabile, già persa in partenza, dell’abominio scaturito dalla mancanza di una visione più ampia, della follia umana e di tutte quelle che hanno preceduto e si sono susseguite prima di arrivare a scherzarci sopra. Perché sebbene altri maestri italiani e non abbiano mostrato il lato ironico e cinico della guerra, “I due colonnelli” è una mescola di tutti quei malcontenti nati e delle vittime di quell’epoca, trasposte e riportate in un’unica risata generale, come solo un film italiano può, in questi casi, fare, spingendosi ben oltre. Più di una volta battute a sfondo antifascista, o di un malcontento più generale, viene scandito dalla presenza di vari personaggi che ruotano attorno ad una figura più grande che riassume: Il sergente maggiore Quaglia (Nino Taranto) è il fido, per così dire, compagno del colonnello Di Maggio che sa come la situazione sia tanto dura quanto impossibile da portare avanti. Tra scattanti dialoghi e giochi di parole cerca di distogliere il suo maggiore da questa pazzia e lo frega a volte, pur di salvarsi la pelle; alla fine la sua fedeltà e amicizia si farà più forte tanto da non abbandonarlo: “Quaglia sciocco. Sciocco Quaglia”. Il colonnello Handerson (Walter Pidgeon) è il classico ufficiale inglese che non attacca prima di aver preso il tè. Molto più attaccato alle regole del suo nemico italiano ma che in alcuni casi gli si avvicina per carattere e modi di fare (anche lui gode della compagnia della bella Iride, costretta ad accontentare sia l’inglese sia l’italiano). La pipa è la sua compagnia più fedele, che getta nel momento in cui riesce a salvare Di Maggio dalla fucilazione. Iride è la donna contesa dai due colonnelli, la quale non perde la sua fedeltà verso il marito nascosto e lascia che sia la madre Penelope a soddisfare, senza essere riconosciuta, i due ufficiali. La truppa italiana è la classica accozzaglia di gente dal dialetto e dai costumi diversi; ognuno di essi ha un suo particolare modo di affrontare la guerra e le situazioni più scomode. Tutti uniti, però, dalla nobile arte puramente italiana di semplificare e riassumere con cinismo e amara allegria la vicenda. Inutile dirlo, il colonnello Antonio Di Maggio (Totò), li prende tutti e si fa volto di un’Italia che sebbene le diverse epoche e problemi, è sempre in piedi, malinconica e allegra, a pezzi ma sempre scherzosa, come se il peggio non fosse mai arrivato definitivamente, ma solo sforato.

Così, con i mezzi del cinema e della fantasia, i calanchi viterbesi diventano montagne balcaniche e le case di Civita veri e propri edifici di quella parte d’occidente. Steno, forse a sua insaputa, ma sicuramente cosciente, sa di fare cinema di serie B, come si è soliti chiamarlo, ma allo stesso tempo una critica sempre verde è cosparsa nella sua opera che molti non ritengono all’altezza ma che probabilmente è possibile catalogare come uno dei film di guerra italiani più belli con il principe De Curtis come colonna portante. È sicuramente la semplice realizzazione che rende l’insieme risibile e amabile.

Così la stampa dell'epoca

«Totò è sempre Totò: un modo di dire piuttosto convenzionale ma esatto. I produttori si ricordano di lui soltanto per tenere in piedi ignobili intrugli con intenzioni comiche: ma è raro che, nonostante queste, Totò non si permette in ogni filmetto almeno una scena degna delle sue doti di grande attore. [..] Non è certamente uno dei migliori film di Totò, ma i duetti tra il comico napoletano e il suo antagonista [...] son alquanto gustosi [...]».

Valentino Di Carlo


«[...] Su questa trama fluida e vaga come un canovaccio di commedia dell'arte, Totò ricama con esuberante genialità e con grande efficacia espressiva, una delle sue più riuscite interpretazioni, riuscendo a conferire al tempo stesso al personaggio note umane che gli danno dimensioni più vaste e autentico calore vitale [..]».

"vice", Il Messaggero di Roma


«Gli incassi dei Due Marescialli sono buoni. Non quanto quelli di Totòtruffa '62, che avevano trascinato al cinema quasi tre milioni di persone, ma abbastanza per decidere di ritentare l'esperimento. I due colonnelli, il secondo film in cui Totò reinterpreta a modo suo il filone antifascista, viene girato un anno dopo, nel novembre del '62. Al suo fianco, al posto di De Sica, c'è il canadese Walter Pidgeon. L'artefice, anche stavolta, è Gianni Buffardi, produttore del film con Lombardo della Titanus, ma l'idea dell'inedita coppia è di de Curtis.».

