Liana Del Balzo (Eliana Del Balzo)

 

Pseudonimo di Eliana Del Balzo (Buenos Aires, 4 marzo 1899 – Roma, 26 marzo 1982), è stata un'attrice italiana.

Biografia

Nacque in Argentina da due immigrati italiani di modeste origini, dopo gli studi a Buenos Aires, ritornò in Italia con la famiglia a metà degli anni dieci, e qui cominciò ad interessarsi alla recitazione.

Attiva negli anni della giovinezza soprattutto in teatro e nell'operetta, (dove conobbe quello che sarebbe poi diventato suo marito, il tenore Guido Agnoletti), fece parte di formazioni di notevole fama e prestigio, come quella di Lamberto Picasso.

Con lo stesso Picasso ritornò a lavorare nel 1944, subito dopo la liberazione di Roma, quando venne chiamata ad interpretare miss Fordyce nell'edizione italiana di Donne di Clare Boothe Luce: fu uno dei più grandi successi della sua carriera.

Svolse un'intensa attività teatrale con Sergio Tofano, Vittorio De Sica, Evi Maltagliati e Luigi Cimara. Per potersi finanziare delle coraggiose imprese teatrali, cominciò a lavorare nel cinema nel 1935, ottenendo una piccola parte nel film Casta diva, di Carmine Gallone.

Interprete di molte altre pellicole fra gli anni trenta e quaranta, riscosse maggiore successo al cinema negli anni cinquanta e sessanta, apparendo in film come Bravissimo di Luigi Filippo D'Amico (1955), Ben-Hur di William Wyler (1959), Il moralista di Giorgio Bianchi (1959), Totò, Fabrizi e i giovani d'oggi di Mario Mattoli (1960), Il disco volante di Tinto Brass (1964) e Profondo rosso di Dario Argento (1975).

Eccellente attrice di carattere, alta, magra e con il naso aquilino, dai modi disinvolti e spigliati, fu una delle più operose attrici del cinema italiano, potendo vantare una carriera durata quasi cinquant'anni.

Negli anni sessanta, benché si fosse ritirata dopo la morte del marito nella casa di riposo per attori Lyda Borelli di Bologna, ancora arzilla ed in piena salute continuò a lavorare a pieno ritmo, apparendo molto spesso anche in televisione.

Morì nel 1982 a Roma, dove si trovava per un breve periodo di vacanza.

Venne molto spesso doppiata: ad esempio, ne Il moralista da Tina Lattanzi, in Profondo rosso le presta la voce Wanda Tettoni.

