Print Friendly, PDF & Email

MA CHE DULORE!

Ma che dolore!

State a sentì, ve voglio dì 'na cosa,
ma nun m'aita chiammà po' scustumato;
chello ca v'aggia dì è 'na quaccosa
ca i' penso che vvuje ggià nn'ite parlato.

Sta cusarella è ccosa ca sta a cuore
a tuttequante nuje napulitane:
sentennela 'e struppià, ma che dulore,
p'arraggia 'e vvote me magnasse 'e mmane!

Ma nun è proprio chisto l'argomento,
si 'a 'nguaiano o no la povera canzone...
Sanno parlà sultanto 'e tradimento!
'A verità, stu fatto m'indispone.

'Na vota se cantava "'O sole mio",
"Pusilleco... Surriento... Marechiaro",
"'O Vommero nce stà 'na tratturia"
"A purpe vanno a ppesca cu 'e llampare"

Chelli parole 'e sti canzone antiche,
mettevano int' 'o core n'allerezza;
chesti pparole 'e mo?... Che ffà... V' 'o ddico?
Nun è pe criticà: sò 'na schifezza!

"Torna cu mme... nun 'mporta chi t'ha avuta"
"'O ssaccio ca tu ggià staje 'mbraccio a n'ato".
"Stongo chiagnenno 'a che te ne si gghiuta"
"Che pozzo fà s'io songo 'nnammurato?"

Mettimmece 'na pezza, amici cari,
e nun cantammo cchiù: "Tu m'he traduto".
Sentenno sti ccanzone, a mme me pare,
'e sta' a sentì 'o lamiento d' 'e curnute!