Alberto Anile


I documenti


Cosa ne pensa il pubblico...


logodavi

I commenti degli utenti, dal sito www.davinotti.com

Simpatica commedia di ambientazione bellica è stata oltremodo sopravvalutata da pubblico e critica (anche per via della famosa scena della ribellione al militare inglese). In realtà benchè abbia dei momenti godibili, grazie alla presenza di un ottimo cast (accanto a Totò spiccano Nino Taranto e Walter Pidgeon) il film è piuttosto ripetitivo e dotato di sceneggiatura non memorabile.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)


Sull'onda dei Due nemici e ricordando I due marescialli, ancora un film bellico che mette a confronto l'ufficiale italiano e quello inglese, in questo caso nemici attorno a un paesino greco. Tra numerosi momenti comici e alcuni spunti drammatici nella parte conclusiva (là dove deve risaltare il rigore morale del vero italiano), Totò si destreggia molto bene, dando vita a un colonnello tanto arrogante quanto buonuomo, arrivando perfino a dire l'unica sua parolaccia sullo schermo. Nel complesso il film si vede con gusto, pur nella modestia della realizzazione.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)


Attraverso la riproposizione dei soliti stereotipi delle nazionalità (italiani pasticcioni, tedeschi marziali e ottusi, inglesi compiti e corretti), Steno biasima la guerra in una frizzante commedia che a tratti (il riferimento alle purghe e alle rasature e il plotone di esecuzione nel sottofinale) assume toni drammatici. Come sempre accade nei film di cui è protagonista, Totò basta da solo a catturare il pubblico e a suscitarne le risate, ma qui il suo compito è facilitato dalle spalle Walter Pidgeon e Nino Taranto, che insieme a lui danno vita ad irresistibili siparietti.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il faccia faccia Totò-Pidgeon e il loro brindisi; i due colonnelli che scoprono di essere "becchi"; la celebere risposta di Totò al maggiore nazista.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)


Assurto a classico tra i film di Totò per la famosissima scena di ribellione da parte di Totò all'arrogante ufficiale nazista. Ben diretta da Steno e interpretata ottimamente non solo dall'indimenticabile attore partenopeo ma anche da Nino Taranto e da Walter Pidgeon, è costellata da battute pungenti e da un paio di momenti almeno memorabili.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Badate Colonnello. Io ho carta bianca!" "E ci si pulisca il culo va bene!".
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)


Grandissimo film di Totò, questa volta in coppia coll'ottimo Pidgeon in una parodia dei Due nemici. Nemmeno tanto parodia poi, dato che la seconda parte segna una incredibile svolta verso toni più seri e antinazisti. Insomma un film completo, dove finalmente Totò può dimostrare di saper cambiare registro, dal comico al drammatico. Peccato per qualche caduta di stile e qualche battuta inutilmente scurrile.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ovviamente: "E ci si pulisca il culo!".
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)


Nelle commedie italiane dove c'è l'esercito a confronto con eserciti di altre Nazioni (Seconda Guerra Mondiale) si tende spesso a esagerare i nostri difetti e a esaltare le virtù degli altri. È così anche in questo film dove Totò, colonnello italiano, è messo a confronto con un compassato Pidgeon, suo collega inglese. Almeno nella prima parte, poi, quando arrivano i tedeschi (siamo vicini all'otto settembre), arriva anche l'eroismo e i soldati italiani si rivalutano e mostrano la loro vera anima. Totò offre una performance sopra le righe da par suo.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)


Una parodia militare fino ad un certo punto, che trova il principe della risata in grande spolvero. La narrazione non è eccelsa ma alcune situazioni sono di buon livello e nella seconda parte il tono diventa lievemente più serioso. Leggendaria risposta di Totò al maggiore tedesco.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)


Parte come una commedia bellica per assumere dei toni più seri nella seconda parte. Non è una delle migliori di Totò, ma il comico partenopeo mostra di lavorare bene in coppia con Pidgeon, inoltre è presente un bravo Nino Taranto. La scena della ribellione al comandante nazista è memorabile e da quel punto il film assume un'inaspettata serietà che rende il finale avvincente. Sebbene non sia costante, la pellicola è più che discreta.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Io ho carta bianca" "E ci si pulisca il culo!"; "Per me basta una pallottola, per loro due, perché sono cretini!".
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)


