Daniele Palmesi, Federico Clemente Gen 2014

NEMICA

(A. De Curtis - 1954)



T'aggio vuluto bbene overamente,
tutt'aggio fatto pe t'accuntentà,
st'ammore mio nun te cercava niente
e tu m' 'e dato l'infelicità.
Tutt' 'e fatiche meie t'aggiu spennuto
chello ca tu vulive là per là
vestite, oggetti, me sò appezzentuto...
e nun 'o dico pe t' 'o rinfaccià.
Nemica,
me dicive ammore mio,
io t' 'o giuro annanze a Dio
voglio bbene sulo a te.
Nemica,
io credevo a sta buscia
ch'era tutt' 'a vita mia
nce credevo e sai pecchè.
Nemica,
cu sta faccia accussì bella
cu sti modi 'e santarella
nun putevo mai sapè,
nemica,
ca purtavo na nemica
dint' o core comm'amica
na nemica comm'a te.

E mo tutt' è fernuto, si cuntenta
che male ancora me vulisse fà,
qual'ata cattiveria mo te tenta
nun t'è bastato che m' 'e fatto già.
Te si scuperta ca si malamente
ca si na 'nfama nata pe 'ngannà.
Però vaco dicenno a tutt' 'a gente
c' 'a vocca toia nun m' 'a pozzo scurdà.
Nemica,
me dicive ammore mio,
io t' 'o giuro annanze a Dio
voglio bbene sulo a te.
Nemica,
io credevo a sta buscia
ch'era tutt' 'a vita mia
nce credevo e sai pecchè.
Nemica,
cu sta faccia accussì bella
cu sti modi 'e santarella
nun putevo mai sapè,
nemica,
ca purtavo na nemica
dint' o core comm'amica
na nemica comm'a te.

Nemica logo

Nemica 02 logo