Jean-Claude Pascal (Jean-Claude Villeminot)

Pseudonimo di Jean-Claude Villeminot (Parigi, 24 ottobre 1927 – Parigi, 5 maggio 1992), è stato un cantante, attore e stilista francese.

Biografia

Figlio di un industriale e nipote di un grande sarto, Pascal ottenne una medaglia al valore combattendo nella 2ª Divisione corazzata francese contro i tedeschi durante la seconda guerra mondiale[1].

Dopo la guerra, Pascal studiò alla Sorbona e il suo talento di disegnatore gli consentì di diventare uno stilista per Christian Dior[1]. Entrò nel mondo dello spettacolo con la confezione dei costumi per la piece teatrale Don Juan, e apparve in una famosa edizione de la signora delle camelie portata in scena nel 1949 dall'attrice Edwige Feuillère[1]. L'interesse per la recitazione e l'amicizia con l'attore Michel Auclair portarono Pascal a debuttare come attore cinematografico[1] in Quattro rose rosse (1951). Elegante e dotato di grande charme[1], Pascal non tardò ad affermarsi, proseguendo la carriera con altri film come Sissi la favorita dello zar (1959), con Romy Schneider, e Angelica e il gran sultano (1968), con Michèle Mercier.

Parallelamente alla carriera di attore, all'inizio degli anni sessanta, Pascal entrò anche mondo della canzone come compositore e cantante di successo[1], vincendo nel 1961 l'Eurovision Song Contest 1961 per il Lussemburgo cantando Nous les amoureux. Tornò all'Eurofestival nel 1981 con C'est peut-être pas l'Amérique.


Galleria fotografica



Filmografia

Quattro rose rosse, regia di Nunzio Malasomma (1951)
Anni perduti (Ils étaient cinq), regia di Jacques Pinoteau (1951)
La grande rivale (Un Grand Patron), regia di Yves Ciampi (1951)
La Forêt de l'adieu, regia di Ralph Habib (1952)
La strega del Rodano (Le Jugement de Dieu), regia di Raymond Bernard (1952)
Le plus heureux des hommes, regia di Yves Ciampi (1952)
La tenda scarlatta (Le Rideau cramoisi), regia di Alexandre Astruc (1953)
Un capriccio di Caroline chérie (Un caprice de Caroline chérie), regia di Jean-Devaivre (1953)
I figli dell'amore (Les Enfants de l'amour), regia di Léonide Moguy (1953)
Allarme a Sud (Alerte au sud), regia di Jean-Devaivre (1953)
Le Chevalier de la nuit, regia di Robert Darène (1953)
Rabbia in corpo (La Rage au corps), regia di Ralph Habib (1954)
Versailles (Si Versailles m'était conté), regia di Sacha Guitry (1954)
Il grande gioco (Le Grand jeu), regia di Robert Siodmak (1954)
I tre ladri, regia di Lionello De Felice (1955)
Il figlio di Caroline chérie (Le Fils de Caroline chérie), regia di Jean-Devaivre (1955)
Napoleone Bonaparte (Napoléon), regia di Sacha Guitry (1955) (non accreditato)
Les Mauvaises rencontres, regia di Alexandre Astruc (1955)
La primula azzurra dei bassifondi di Parigi (Milord l'Arsouille), regia di André Haguet (1955)
Le Salaire du péché, regia di Denys de La Patellière (1956)
La castellana del Libano (La Châtelaine du Liban), regia di Richard Pottier (1956)
Le lavandaie del Portogallo (Les Lavandières du Portugal), regia di Pierre Gaspard-Huit e Ramón Torrano (1957)
La casa sul fiume (Guinguette), regia di Jean Delannoy (1959)
Pêcheur d'Islande, regia di Pierre Schoendoerffer (1959)
La grana (Le Fric), regia di Maurice Cloche (1959)
Sissi la favorita dello zar (Die schöne Lügnerin), regia di Axel von Ambesser (1959)
Les Arrivistes, regia di Louis Daquin (1960)
Préméditation, regia di André Berthomieu (1960)
La encrucijada, regia di Alfonso Balcázar (1960)
L'appuntamento (Le Rendez-vous), regia di Jean Delannoy (1961)
Il paladino della corte di Francia (La Salamandre d'or), regia di Maurice Régamey (1962)
Le faux pas, regia di Antoine d'Ormesson (1965)
Il papavero è anche un fiore (Poppies Are Also Flowers), regia di Terence Young (1966) (non accreditato)
Las 4 bodas de Marisol, regia di Luis Lucia (1967)
L'indomabile Angelica (Indomptable Angélique), regia di Bernard Borderie (1967) (non accreditato)
Angelica e il gran sultano (Angélique et le sultan), regia di Bernard Borderie (1968)
Unter den Dächern von St. Pauli, regia di Alfred Weidenmann (1970)

Note

  1. a b c d e f Tutto Cinema. Il libro degli attori, Rizzoli Editore, 1977, pag. 202