Totò, colonnello italiano severo e inflessibile, alle prese con l'esercito di sua maestà britannica per la conquista di un paesino greco che puntualmente cambia sponda tra le due fazioni, finchè non arrivano i tedeschi... Grande Totò, capace di mettere da parte le idee di grandezza (bellica) pur di rimanere "soldato ma non assassino". Ottima la spalla Taranto come pure Pidgeon, l'antagonista colonnello inglese. Ottime le musiche, che richiamano proprio quei tempi bui. Merita la visione: ***
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Totò che, con la dignità, l'orgoglio e la consapevolezza di appartenere a qualcosa di diverso (dal nazismo), rivendica la sua scelta.....
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)


Amabile commedia sulla guerra diretta abilmente da Steno. Bene Totò che riesce a interagire ottimamente con Nino Taranto e buono Pidgeon (quantunque un po' spaesato). Alcune gag banali, ma sicuramente la pellicola risulta piacevole. Rimane storica la risposta di Totò all'ufficiale nazista.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)


Simpatica commedia di Steno che prende spunto da un episodio bellico minore in Grecia per imbastire una storia dai toni antimilitaristi affiancando a un Totò molto in forma il talento hollywoodiano di Pidgeon per dare respiro internazionale e nuovi mercati alla comicità del Principe. L'intesa fra i protagonisti funziona, mentre Nino Taranto si conferma una delle spalle ideali di Totò. I tre da soli tengono in piedi il film, dando luogo a gustosissimi siparietti mentre la trama si trascina piuttosto ripetitiva. Vale in ogni caso una visione.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La carta bianca...
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)


Uno Steno d'annata con un Totò al meglio della forma. Il regista sceglie con cura una cifra stilistica tra la farsa e la satira bonaria ma fa attenzione a non uscire dal perimetro realistico di fondo tenendo conto dell’argomento molto delicato del film. Totò, dal canto suo, tiene la cifra del suo personaggio su un registro caricaturale molto accentuato con una gestualità veramente marionettistica che fa sembrare il suo colonnello quasi irreale se non addirittura fatuo ed inattendibile. Una micidiale critica dall'interno del militarismo dell'epoca.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena del riscatto umano e morale del Colonnello Totò di fronte all'ottusa arroganza dell'ufficiale nazista: nessuna parolaccia fu più calzante.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)


Non particolarmente riuscito. Al finale "nobile" ed eroico ci si arriva con una sceneggiatura eccessivamente farsesca, con un Totò eccessivamente esagitato (in relazione al ruolo che deve interpretare) a cui si contrappone un Pidgeon pacato e incolore. A tratti ci si annoia. Esempio di film che alla lunga si ricorda solo per una battuta, ovvero quella della "carta bianca"...
I gusti di Roger (Comico - Commedia - Drammatico)


Estratti dalle serie televisive prodotte dalla RAI "Il Pianeta Totò", ideata e condotta da Giancarlo Governi, trasmessa in tre edizioni diverse - riviste e corrette - a partire dal 1988 e "Totò un altro pianeta" speciale in 15 puntate trasmesso nel 1993 su Rai Uno e curato da Giancarlo Governi.


