Nino Marchesini (Gaetano Marchesini)

Nome d'arte di Gaetano Marchesini (Lecce, 1º gennaio 1895 – Roma, 13 gennaio 1961), è stato un attore italiano, attivo in teatro, cinema e televisione.

Biografia

Lavora in teatro distinguendosi per la dizione chiara. Debutta al cinema nel 1931 come attore di supporto. Appare in quasi tutti i generi, dalla commedia al melodramma, dal poliziesco fino al mitologico. Attivo ininterrottamente fino al 1960, appare anche nel primo periodo televisivo, durante gli anni cinquanta, nel dramma Il sogno dello zio tratto dalla novella omonima di Fëdor Dostoevskij e diretto da Guglielmo Morandi e nello sceneggiato L'alfiere diretto da Anton Giulio Majano. Sposato con l'attrice teatrale e cinematografica Italia Marchesini, con la quale reciterà spesso insieme, si spegne nella capitale italiana all'età di 66 anni, dopo quasi 70 pellicole interpretate. Il figlio Gianni Mantesi è stato anch'egli attore e doppiatore.



Filmografia

La stella del cinema, regia di Mario Almirante (1931)
Il feroce Saladino, regia di Mario Bonnard (1937)
Eravamo sette vedove, regia di Mario Mattoli (1939)
L'amore si fa così, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1939)
Lo vedi come sei... lo vedi come sei?, regia di Mario Mattoli (1939)
Abbandono, regia di Mario Mattoli (1940)
Amami Alfredo, regia di Carmine Gallone (1940)
Antonio Meucci, regia di Enrico Guazzoni (1940)
Arditi civili, regia di Domenico Gambino (1940)
La figlia del Corsaro Verde, regia di Enrico Guazzoni (1940)
L'assedio dell'Alcazar, regia di Augusto Genina (1940)
Non me lo dire!, regia di Mario Mattoli (1940)
Amore imperiale, regia di Alexandre Wolkoff (1941)
Beatrice Cenci, regia di Guido Brignone (1941)
A che servono questi quattrini?, regia di Esodo Pratelli (1942)
Catene invisibili, regia di Mario Mattoli (1942)
Colpi di timone, regia di Gennaro Righelli (1942)
I due Foscari, regia di Enrico Fulchignoni (1942)
Fedora, regia di Camillo Mastrocinque (1942)
Malombra, regia di Mario Soldati (1942)
M.A.S., regia di Romolo Marcellini (1942)
Paura d'amare, regia di Gaetano Amata (1942)
La signorina, regia di Ladislao Kish (1942)
Dagli Appennini alle Ande, regia di Flavio Calzavara (1943)
L'angelo bianco, regia di Giulio Antamoro, Federico Sinibaldi ed Ettore Giannini (1943)
Enrico IV, regia di Giorgio Pastina (1943)
La contessa Castiglione, regia di Flavio Calzavara (1944)
La Fornarina, regia di Enrico Guazzoni (1944)
La rivincita di Baccarat, regia di Jacques De Baroncelli (1946)
Rocambole, regia di Jacques De Baroncelli (1946)
Lohengrin, regia di Max Calandri (1947)
Il barone Carlo Mazza, regia di Guido Brignone (1948)
La figlia del mendicante, regia di Carlo Campogalliani (1950)
Figaro quà, figaro là, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
Le sei mogli di Barbablù, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
Totò cerca moglie, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
Peppino e la vecchia signora, regia di Emma Gramatica e Piero Ballerini (1954)
Cantami: Buongiorno Tristezza!, regia di Giorgio Pàstina (1955)
Ciao, pais..., regia di Osvaldo Langini (1956)
Io Caterina, regia di Oreste Palella (1957)



Prosa televisiva Rai

I nostri sogni, regia di Guglielmo Morandi, trasmessa il 21 gennaio 1955.
Marta la madre, regia di Anton Giulio Majano, trasmessa il 25 novembre 1960.