Print Friendly, PDF & Email

Miranda Campa (Liliana Campa Capodaglio)

Nome d'arte di Liliana Campa Capodaglio (Ginevra, 31 gennaio 1914 – Roma, 29 maggio 1989), è stata un'attrice italiana attiva soprattutto in teatro.

Biografia

Nipote degli attori Pio Campa e Wanda Capodaglio, nasce in Svizzera durante una tournée dei genitori, anch'essi attori.

Negli anni della giovinezza è promettente allieva dell'Accademia d'arte drammatica di Roma diretta da Silvio D'Amico, dove ottiene il diploma nel 1937. Lavora dapprima nella compagnia dell'Accademia stessa, per passare negli anni seguenti al Piccolo Teatro di Roma, diretto da Orazio Costa.

Fra gli anni cinquanta e gli anni sessanta lavora con Andreina Pagnani, Aroldo Tieri e Vittorio Gassman, approdando nel 1957 al Teatro Sant'Erasmo.

L'attività svolta da Miranda Campa nel cinema è alquanto marginale: prende parte infatti a circa 40 pellicole, ma sempre in parti da caratterista di secondo o terzo piano, senza giungere mai ad interpretare ruoli da protagonista.

Ha tenuto corsi di dizione e recitazione fino alla fine. Dai suoi corsi sono usciti attori e non, come per esempio: Renzo Bianconi (ballerino), Olimpia Carlisi (attrice), Laura de Marchi (attrice), Franca Squarciapino (costumista), Maria Grazia Nazzari (attrice), Bettina Giovannini (attrice), ecc.

Ha lavorato fino alla sua morte, avvenuta improvvisamente per arresto cardiaco nel maggio del 1989.[1]

Prosa teatrale

Processo a Gesù di Diego Fabbri, regia di Orazio Costa, prima al Piccolo Teatro di Milano il 2 marzo 1955.
La casa di Bernarda Alba di Federico García Lorca, regia di Giorgio Strehler, prima al Piccolo Teatro di Milano il 21 aprile 1955.


Galleria fotografica


Filmografia

Il figlio di d'Artagnan, regia di Riccardo Freda (1949)
Contro la legge, regia di Flavio Calzavara (1950)
Sigillo rosso, regia di Flavio Calzavara (1950)
La grande rinuncia, regia di Aldo Vergano (1951)
Gli uomini non guardano il cielo, regia di Umberto Scarpelli (1952)
Il ritorno di Don Camillo, regia di Julien Duvivier (1952)
Donne proibite, regia di Giuseppe Amato (1953)
Ti ho sempre amato!, regia di Mario Costa (1953)
Pietà per chi cade, regia di Mario Costa (1954)
Le signorine dello 04, regia di Gianni Franciolini (1954)
La schiava del peccato, regia di Raffaello Matarazzo (1954)
Le due orfanelle, regia di Giacomo Gentilomo (1954)
Racconti romani, regia di Gianni Franciolini (1955)
Prigionieri del male, regia di Mario Costa (1956)
Peccato di castità, regia di Gianni Franciolini (1956)
I vampiri, regia di Riccardo Freda (1956)
Solo Dio mi fermerà, regia di Renato Polselli (1957)
Il cavaliere del castello maledetto, regia di Mario Costa (1958)
Nella città l'inferno, regia di Renato Castellani (1959)
La battaglia di Maratona, regia di Bruno Vailati (1959)
I tartassati, regia di Steno (1959)
L'ultimo zar, regia di Pierre Chenal (1960)
Le signore, regia di Turi Vasile (1960)
Apocalisse sul fiume giallo, regia di Renzo Merusi (1960)
Le baccanti, regia di Giorgio Ferroni (1960)
La garçonnière, regia di Giuseppe De Santis (1960)
Il conquistatore di Corinto, regia di Mario Costa (1961)
Barabba, regia di Richard Fleischer (1961)
L'oro di Roma, regia di Carlo Lizzani (1961)
Ursus e la ragazza tartara, regia di Remigio Del Grosso (1961)
Il gladiatore di Roma, regia di Mario Costa (1962)
Cronaca familiare, regia di Valerio Zurlini (1962)
Il letto di sabbia, regia di Albino Principe (1964)
La moglie del prete, regia di Dino Risi (1970)
In fondo alla piscina, regia di Eugenio Martín (1971)
L'uomo di Saint-Michel, regia di Jacques Deray (1971)
La sostituzione, regia di Franco Brogi Taviani, film TV (1971)
Forza "G", regia di Duccio Tessari (1972)
Una breve vacanza, regia di Vittorio De Sica (1973)
Chiaro di donna, regia di Costa-Gavras (1979)
Sogni d'oro, regia di Nanni Moretti (1981)
Grog, regia di Felice Laudadio (1982)

Prosa televisiva RAI

Fedra di Jean Racine, regia di Corrado Pavolini, trasmessa il 13 novembre 1957.
Canne al vento di Grazia Deledda, regia di Mario Landi, trasmessa dall'8 al 29 novembre 1958.
Le due orfanelle, regia di Guglielmo Morandi, trasmessa il 14 dicembre 1959.
Il cane dell'ortolano di Lope de Vega y Carpio, regia Guglielmo Morandi, trasmessa il 23 marzo 1962, Programma Nazionale.
I Dialoghi delle Carmelitane di Georges Bernanos, regia Orazio Costa Giovangigli, trasmessa il 12 Novembre 1962, Secondo canale.
Le acque della luna, regia di Mario Lanfranchi, trasmessa il 5 Gennaio 1962, Programma Nazionale.
... E Giove ride, regia di Enrico Colosimo, trasmessa il 1 febbraio 1963, Programma Nazionale.
Addio giovinezza!, regia di Silverio Blasi, trasmessa il 7 maggio 1965.
Il processo di Santa Teresa del Bambino Gesù, regia di Vittorio Cottafavi, trasmesso sul Nazionale il 24 marzo 1967.
La donna di quadri, regia di Leonardo Cortese, trasmessa nel 1968.
Il giudice e il suo boia di Friedrich Durrenmatt, regia di Daniele D'Anza, trasmessa il 6 ed 8 febbraio 1972.
Malombra di Antonio Fogazzaro, regia di Raffaele Meloni, trasmessa dal 21 aprile al 12 maggio 1974.
Disonora il padre di Enzo Biagi, regia di Sandro Bolchi, (sceneggiato in 3 puntate), trasmesso dal 3 Dicembre al 17 Dicembre 1978.