Foto di scena e immagini dal set


Foto Archivio Istituto luce


Le incongruenze

    1. In una delle ultime scene si vedono i mortai schierati e pronti a fare fuoco... ma non sono montati troppo vicini fra di loro?
    2. Così come accaduto in altri film (ad es. in "I due marescialli"), la situazione a ridosso dell'8 settembre 1943 viene vista in maniera fortemente "riassuntiva" e "ricorretta"): i tedeschi che diventato subito i nuovi nemici, gli italiani che passano subito dalla parte del giusto, i nemici di ieri pronti ad accoglierci a braccia aperte... Nella realtà il Paese (e tutti gli scenari di guerra che ci vedevano protagonisti) attraversò momenti di caos e di panico, la situazione non fu chiara per tutti, e i vecchi nemici pensarono bene di non venirci subito ad abbracciare come fratelli...
    3. Totò indossa in varie scene l'elmetto al contrario, con il foro d'areazione in fronte anzichè dietro la testa
    4. Sull'insegna della Taverna Helios (Sole in greco) c'è un evidente errore di ortografia
    5. Durante la bicchierata fra i due colonnelli, Pidgeon confida a Totò che la sua ex fidanzata aveva sposato un ecclesiastico anglicano. Totò cade dalle nuvole, facendo capire addirittura in maniera esplicita di non sapere che esistono le confessioni cristiane riformate. Tutto ciò è impossibile in un colonnello (che come livello di ammissione all'Accademia deve avere almeno il diploma...).
    6. Fra la prima e la seconda parte del film, i galloni con i gradi da colonnello sulle maniche dell'uniforme di Totò cambiano dimensioni: nel primo tempo sono molto grandi e appariscenti, nel secondo invece sono "in miniatura"
    7. L'ambientazione del film è nel fittizio paesino di Montegreco (?) situato, come detto in apertura, in Macedonia. Ma se tanto mi dà tanto in Macedonia (repubblica ex jugoslava, dove sono stato due volte per lavoro...) si usano i caratteri cirillici. Invece le scritte dei cartelli sono in greco...
    8. Nei Balcani, dove è ambientato il film, le chiese ortodosse hanno campanili dall'architettura completamente diversa dalla tipologia di quelle cattoliche, come invece si vede in due - tre inquadrature. Appare fin troppo evidente che gli esterni del film sono stati girati in qualche paesino montano del centro-sud...
    9. Inizio secondo tempo. Quando Totò dice a Nino Taranto di mettere "fuori cuffia" l'ascolto dell'annuncio che stanno facendo alla radio, questa si sente già un attimo prima che Nino Taranto tocchi qualcosa alla radio stessa
    10. Il maggiore Kruger (quello della "carta bianca") indossa l'uniforme della Wehrmacht. Però quando si presenta al Col. Di Maggio (Totò), anzichè salutare alla visiera, come previsto per gli ufficiali della Wehrmacht, effettua il saluto a braccio teso pronunciando "Heil Hitler" (come fosse un appartenente alle SS)
    11. In diverse scene Totò indossa l'elmetto italiano m33 al contrario con il foro d'aereazione frontalmente anzichè posteriormente
    12. Quando il colonello di Maggio e i suoi uomini sono davanti al plotone di esecuzione è (come detto nella scena precedente) l'alba. poi arrivano gli inglesi a fermare i tedeschi e il colonnello Henderson dice che Badoglio ha annunciato alla radio che l'Italia ha firmato il famoso armistizio. Ma come faceva a saperlo? Badoglio lo ha annunciato solo verso le sette di sera!
    13. Siamo alla fine del film, il Colonnello Antonio Di Maggio (Totò) ed i suoi uomini sono appena stati salvati dalla fucilazione dal Colonnello inglese Timothy Henderson (Walter Pidgeon). Sul terreno dovrebbero esserci 12 fucili del plotone d’esecuzione italiano e 10 mitra di quello tedesco appena catturato. Viene ordinato agli italiani di riprendere le armi ma una volta fatto oltre ai 10 mitra tedeschi restano sul terreno 3 fucili italiani
    14. Il Colonnello Henderson torna nella notte a Montegreco per recuperare la sua pipa, si arrampica sulla finestra di Iride ed alle sue spalle si vede molto vicino un muro come se si trovasse all’interno di un vicolo. Quando il soldato La Padula chiamerà il Colonnello Di Maggio la finestra sembrerà invece essere rivolta verso uno spiazzo

www.bloopers.it

Le location del film, ieri e oggi

logodavi
Tutte le immagini e i testi presenti qui di seguito ci sono stati gentilmente concessi a titolo gratuito dal sito www.davinotti.com e sono presenti a questo indirizzo.
   
1962-I due colonnelli 1   
   
  Il paesino greco di Montegreco, conquistato a “turno” dalle truppe britanniche del colonnello Timothy Henderson (Pidgeon) e da quelle italiane comandante dal colonnello Antonio Di Maggio (Totò), è in realtà, come segnalato su wikipedia, Civita di Bagnoregio (Viterbo): 42.627731,12.113477
   

Le Locandine


Riferimenti e bibliografie:

"Totalmente Totò, vita e opere di un comico assoluto" (Alberto Anile), Cineteca di Bologna, 2017
"Totò" (Orio Caldiron) - Gremese , 1983