Tuttototò - Don Giovannino

Tuttototo   Don GiovanninoTotò è perseguitato da un marito geloso, e per sfuggirgli si intrufola nell'ingresso degli artisti di un teatro di quart'ordine. Il marito lo segue anche lì, minacciandolo di morte. Totò allora si traveste da marionetta e compare sulla scena. L'episodio è la replica dello sketch del manichino, già proposto a teatro da Totò nella rivista C'era una volta il mondo di Michele Galdieri. Lo sketch, molto riuscito nella sua struttura surreale e farsesca, non è altro che la replica dello stesso rappresentato nella rivista C'era una volta il mondo e poi riproposto ne I pompieri di Viggiù, connotato dalla critica come lo sketch dei manichini. Totò, nel ruolo del manichino, ha facile gioco nel recitare un pezzo ben collaudato, che gli premette di esibirsi con l'illusione di trovarsi sul palcoscenico di un teatro. Il marito geloso è ancora una volta Mario Castellani, mentre la moglie in apprensione, che nella vecchia stesura era la giovane e attraente Isa Barzizza, è qui sostituita dall'esuberante e forse anche esagerata Gloria Paul. Le battute e le situazioni sono le stesse.

Regia: Daniele D'Anza - Soggetto: Antonio de Curtis, Bruno Corbucci - Sceneggiatura: Antonio de Curtis, Bruno Corbucci - Fotografia: Marco Scarpelli - Scenografia: Giorgio Aragno - Musica: Gianni Ferrio - Montaggio: Sergio Muzzi - Assistente alla regia: Simone Mattioli - Produzione: Aldo Pace per la BL Vision, Roma Prima trasmissione Rai: Programma nazionale, 18 maggio 1967 Durata: 50 minuti Interpreti e personaggi: Totò (Barnaba Parmigiani per gli amici Babà) - Gianni Agus (il cognato fioraio) - Antonella Lualdi (Elena la signora al parcheggio) - Franco Volpi (suo marito) - Gloria Paul (la signora Laura) - Mario Castellani (suo marito) - Cesare Gelli (linfermiere del manicomio) - Alfredo Rizzo (luomo che ritira il manichino) - Altri interpreti: Regina Seifert, Ivy Holzer, Cesarina Gherardi, Diana Rabitto


Guarda il film