Daniele Palmesi, Federico Clemente Gen 2014

MISS, MIA CARA MISS

(A. De Curtis - 1958)



La incontrai per caso a Messina,
proveniva da Canicattì,
prese posto sulla littorina,
che partiva gremita quel di.

Al mio sguardo, ben chiaro e palese,
non rispose né no e né sì.
Allora io, col mio nobile inglese,
sottovoce le dissi così:

Miss, mia cara Miss,
nu cuoppo allesse
io divento pe' te.
Miss, mia dolce Miss,
scaveme a fossa
ca io moro pe' tte.

Perdonami se cantoti
quell'aria che sai tu
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù".

Miss, mia cara Miss,
faccio a scummessa
ca io me sposo a tte.
Miss, mia cara Miss,
io voglio il bis e
tu lo sai di che.

La baciai, mi baciò, ci baciammo,
stretti stretti abbracciati così
per un'ora e tre quarti filammo
ad un tratto sparò mezzodì.

Or mi scrive una lettera al mese
e mi dice: "Mio caro Mimì",
io rispondo al tuo nobile inglese
ma però nun riesco a capì...

Miss, mia cara Miss,
nu cuoppo allesse
io divento pe' tte
Miss, mia dolce Miss,
scaveme a fossa
ca io moro pe' tte.

Perdonami se cantoti
quell'aria che sai tu
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù".

Miss, mia cara Miss,
faccio a scummessa
ca io mi sposo a tte
Miss, mia dolce Miss,
io voglio il bis e
tu lo sai di che.


Miss Mia Cara Miss logo

Miss mia cara Miss 03