Filmografia

Casta Diva, regia di Carmine Gallone (1935)
Ballo al castello, regia di Max Neufeld (1939)
Una moglie in pericolo, regia di Max Neufeld (1939)
Il sogno di Butterfly, regia di Carmine Gallone (1939)
Eravamo sette vedove, regia di Nunzio Malasomma (1939)
Finisce sempre così, regia di Enrique Susini (1939)
Torna caro ideal, regia di Guido Brignone (1939)
Le educande di Saint-Cyr, regia di Gennaro Righelli (1939)
Scandalo per bene, regia di Esodo Pratelli (1940)
Centomila dollari, regia di Mario Camerini (1940)
Kean, regia di Guido Brignone (1940)
La canzone rubata, regia di Gennaro Righelli (1940)
La fanciulla di Portici, regia di Mario Bonnard (1940)
Idillio a Budapest, regia di Giorgio Ansoldi e Gabriele Varriale (1941)
Tosca, regia di Carl Koch (1941)
Caravaggio, il pittore maledetto, regia di Goffredo Alessandrini (1941)
Il re si diverte, regia di Mario Bonnard (1941)
L'orizzonte dipinto, regia di Guido Salvini (1941)
I mariti (Tempesta d'anime), regia di Camillo Mastrocinque (1941)
È caduta una donna, regia di Alfredo Guarini (1941)
Sancta Maria, regia di Pier Luigi Faraldo (1942)
Soltanto un bacio, regia di Giorgio Simonelli (1942)
La principessa del sogno, regia di Roberto Savarese e Maria Teresa Ricci (1942)
Miliardi, che follia!, regia di Guido Brignone (1942)
La signorina, regia di Ladislao Kish (1942)
La donna del peccato, regia di Harry Hasso (1942)
Sette anni di felicità, regia di Roberto Savarese (1942)
Harlem, regia di Carmine Gallone (1943)
La danza del fuoco, regia di Giorgio Simonelli (1943)
Sempre più difficile, regia di Renato Angiolillo e Piero Ballerini (1943)
Apparizione, regia di Jean de Limur (1943)
Il diavolo va in collegio, regia di Jean Boyer (1944)
L'apocalisse, regia di Giuseppe Maria Scotese (1946)
I fratelli Karamazoff, regia di Giacomo Gentilomo (1947)
Eugenia Grandet, regia di Mario Soldati (1947)
Il fiacre n. 13, regia di Mario Mattoli (1948)
Santo disonore, regia di Guido Brignone (1949)
Totò cerca casa, regia di Steno e Mario Monicelli (1949)
I pirati di Capri, regia di Giuseppe Maria Scotese (1949)
Strano appuntamento, regia di Dezső Ákos Hamza (1950)
Romanzo d'amore, regia di Duilio Coletti (1950)
Il ladro di Venezia, regia di John Brahm (1950)
Sette ore di guai, regia di Vittorio Metz (1951)
Una bruna indiavolata, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1951)
Amore e sangue, regia di Marino Girolami (1951)
Quo Vadis, regia di Mervyn LeRoy (1951)
Altri tempi - Zibaldone n. 1, regia di Alessandro Blasetti (1952)
Moglie per una notte, regia di Mario Camerini (1952)
Il romanzo della mia vita, regia di Lionello De Felice (1952)
Don Lorenzo, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1952)
Fanciulle di lusso, regia di Bernhard Vorhaus (1953)
Giuseppe Verdi, regia di Raffaello Matarazzo (1953)
Una donna prega, regia di Anton Giulio Majano (1954)
Carosello napoletano, regia di Ettore Giannini (1954)
I cavalieri della regina, regia di Mauro Bolognini (1954)
Bravissimo, regia di Luigi Filippo D'Amico (1955)
La donna più bella del mondo, regia di Robert Z. Leonard (1956)
Valeria ragazza poco seria, regia di Guido Malatesta (1958)
Le cameriere, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1959)
Il moralista, regia di Giorgio Bianchi (1959)
Ben-Hur, regia di William Wyler (1959)
L'ultimo zar, regia di Pierre Chenal (1960)
I cosacchi, regia di Giorgio Rivalta (1960)
Apocalisse sul fiume giallo, regia di Renzo Merusi (1960)
Totò, Fabrizi e i giovani d'oggi, regia di Mario Mattoli (1960)
Cinque giorni in contanti, (1961)
I masnadieri, regia di Mario Bonnard (1961)
Sodoma e Gomorra, regia di Robert Aldrich e Sergio Leone (1962)
Venere imperiale, regia di Jean Delannoy (1963)
La donna degli altri è sempre più bella, regia di Marino Girolami (1963)
I gemelli del Texas, regia di Steno (1964)
Il disco volante, regia di Tinto Brass (1964)
Operazione San Gennaro, regia di Dino Risi (1966)
La bisbetica domata, regia di Franco Zeffirelli (1967)
Zorro alla corte d'Inghilterra, regia di Franco Montemurro (1969)
Infanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova, veneziano, regia di Luigi Comencini (1969)
I fratelli Karamàzov, regia di Sandro Bolchi (sceneggiato televisivo) (1969)
Shango, la pistola infallibile, regia di Edoardo Mulargia (1970)
L'inafferrabile invincibile Mr. Invisibile, regia di Antonio Margheriti (1970)
Un omicidio perfetto a termine di legge, regia di Tonino Ricci (1971)
Novelle galeotte d'amore, regia di Antonio Margheriti (1972)
La prima notte di quiete, regia di Valerio Zurlini (1972)
Colpo grosso... grossissimo... anzi probabile, regia di Tonino Ricci (1972)
Il gatto di Brooklyn aspirante detective, regia di Oscar Brazzi (1973)
Profondo rosso, regia di Dario Argento (1975)
Il vizietto, regia di Edouard Molinaro (1978)
La luna, regia di Bernardo Bertolucci (1979)

Doppiatrici

Wanda Tettoni in I masnadieri, Sodoma e Gomorra, Profondo rosso, Il vizietto
Lola Braccini in Il ladro di Venezia
Tina Lattanzi in Il moralista
Franca Lumachi in Giallo a Firenze