IL MUSEO VIRTUALE

Multim Museo

Questa sezione del sito è forse la più importante. I documenti qui pubblicati non sono di pubblico dominio ma sono stati messi gentilmente a disposizione di tutte le persone che amano la figura, l'arte e le opere del Principe Antonio de Curtis da Federico Clemente, figlio del cugino, amico e segretario personale di Totò. Ricordo che Federico Clemente è il "custode" del famoso baule di Totò, ove vi sono conservati i documenti, accessori e gli abiti di scena che sono appartenuti a Totò.

 

Le sale da visitare

Il Museo virtuale

Elaborati originali

Vai alla pagina...

Il Museo virtuale

Documentazione e oggettistica varia

Vai alla pagina...

Il baule di Totò

Il contenuto del famoso baule di scena di Totò con immagini in alta definizione e dettagli particolareggiati

Vai alla pagina...

L'angolo del collezionista

Vai alla pagina...

 

"Made in Italy" - RAI Uno - La puntata del 6 marzo 1999 va in onda da Napoli. Federico Fazzuoli - accompagnato dalla figlia di Totò, Liliana de Curtis, dall'Architetto Gaetano Mollura del Servizio Interventi nel Centro Storico, dall'Assessore alla Dignità del Comune Dott.ssa Maria Fortuna Incostante - conduce i telespettatori nel cuore nel quartiere Sanità, con il quartiere Spagnolo uno dei più affascinanti e degradati della città, per parlare del progetto Urban di riqualificazione ambientale e di sostegno alle attività artigianali, finanziato con i fondi della CEE. Le telecamere entrano nel Museo dedicato al grande comico partenopeo e destinato a diventare il fulcro della rinascita del quartiere Sanità. All'interno Liliana de Curtis sorprende i telespettatori mostrando in anteprima la mitica bombetta, la scatola del trucco, il diploma di liceo classico. Sulla terrazza del Museo Eugenio Bennato si esibisce in una tarantella mentre la moglie Pietra Montercovino canta Malafemmena.