NUN SI 'NA FEMMENA

Bonagura, Antonio de Curtis, 1951
Non sei una femmina


Quanto so' belle 'sti manelle 'e fata
quanto so' belle st'uocchie tuie curvine
e chesta chioma nera e avvellutata
pare 'na massa 'e file 'e seta fine.

Gnernò, nun sì 'na femmena,
tu sì 'na cesta 'e rose
sì 'nu canisto 'e fravule addirose;
Gnorsì, te l'aggia dicere
ca 'nterra sì 'na stella
tu sì 'na scarda 'e femmena,
sì troppo bella, bella ojnè.

'A primma vota ca t'aggio 'ncuntrata
nu lampo me sentette 'e venì 'mpietto
e 'ncapa a mme penzaie mo chisto è stato
'o Pateterno a farme 'stu dispietto.

Gnernò, nun sì 'na femmena,
tu sì 'na meraviglia
ma comm' 'a fatto mammeta 'sta figlia;
Gnorsì, te l'aggia dicere
ca sì 'na melodia
tu sì 'a cchiù bella musica,
d' 'a vita mia, spusate a mme.

S'io fossi 'o presidente 'e 'na giuria,
senza pensarce 'ncoppa t'eleggesse
l'unica Miss 'e tutta 'a vita mia
e forte dint' 'e braccia t'astrignesse.

Gnernò, nun sì 'na femmena,
tu sì 'na tentazione
si 'nu supplizio sì 'na dannazione;
Gnorsì, te l'aggia dicere
ca sì na calamità peggio d' 'a bomba atomica
me lieve 'a vita, crideme a mme.



Il brano interpretato da Totò
Il brano interpretato da Giacomo Rondinella