Print Friendly, PDF & Email

MISS, MIA CARA MISS

Antonio de Curtis, 1958
Miss, mia cara miss

La incontrai per caso a Messina,
proveniva da Canicattì
prese posto sulla littorina,
che partiva gremita quel dì.
Al mio sguardo, ben chiaro e palese,
sorridendo rispose di sì.
Allora io, col mio nobile inglese,
sottovoce le dissi così:

Miss, mia cara Miss,
io faccio il fesso
ma fesso non so'.
Miss, mia dolce Miss
son genuflesso ai tuoi piedi però
insisto e cantoti
quel canto che sai tu
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù".

Miss, mia cara Miss,
faccio a scummessa
che tu sai già cos'è.
Miss, mia cara Miss,
tu l'hai capito
io che voglio da te.

Miss, mia cara Miss,
nu cuoppo allesse
io divento pe' te.
Miss, mia dolce Miss,
scaveme a fossa
ca io moro pe tte.
Perdonami se cantoti
quel canto che sai tu
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù".

Miss, mia cara Miss,
faccio a scummessa
ca io mi sposo a tte.
Miss, mia dolce Miss,
io voglio il bis e,
tu già sai di che.

La baciai, mi baciò; ci baciammo,
stretti stretti abbracciati così
per un'ora e tre quarti filammo
tutt'assieme sparò mezzodì.
Or mi scrive una lettera al mese
e mi dice: Mio caro mimì,
io rispondo al tuo nobile inglese
ma però nun riesco a capì.