Mario Frera

Nome d'arte di Mario Frescura (Napoli, 9 dicembre 1924 – Roma, 22 dicembre 1987), è stato un attore italiano.

Biografia

Nato nel 1924, dopo aver studiato 2 anni con il tenore Giuseppe Godono, Mario Frera debutta nell'Aprile del 1942 come cantante nella compagnia Cafiero-Fumo al teatro Apollo di Napoli. Successivamente passa alla recitazione e approda nel 1948 nella compagnia di Eduardo De Filippo. Qui conosce l'attrice Rosita Pisano che sposera' nel 1952. Il drammaturgo napoletano crede nel talento del giovane Frera e gli affida ruoli importanti come Peppe 'o cricco in Napoli milionaria. Con De Filippo effettua lunghe tournée in Italia fino al 1952. In quell'anno prende parte insieme alla moglie alla rivista musicale Tarantella napoletana di Ettore Giannini, riscuotendo un successo personale nella interpretazione di Pulcinella.

Dal 1955 al 1959 Mario Frera passa a far parte della compagnia teatrale di Nino Taranto recitando sempre in ruoli brillanti. Dal 1963 al 1966, ancora insieme alla moglie, è a Napoli al teatro Bracco diretto dal regista Gennaro Magliulo. Nella stagione 1967-68 lo vediamo nell'atto unico Toledo 'e notte di Raffaele Viviani per la regia di Peppino Patroni Griffi. Da quel momento Mario Frera dirada quasi del tutto le apparizioni in teatro dedicandosi alla carriera cinematografica e al doppiaggio.

È padre del cantautore Paolo Frescura. Si spegne nel 1987, a 63 anni.

Il cinema

Debutta nel cinema nel 1949 nel film Il mulatto. Successivamente partecipa a numerose pellicole, sempre in parti di caratterista, sino alla fine degli anni ottanta. Ha recitato, tra gli altri, accanto a Eduardo e Peppino De Filippo, Totò, Sofia Loren, Dustin Hoffman, Ugo Tognazzi, Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Ben Gazzarra e Franchi-Ingrassia. È stato anche un attivissimo doppiatore, per oltre 30 anni, specializzato in cadenza napoletana.



Filmografia

Il mulatto, regia di Francesco De Robertis (1949)
Napoli milionaria, regia di Eduardo De Filippo (1950)
Il mago per forza, regia di Girolami, Metz e Marchesi (1951)
Cani e gatti, regia di Leonardo De Mitri (1952)
Milano miliardaria, regia di Marcello Marchesi e Vittorio Metz (1952)
Marito e moglie, regia di Eduardo De Filippo (1952)
Tarantella napoletana, regia di Camillo Mastrocinque (1953)
Il paese dei campanelli, regia di Jean Boyer (1954)
Le signorine dello 04, regia di Gianni Franciolini (1955)
Siamo uomini o caporali, regia di Camillo Mastrocinque (1955)
Ci sposeremo a Capri, (1956)
Mogli e buoi, (1956)
Mariti in città, regia di Luigi Comencini (1957)
Tuppe tuppe, Marescià!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1958)
La nipote Sabella, regia di Giorgio Bianchi (1958)
La grande guerra, regia di Mario Monicelli (1959)
Gastone, regia di Mario Bonnard (1959)
Il vigile, regia di Luigi Zampa (1960)
La ciociara, regia di Vittorio De Sica (1960)
Il mattatore, regia di Dino Risi (1960)
La contessa azzurra, (1960)
Tutti a casa, regia di Luigi Comencini (1960)
Processo a porte chiuse, (1960)
Il re di Poggioreale, (1960)
Mani in alto, (1961)
Gli incensurati, regia di Francesco Giaculli (1961)
Mariti in pericolo, regia di Mauro Morassi (1961)
Pugni pupe e marinai, (1961)
Briganti italiani, (1961)
Totò e Peppino divisi a Berlino, (1961)
Odio mortale, (1962)
Totòtruffa 62, (1962)
Le massaggiatrici, (1962)
Peccati d'estate, (1962)
I motorizzati, (1962)
I mostri (episodio L'educazione sentimentale), (1963)
Un mostro e mezzo, (1964)
I due mafiosi, regia di Giorgio Simonelli (1964)
I due toreri, (1964)
I complessi, (1965)
Due mafiosi contro Goldginger, (1965)
Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
Due mafiosi contro Al Capone, (1966)
I nostri mariti, (1966)
I due vigili, (1967)
Io non protesto, io amo, (1967)
I due figli di Ringo, (1967)
Un italiano in America, (1967)
Operazione ricchezza, (1968)
Toh, è morta la nonna!, regia di Mario Monicelli (1969)
Il divorzio, regia di Romolo Guerrieri (1970)
Le mille e una notte all'italiana, (1972)
Alfredo, Alfredo, regia di Pietro Germi (1972)
Il Decamerone proibito, (1972)
Metti lo diavolo tuo ne lo mio inferno, regia di Bitto Albertini (1972)
Il terrore con gli occhi storti, (1972)
La mano nera, regia di Antonio Racioppi (1973)
I racconti di Viterbury - Le più allegre storie del '300, regia di Mario Caiano (1973)
...e continuavano a mettere lo diavolo ne lo inferno, regia di Bitto Albertini (1973)
L'emigrante, (1973)
Poliziotto senza paura, (1977)
Il camorrista, (1986)

Doppiaggio

Giuseppe Ianigro in Gli anni ruggenti
Oreste Palella in Sedotti e bidonati
Michele Cimarosa in In nome del popolo italiano
Gianni Baghino in Due cuori, una cappella
Vittorio Zarfati in I nuovi mostri
Franco Angrisano in Napoli... la camorra sfida, la città risponde
Ugo D'Alessio in " Carmela è una bambola"
Nino Vingelli in "Napoli...serenata Calibro 9"
Come attore è stato doppiato da
Vinicio Sofia in I due mafiosi
Pino Locchi in I due toreri
Enzo Liberti in Le signorine dello 04
Carlo Romano in Due mafiosi contro Goldginger
Michele Gammino in Alfredo Alfredo
Gianni Musy in I racconti di Viterbury - Le più allegre storie del '300

Prosa radiofonica RAI

Mettiamo le carte in tavola, trasmessa nel 1956.
Le voci di dentro di Eduardo De Filippo, regia di Eduardo De Filippo, trasmessa il 23 luglio 1959.
Il cappello del prete, trasmessa nel 1969.

Prosa televisiva

Il presidente, (1956)
Il novelliere, (1960)
Morte di Carnevale, (1960)
So' 10 anni, (1961)
Giorni di sete, (1961)
Il numero vincente, (1962)
Oliviero in terra e cielo, (1962)
Villeggiatura per forza, (1963)
Luisa Sanfelice, (1966)
La famiglia Benvenuti, (1968)
Marcovaldo, (1969)
Fine dei Borboni, (1969)
Napoli notte e giorno ("Toledo 'e notte"), (1969)
Un'estate, un inverno, (1970)
Donnarumma all'assalto, (1971)