SULO

(Antonio De Curtis - 1955)



Comm'a'na varca spersa 'nmiez'o mare
stongo sbattenno'a che te ne si ghiuta,
nun saccio ch'aggia fà, parole amare
vaco parlanno sulo e penso a te;

e penso che t'aggiu voluto bene
comme bene se vò 'na vo-ta sola,
e tu pe' ricumpenza a tanta pene,
le mise int'a 'stu core... ma pecchè?

Sulo!
Songo rimasto Sulo
nun tengo cchiù a nisciuno,
tenevo sulo a te.

Sulo!
'ncopp'a 'stu munno sulo
chisongo mò... song'uno
ca chiagne e chiamma a te.

Sulo!
tu m'e rimasto sulo;
io moro 'e pucundria
e chesto 'o saie pecchè,
sulo,
nun pozzo campà sulo
pecchè 'sta vita mia
apparteneva a te.

'Sta vita toia è tutta 'na buscia
promesse, vase, abbracce e giuramenti,
quanno 'nce penso che malincunia
s'astregne 'o core e dico, ma pecchè?

Pecchè si bella e 'nfama cumm'o mare,
e cumm'o mare si 'na traditora,
tutt'è distrutto, tutt'è cose care,
e 'sta tempesta mò distrugge a me.

Sulo!


Sulo logo