Print Friendly, PDF & Email

Marco Guglielmi (Augusto Guglielmi)

Pseudonimo di Augusto Guglielmi (Sanremo, 6 ottobre 1928 – Roma, 28 dicembre 2005), è stato un attore italiano.

Biografia

Nato a Sanremo, dopo aver soggiornato a Littoria dal 1940, si trasferisce nel dopoguerra a Roma, per frequentare i corsi di recitazione del Centro Sperimentale di Cinematografia ottenendo il diploma nel 1953, mentre già aveva partecipato ad alcuni film in piccole parti.

Attore presente anche nei palcoscenici teatrali, lavora con una certa continuità nel campo dei fotoromanzi del periodo, per essere impegnato dalla fine degli anni cinquanta nella prosa televisiva della RAI, recitando sia in commedie che negli sceneggiati, tra cui Joe Petrosino, del 1972, e la serie diretta da Giorgio Moser le Avventure di mare e di costa.

Muore a Roma nel 2005, dopo aver partecipato a quasi 80 pellicole.

Filmografia

Nessuno ha tradito, regia di Roberto Bianchi Montero (1951)
Erano trecento..., regia di Gian Paolo Callegari (1952)
Er fattaccio, regia di Riccardo Moschino (1953)
Attila, regia di Pietro Francisci (1954)
L'arte di arrangiarsi, regia di Luigi Zampa (1954)
Proibito, regia di Mario Monicelli (1954)
Divisione Folgore, regia di Duilio Coletti (1955)
Andrea Chénier, regia di Clemente Fracassi (1955)
Destinazione Piovarolo, regia di Domenico Paolella (1955)
Gli sbandati, regia di Citto Maselli (1955)
Dimentica il mio passato, regia di Primo Zeglio (1956)
Una voce, una chitarra, un po' di luna, regia di Giacomo Gentilomo (1956)
I fidanzati della morte, regia di Romolo Marcellini (1956)
El Alamein, regia di Guido Malatesta (1957)
La canzone del destino, regia di Marino Girolami (1957)
La canzone più bella, regia di Ottorino Franco Bertolini (1957)
Adorabili e bugiarde, regia di Nunzio Malasomma (1958)
Pezzo, capopezzo e capitano, regia di Wolfgang Staudte (1958)
Guardia, ladro e cameriera, regia di Steno (1958)
Pensione Edelweiss, regia di Ottorino Frando Bertolini (1958)
Vite perdute, regia di Adelchi Bianchi e Roberto Mauri (1958)
Il terrore della maschera rossa, regia di Luigi Capuano (1959)
I sicari di Hitler, regia di Ralph Habib (1959)
Gli avventurieri dei Tropici, regia di Sergio Bergonzelli (1960)
Il principe fusto, regia di Maurizio Arena (1960)
Ombre bianche, regia di Baccio Bandini (1960)
Cavalcata selvaggia, regia di Piero Pierotti (1960)
Il mulino delle donne di pietra, regia di Giorgio Ferroni (1960)
L'ultimo zar, regia di Pierre Cheval (1960)
Giuseppe venduto dai fratelli, regia di Irving Rapper (1961)
Il dominatore dei sette mari, regia di Primo Zeglio (1961)
Cronaca familiare, regia di Valerio Zurlini (1961)
I pianeti contro di noi, regia di Romano Ferrara (1962)
Tempo di credere, regia di Antonio Racioppi (1962)
Venere imperiale, regia di Jean Dellanoy (1962)
La visita, regia di Antonio Pietrangeli (1963)
Terrore nella notte, regia di Heinz Reinl (1963)
Luciano, una vita bruciata, regia di Gian Vittorio Bladi (1963)
Il peccato, regia di Jorge Grau (1963)
La vendetta della signora, regia di Bernhart Wicki (1964)
Una sporca guerra, regia di Dino Tavella (1964)
Berlino, appuntamento per le spie, regia di Vittorio Sala (1965)
New York chiama Superdrago, regia di Giorgio Ferroni (1966)
Le dolci signore, regia di Luigi Zampa (1967)
Avventurieri per una rivolta, regia di Jean Besnard (1967)
Bandidos, regia di Massimo Dallamano (1967)
Un uomo, un cavallo, una pistola, regia di Luigi Vanzi (1967)
Si muore solo una volta, regia di Giancarlo Romitelli (1967)
Corri uomo corri, regia di Sergio Sollima (1968)
La battaglia di El Alamein, regia di Giorgio Ferroni (1968)
Probabilità zero, regia di Maurizio Lucidi (1968)
Plagio, regia di Sergio Capogna (1969)
Revenge, regia di Piero Tosini (1969)
La guerra sul fronte Est, regia di Tanio Boccia (1970)
Un gioco per Eveline, regia di Marcello Avallone (1971)
La tecnica e il rito, regia di Miklòs Jancsò (1971)
Cristiana, monaca indemoniata, regia di Sergio Bergonzelli 1973)
Società a responsabilità molto limitata, regia di Paolo Bianchini (1973)
24 ore... non un minuto di più, regia di Franco Bottari (1973)
La minorenne, regia di Silvio Amadio (1974)
Perché si uccide un magistrato, regia di Damiano Damiani (1974)
Mussolini ultimo atto, regia di Carlo Lizzani (1974)
La legge della Camorra, regia di Demofilo Fidani (1976)
Il cinico, l'infame, il violento, regia di Umberto Lenzi (1976)
Gli amici di Nick Hezard, regia di Fernando Di Leo (1976)
Candido erotico, regia di Claudio De Molinis (1978)
Il grande attacco, regia di Umberto Lenzi (1978)
Canto d'amore, regia di Elda Tattoli (1982)
Un uomo di razza, regia di Bruno Rasia (1988)

Prosa televisiva RAI

La luna è tramontata, regia di Eros Macchi, trasmessa il 6 aprile 1962.
Un grosso affare, regia di Daniele D'Anza, trasmessa il 30 giugno 1968.
Dov'è Anna?, regia di Piero Schivazappa, trasmesso dal 13 gennaio al 24 febbraio 1976.
Accadde ad Ankara, regia di Mario Landi, trasmesso nel marzo 1979.
Asmodeo di Francois Mauriac, regia di Bruno Rasia, trasmessa il 19 febbraio 1983.

Bibliografia

Catalogo Bolaffi del cinema italiano di Gianni Rondolino 1945/1955
Gli attori, Gremese editore Roma 2002
Le Teche Rai, la prosa televisiva dal 1954 al 2008