CHE ME DICISTE A FFÀ

(Che me lo dicesti a fare)

(Antonio De Curtis - 1951)



Io campavo, ero felice
senza ammore e senza 'e te,
mo ce vo, comme se dice,
me sentevo cchiù 'e nu rre.
Ma na sera te 'ncuntraie
mentre ascevo 'a nu cafè
e, guardannete, penzaie:
"Sta bellezza è pe nu rre!"
Che me diciste a ffà "Te voglio bene",
che me 'mparaste a ffà che d' è l'ammore?
Pecchè mittiste 'o ffuoco int' a sti vvene?
Pecchè tu me 'mparaste a suspirà?
E mo che 'e te me songo 'nnammurato,
ammore mio, pecchè me vuò lassà?
'O saccio, vai dicenno: "Aggio pazziato:
è stato nu capriccio, passarrà!".
Che me diciste a ffà "Te voglio bene"
si chistu bene è n'infelicità?