'N CE SO' CADUTO

(Antonio De Curtis)


Nun cunuscevo ammore,
nun sapevo ched'è.
Penzavo: chistu core
nun ll'adda maje sapè.

Ma quanno te 'ncuntraje,
senza sapè pecchè,
io me ne annammuraie
e mmo sò pazzo 'e te.

So' 'nnammurat' 'e te - so 'nnammurato,
e nun saccio pecchè - nce sò caduto,
forse è sta vocca toja ch'è profumata,
forse pe st'uocchie tuoje ca sò 'e velluto.

E mmo ca tu si o bbene 'e chistu bbene
si 'a luce, 'o sole, e ll'aria ca io respiro.
Chesta felicità mo m'appartiene
so 'nnammurat' 'e te ammore mio.

E mmo conosco ammore
e saccio chello che è
la sera conto ll'ore
pe m'abbraccià cu tte.

'E zucchero sti vase
so ddoce comm'a cchè
e quanno tu me vase
cchiù mmannammoro 'e te.

Testo Nce So Caduto

Originale del testo dattiloscritto dell'opera
(per gentile concessione di Federico Clemente figlio di Eduardo Clemente, cugino e segretario particolare di Totò)

Il sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy di tototruffa2002.it