TOTÓ DI NOTTE N.1

1962



Incasso lire 456.407.000 - Spettatori 2.267.298

Detti & contraddetti

La prassi chi è? Sua Moglie?

Sei una bella donna, sei una ninfa, sei ninfatica!

Ma tu mi vuoi male, mi vuoi far morire. Tu mi vuoi far venire un infarto maligno.

Io ho l'occhio policlinico! Nulla mi sfugge.

Ninì

Scheda del film

Titolo originale Totò di notte n. 1
Lingua originale Italiano - Paese Italia - Anno 1962 - Durata 100 min - Colore - Audio sonoro - Genere Comico - Regia Mario Amendola - Soggetto Giovanni Grimaldi, Bruno Corbucci, Castellano & Pipolo - Sceneggiatura Giovanni Grimaldi, Bruno Corbucci - Produttore Mario Mariani - Casa di produzione Cinex - Distribuzione (Italia) Incei Film - Fotografia Bitto Albertini - Montaggio Jolanda Benvenuti - Musiche Armando Trovajoli - Scenografia Giorgio Giovannini - Costumi Marcella De Marchis


Totò: Ninì Cantachiaro, il professore - Erminio Macario: Mimì Makò, assistente di Cantachiaro - Gianni Agus: l'impresario di Parigi - Nando Bruno: il padrone della trattoria - Lando Buzzanca: il signore sull'aereo - Mario Castellani: Felipe - Giulio Marchetti: Manuel - Alfredo Rizzo: L'uomo che presta la penna - Carlo Rizzo: il turista fotografo - Linda Sini: la hostess - Nino Terzo: il siciliano a Hong Kong - Margaret Rose Keil: la ragazza sul risciò - Mac Ronay: se stesso - Mao Tahi: se stesso - Helmut Zacharias: se stesso - Dori Dorika - Caroline Cherie - Madame Arthur - Dodò D'Ambourg - Blue Bells - Don Lurio - Pascaline

Soggetto, Critica & Curiosità

1962-toto-di-notte-n-1Soggetto

 Ninì (Totò) e Mimì (Macario) sono due suonatori ambulanti che si esibiscono senza alcun successo nelle strade di città. Quando il compagno d'arte ottiene una cospicua eredità, Ninì lo convince ad investirla tutta per girare i più importanti nightclub del mondo per potersi a loro volta fare un nome nell'ambiente degli artisti. In realtà i due finiranno solo con lo sperperare tutto il denaro per assistere a spettacoli osée nei vari locali notturni. 

Critica e curiosità

Basato su una trama assai semplice, costituisce uno dei primi tentativi di quella che sarebbe divenuta nei successivi anni settanta la commedia erotica all'italiana. Nonostante la presenza dei due grandi comici e di un cast di tutto rispetto, risulta illuminato solo da qualche gag o sketch. Non ebbe all'epoca della distribuzione una buona critica tanto da essere annoverato fra i film meno riusciti di Totò.
Dagli scarti di pellicola girata per questo film è stato successivamente tratto un altro film di genere, Totò sexy.

Negli anni 1962/63 apparvero una dozzina di film con la dicitura "sexy" quali "Europa di notte", "Mondo di notte n.1,2 e 3", Universo di notte", questo film di Totò e"Totosexy" vorrebbero parodiare proprio questo genere cinematografico. 

Scriveva Giovanni Grazzini:
"La cosa più allarmante, in Totò n.1 è il titolo, che lascia prevedere una lunga serie di film come questo. [..] Nonostante tutto, quando due comici sono in scena il tempo passa: Totò ha sempre una tale carica di comicità e Macario è così tonto, che i loro numeri accendono talvolta una fiammelle di ilarità". 

E Alberto Sala:
"[..] Il film è salvato dall'interpretazione dei due contabbassisti ( che non conoscono la nona di Beethoven, ma la zia ): l'esibizione davanti all'impreario parigino: Totò che balla il twist, sono due sequenze dalla risata sicura [..]". 

Alberto Anile
"Dopo l’esperimento de Lo smemorato di Collegno, Totò viene accoppiato a Macario anche in Totò di notte n. 1 e Totosexy, girati da Mario Amendola e prodotti da Mario Mariani, il gradino più basso mai toccato da Totò in campo cinematografico. Totò di notte n. 1 vorrebbe rifare il verso a Europa di notte e al filone che ha provocato (Mondo di notte n. 1, 2 e 3, Tropico di notte, Universo di notte), il réportage documentario sulla vita notturna delle metropoli europee, immediatamente degenerato verso il sexy."


Così la stampa dell'epoca


Toto Mariani Trovaioli Lee

Con Totò nella foto Mario Mariani (produttore del film), il maestro Armando Trovajoli (autore della colonna sonora) e Margaret Lee, interprete.

Immagini dal set

FOTO DI SCENA E IMMAGINI DAL SET

Le Locandine


LA VIDEOTECA