RICUNUSCENZA

La riconoscenza

Stanotte 'a dint' 'o lietto cu' 'nu strillo
aggio miso arrevuoto tutt' 'a casa,
mme so' mmiso a zumpà comme a n'arillo
e nun mme faccio ancora persuaso.

Ma comme, dico io po', cu' tanta suonne
i' mme so' ghiuto a ffa' 'o cchiù malamente;
'sti suonne songo suonne ca te ponno
fa' rummannè stecchito comme a niente.

I' stevo allerta 'ncoppa a 'na muntagna.
Tutt'a 'nu tratto sento 'nu lamiento.
'O pizzo addò stev'i' era sulagno
dicette ncapo a me: è chisto è 'o viento!

Piglio e mme mengo pe' 'nu canalone
e veco sott'a albero piangente
'nu fuosso chino 'e prete a cuppolone
e sotto a tutto steva 'nu serpente.

"Aiuto! Aiuto!" 'O povero animale
se mettette alluccà cu tutt' 'o ciato!
Appena me vedette: "Menu male!
Salvatemi! I' mo moro asfessiato!"

"E chi t'ha cumbinato 'e sta manera?"
ll'addimannaje mentr' 'o libberavo.
"E' stato 'nu signore aieressera"
mme rispunnette, e ggià se repigliava.

"Si nun era pe' vvuje i' ccà murevo.
Faciteve abbraccià, mio salvatore!"
Mme s'arravoglia attuorno e s'astrigneva
ca n'atu ppoco mme schiattava 'o core.

"Lassama!" lle dicette. 'O vvi' ca i' moro?
E chianu chiano mme mancava 'a forza,
'o core mme sbattavall'uocchie 'a fore,
mentre 'o serpente cchiù stringneva 'a morza!

"Chisto è 'o ringraziamento ca mme faje?
Chesta è 'a ricunuscenza ca tu puorte?
A chi t'ha fatto bbene chesto faje?
Ca si' cuntento quanno 'o vide muorto!"

"Amico mio, serpente i' songo nato!
Chi nasce serpe è 'nfamo e senza core!
Perciò t'aggia mangià! Ma t'he scurdato
ca ll'ommo, spisso, fa cchiù peggio ancora?"