FILOMÈ

(Antonio De Curtis - 1960)



Quando sto vicino a te,
Filomè, Filomè
io divento asmatico,
'mpiett' 'o core sai che ffa,
zompa 'a cca, zompa 'a lla,
ogni botta fa ta ta.
Se pranziamo tete-à -tete,
'mbocca a te, 'mbocca a me,
questo è sistematico,
non capisco niente più,
vedo giallo e dico: è blu,
ti domando come fu,
tu rispondi su per giù.

Tu sei bella, troppo bella,
quel che c'hai io non lo so,
tieni 'a capa ca è na palla,
tieni 'a sguessera 'e Totò.
A baciarti ho fatto il callo
e non mangio da quel di,
cu na fella 'e muzzarella
stongo fin' 'o lunnedi.

Filomè, Filomè, Filomè,
sono un uomo e non sono un marmocchio,
Filomè, Filomè, Filomè,
se ti guardo barcollo e sconocchio,
Filomè se sconocchio e barcollo
barcollo e sconocchio soltanto per te.

So che viene appresso a te,
Filomè, Filomè,
un signore strabico,
se lo incoccio a spasimà,
sparo a te, sparo a me,
sparo pure a chillu llà.
Son geloso e lo sai ben,
Filomè, Filomè,
che mi mangio il fegato,
a Chianciano me ne andrò
ma la cura non la fo,
per dispetto mangerò fegatini di
uova dure e un rococò.

Meglio se nc'appizza 'a pelle
che a campar senza il tuo amor,
quanno chiove 'nzerro 'o 'mbrello
piglio pure il raffreddor.
Come vedi il dado è tratto,
nun me 'mporta c'aggia fà,
tengo 'a scabbia e nun m' 'a gratto
e me moro 'e m' 'a grattà.

Filomè, Filomè, Filomè,
sono un uomo e non sono un marmocchio,
Filomè, Filomè, Filomè,
se ti guardo barcollo e sconocchio,
Filomè se sconocchio e barcollo
barcollo e sconocchio soltanto per te.


Filome Livella logo